113

INNOCENTI SMALL

INNOCENTI NUOVA MINI - SMALLITALIA La Small “Nuova Mini” fu l’attentato quasi involontario da parte di Innocenti (mica tanto) che eliminò dalla circolazione la storica INNOCENTI MINIMini  Minor prodotta su licenza della BMC negli anni ‘60-‘70. Il luogo  del delitto, nel quartiere Lambrate di Milano, fu definitivamente sgomberato nel 1997 e lo stabilimento raso al suolo, ma le indagini non individuarono mai dei veri colpevoli a causa dell’omertà di coloro che ci lavorarono; fu il cosiddetto “silenzio degli Innocenti”: una caso ancora aperto. Alcuni indizi portarono ad individuare come maggiore sospettato un cannibale piemontese, Marcello Lecter GandiniMarcello Gandini  è un designer italiano, oltre alle vetture si è occupato anche di complementi d'arredo. Piccola, ma significativa la collaborazione con la Innocenti di Milano. Fu capo-designer della Bertone sino al 1980, quando la abbandonò per dedicarsi all'attività di freelance-designer., che grazie alle sue sensazionali capacità mentali disegnò il modello di una nuova esca per umani commestibili. La Nuova Mini trappola fu messa in produzione con pochissime modifiche nel 1974 assumendo il caratteristico aspetto da cuccia alla moda. Le vicende finanziarie e di immagine della casa produttrice impedirono alla vettura di affermarsi sul mercato sfruttando appieno le proprie potenzialità. Gli esiti di alcuni difetti tipici di inizio produzione in pochi mesi si sommarono a quelli del tracollo finanziario della Casa circondariale degli Innocenti, ma colpevoli di esistere, che non riuscì più ad essere puntuale nelle proprie consegne. Nel 1976-1977, con il passaggio della Innocenti dal controllo della Leyland al controllo di De TomasoLa De Tomaso è  stata fondata a Modena nel 1959 dal pilota argentino Alejandro de Tomaso. Benchè si occupasse di macchine sportive di alto profilo, l'azienda produsse anche coupé e berline. Dal 2009 il marchio appartiene alla Innovation in Auto Industry (IAI) dell'imprenditore torinese Gian Mario Rossignolo. Buscetta, gli Innocenti divennero dei pentiti. Gli sbagli del passato INNOCENTI MINI DE TOMASO 1982 servirono come monito per risollevare i nuovi modelli (tra cui la versione sportiva Mini De Tomaso) che riuscirono questa volta ad uscire anche dai confini nazionali grazie al programma di protezione per i collaboratori di giustizia.
Nel 1980 nacque l'estrema evoluzione infame del modello, la “Mille”, camuffata per non farsi riconoscere con barba, baffi e paraurti finti e un sostanziale cambio nell'arredo interno con moquette e quadri d’autore (finti); fu inoltre la prima utilitaria sul mercato  italiano con gli alzacristalli antiproiettile elettrici e tre anni dopo, anche la prima citycar col turbo (Turbo De Tomaso). Quando scadde l'accordo per la fornitura degli organi meccanici inglesi con Leyland nel 1981, sulla vettura si iniziarono a montare solo gli organi meccanici e i motori 3cilindri 993cc Daihatsu Charade MK 1 198255cv (versioni denominate  MiniTre) della giapponese Daihatsu Charade. Badando di più al risparmio con l’avvento dei nuovi motori economici, ma malvisti (fu la prima auto italiana a tre cilindri) e dei bassi prezzi d’attacco, cambiò anche l’immagine della Mini: da snob a noob In  gergo informatico il termine noob ha una connotazione derisoria e negativa, identifica un soggetto neofita che non ha la minima intenzione di migliorarsi.. In aggiunta ci fu persino la nascita di una due-cilindri super-economica (Innocenti 650) con consumi bassissimi e allestimenti semplificati (vennero riproposti gli interni della Mini del ’74!) volti a tagliare i costi di produzione e il prezzo di vendita. Dopo l’acquisizione della Maserati da parte del gruppo De Tomaso, dagli stabilimenti di Lambrate in quegli anni usciva anche la sportiva Maserati MASERATI BITURBO Biturbo... con dentro una Mini, ma nonostante le costanti migliorie non riuscì mai ad essere un prodotto altamente competitivo. Il problema principale era che gli operai della Innocenti negli anni ’80, risolta la maggior parte dei problemi sindacali, era abituata a far bene il proprio lavoro... e il lavoro degli operai Innocenti era quello di produrre bene utilitarie, e mal si conciliava con l’attenzione richiesta dagli assemblaggi di una Maserati, vettura notoriamente di alto rango, alla quale venivano criticate pecche di assemblaggio, oltre a una scarsa affidabilità generale.
Negli anni ‘90, sotto la gestione FIAT, nacquero le Small, delle quali la più piccola Small 500 montava un nuovo motore di 650 cc e si posizionava come alternativa “ultima spiaggia”, tanto da divenire l’auto meno cara presente sul mercato Italiano nel 1993. Il tentativo di ringiovanire la Mini originaria, che oltre ad aver perso il nome e di Mini le erano rimaste solo le mutande, aveva portato l’Innocenti ad adottare sulle nuove vetture dotazioni di serie stravaganti (interni in panno elettrostatico, verniciature bicolore...) nella speranza che potessero supplire ai limiti di un progetto ormai divenuto “anziano”. L’ultima Small uscì dalle catene di Lambrate il 31 marzo del 1993. Le ore 17.30 di quel giorno segnarono la chiusura definitiva degli stabilimenti, ormai integralmente passati al gruppo Fiat che utilizzerà il marchio solo per commercializzare in Italia dei propri modelli fabbricati all’estero (Koral, Elba e Mille), mentre i dipendenti della vecchia Innocenti rimasero cassaintegrati fino al raggiungimento dell’età minima pensionabile.
Il crimine non paga, gli  Innocenti stanno senza soldi, insomma! Chi cazzo se l’è comprate ‘ste macchine?


VEDI L'ANNUNCIO IN FORMATO .PDF

ANNUNCI DI MERDA: € 700
”Vendo Innocenti Mini Cuccia del 1983, color vitello metallizzato, interni gusto manzo. Includo antifurto semovente: un Dobermann mafioso nel bagagliaio... ogni tanto aprire il portellone per dargli due boccate d’aria... se è ancora vivo, altrimenti pace all’anima sua!”



innocenti small mini90 - VIDEO DI PRESENTAZIONE

113   COMMENTI :

FLA ha detto...

Secondo me non era affatto male e andava pure molto bene ivi compreso il modotre dahiatsu che montava..

Anonimo ha detto...

ma ci siete mai andati a 120 con quella?! aaghagah manco star trek

Anonimo ha detto...

io ho una matic... e non è affatto male, anzi!!! e i 120 li ho anche superati

Anonimo ha detto...

qua non condivido, chi ha un po vissuto gli anni 70 e 80, sa che questa non è MAI stata vista come una brutta auto, era un'alternativa allora considerata piu moderna alle Mini e alle A112, piccole auto con cui si viaggiava anche meglio e con migliori caratteristiche stradali che altre piu diffuse come le Panda, le Dyane, le R4 e persino 126..

Mentre per certe auto qua citate, il sito centra perfettamente il fatto che sono ed erano auto di merda...
pero' per altri casi come questo, Ogni tanto (IMHO) questo sito e il suo WebMaster dovrebbero immedesimarsi meglio nell'epoca in cui uscirono certe auto e capire e vederle con gli pcchi di quell'epoca e magari confrontarle con cio che proponeva il mercato in alternativa: scoprira che auto come questa infondo erano valide alternative nel mondo delle piccole di allora

phoebe ha detto...

condivido con anonimo ma mi firmo...
ciao
fede

AUTOdiMERDA ha detto...

Ne vedo ancora diverse in giro, indice sicuramente di una longevità meccanica apprezzabile. Non mi ci ero mai soffermato bene sulla loro presenza perchè passano forse un pò inosservate e nell'anonimato. Probabilmente una valida alternativa anche adesso rispetto a micro car con prezzi non tanto micro..

Anonimo ha detto...

C'è l'ho avuta anche io la mia prima auto,l'ultima serie, 500 sl, non mi ha mai dato problemi.

Thrasher ha detto...

Mio padre possedeva una Innocenti Mini tre cilindri, come dice auto di merda la longevità meccanica è davvero alta, diversamente si può dire per la strumentazione interna, come pulsanti e levette! Mio padre diceva che gli rimanevano spesso sulle mani le levette, che cedevano facilmente, inoltre il cambio aveva una scatola molto piccola ed usava un olio davvero pessimo tale che nei periodi invernali l'olio gelava e babbo si ritrovava la sfera della leva del cambio in mano!

Anonimo ha detto...

innanzi tutto non è affatto un'auto di merda io possiedo la versione Turbo ed è una bellezza !!!! poi i gusti son gusti in family nè abbiam avute 3 di small affidabilissime con un motore perfetto altro che FIRE fiat !!!

Anonimo ha detto...

io ne avevo una...120000 km senza alcun problema meccanico....una macchina a prova di bomba!!!!poi quel daihatsu 3 cl era una cosa indecente....10 anni senza un cambio dell'olio e nessun rompimento di palle

Ste77 ha detto...

Io ho una Turbo DeTomaso. Fa da 0-100 in 9,8 (vedi prova Quattroruote Aprile 84). Fa i 165 km/h. Mi sembra grintosa e figa. Mia mamma ha avuto una Small 500 LS Cat. Radica e vetri elettrici al cospetto della rivale Fiat Cinquecento 'polacca' ED che aveva solo tanta latta ed il motore reciclato della 126 bis pieno di rogne. Teneva la strada come poche,molto meglio dell'Y10 ad esempio..ammetto certe componentistiche 1po 'di merda' ma comunque in linea con la concorrenza dell'epoca..

Anonimo ha detto...

Che figa! Altro che merda..vi pare tanto meglio l'Y10? O la Cinquecento polacca?

manny ha detto...

la detomaso la usava anche jerry cala
doppia libidine.............
proprio un bel cesso.............

Anonimo ha detto...

La mia prima auto ra una nini 90 bertone altro che machina di merda era e sarà sempre una piccola grande macchina molto divertente da guidare.ma che eta hanno le teste vuote che lasciano i commenti in negatvo?

Anonimo ha detto...

Bambinetti che pensano che una auto deve per forza fare figo..

Le auto utilitarie sono utilitarie e pertanto possono essere pure simili a cucce per cani..
Conta che si mantenga con pochi soldi!

AUTOdiMERDA ha detto...

Salve anonimo.. sono sicuro che se proseguisse in una lettura più ampia di AdM probabilmente si sarebbe risparmiato questo commento :)
Grazie della visita

Anonimo ha detto...

Mia Mamma aveva una INNOCENTI MINI 90 ,non me la posso scordare era rossa aveva gli interni azzuri invece l'altra era l'INNOCENTI SMALL 500 LS sempre rossa con gli interni grigio chiaro, invece avevamo anche l'Innocenti Mille CLIP 1.0 I.E 5 porte era azzurra metallizzata cioè il concessionario ci disse che era la nuova INNOCENTI MINI 90.Ma la nuova era veramente brutta invece la Mini 90 Bertone e la Small erano belline. Adesso le abbiamo data una in permuta la MINI 90.Invece la Small l'abbiamo venduta a una cugina di mia mamma , mentre l'INNOCENTI MILLE CLIP l'abbiamo rottamata per una Nuova AUTO DI SUCCESSO.
Avete presente la HYUNDAI ATOS PRIME UNA è ARGENTO METTALLIZZATA DEL 2005/ INVECE LA Nuova HYUNDAI ATOS PRIME ROSSO LACCA è del 2008/2009 e del colore della MINI 90 E della SMALL 500 LS. Le HYUNDAI ATOS PRIME sono bellissime proprio come la MINI 90 e la SMALL 500 LS.
Prue

AUTOdiMERDA ha detto...

capisco

Anonimo ha detto...

ANDREA :Sapete è strano avere una macchina di nuovo rosso mi pare che sono tornato bambino, xkè da piccolo mia mamma aveva la MINI 90 INNOCENTI rosso proprio come la mia nuova macchina HYUNDAI ATOS PRIME rosso lacca . saluti
ANDREA

Anonimo ha detto...

Secondo me non è giusto inserirla nelle auto di merda!!!Andava bene e consumava pochissimo...ma cosa fondamentale era che costava un terzo meno delle concorrenti!!!!!

Stiui ha detto...

Prue-GNA, non ho capito che volevi dire, dove volevi arrivare, qual'è il colore dell'auto de tù nonna e de tù zzia e se il tuo vicino si chiama Portos e n'dove te metti la lacca...





Piuttosto che una Atos vado in giro a piedi.

Anonimo ha detto...

ANDY:
LE HYUNDAI ATOS PRIME 2005/2008 SONO BELLISSIME . LA MILLE CLIP ERA VERAMENTE BRUTTA UN GABBINETTO CON 4 RUOTE ERA UN CESSO

Stiui ha detto...

Da come la descrivi, aveva anche una B in più...





Piuttosto che una Atos vado in giro a piedi.

Piero ha detto...

La mini 90 sl esattamente come la Y10 o la Cinquecento polacca o la Lancia Thesis non sono AFFATTO AUTO DI MERDA.Altrimenti non ne avrebbero vendute così tante....

Anonimo ha detto...

Sapete anke le HYUNDAI ATOS PRIME NON SONO AFFATTO AUTO DI MERDA .ALTRIMENTI NON NE AVREBBERO VENDUTE COSì TANTE RISPETTO ALLA I 10...............
LO DICE UN 'INTENDITTORE DI HYUNDAI ATOS PRIME

Anonimo ha detto...

Auto di merda????e' stata una gran utilitaria!!Non si puo' dare giudizi non avendo vissuto l'epoca...riguardatevi in vacanze di Natale Jerry Cala' con che macchina arriva a Cortina!! la Turbo!era scattante e divertente,aveva allestimenti nelle versioni top molto completi..

Anonimo ha detto...

Molte delle macchine migliori sono quelle che sono nate negli anni 70-80, le slall-car, come la INNOCENTI SMALL 500 e la DETOMASOTURBO, sono dei veri e propri orologi a bomba, hanno fatto molto successo e chi le ha ancora ora, non si lamenta mai delle loro pecche...
Se hanno costruito una macchinetta così, ed è stata una delle macchine + vendute, e tuttora, è anche molto ricercata, ci sarà un ottimo motvo del perchè...

I gestori di questo sito secondo me sono solo delle persone che non hanno mai avuto l'onore di provare le migliori macchine al mondo, e non sto parlando di quelle figosissime, con cavalli da far rabbrividire anche i peli del culo, ma delle macchinette che hanno fatto il corso della storia, e che hanno permesso a molte persone di apprezzarle, e amarle, per quello che offrivano e quello che facevano provare...

Qui non sanno nemmeno cosa vuon dire MACCHINA DI MERDA!!! Sono persone che sanno di avere una macchina che fa schifo, e quindi per dispetto rompono le palle ai proprietari delle machcine altrui...

AUTOdiMERDA ha detto...

mmm...
MacchinaDiMerda.. ad esempio?

Stiui ha detto...

Ad esempio:
Anzichè gli "orologi a bomba"(ma che roba è? Ahahahahaha!!!), le vere AdM sono le bombe a orologeria, quelle che fanno fare "brrr" ai peli del cü...
Ahahahahahaha, come rido!!!
"Ehi tu, non offendere la mia sacrosantissima auto(Che sennò frigna e non parte più?)"!!
Ahahahahahaha ri-rido ancora!!!

In questo sito non ho ancora visto menzionare il proprietario delle presunte(Si, presunte: non lo si dice seriamente, ma solo per fare due risate) auto di merda... Chissà com'è fatto un proprietario del genere...

mezzoghostano ha detto...

hai ragione anonimo delle 5:28
siii le mini innocenti sono ricercatissime
pensa che ne ho vista una che raggiungeva la quotazione di tre calippi
e due banane verdi

vai vai che il net e grande
grazie di averci regalato un minuto d ilarita con le tue cagate stratosferiche

a mai piu rileggerti......

Anonimo ha detto...

L'ho avuta era del 1988, versione L (in più della base aveva lunotto termico e vetri posteriori a compasso), rossa, interni celesti.. Gli interni non erano di qualità eccelsa, il motore era rumoroso ma brioso e, soprattutto, aveva 5 marce! Quando era in perfette condizioni di manutenzione raggiungeva i 140 km/h (di tachimetro, quindi probabilemente erano molti meno) e consuma pochissimo, una volta ho misurato 38km/l (tra due pieni). Per me che sono 1.8m era un po' corta, ma aveva una stabilità pazzesca.
Certo oggi è un'auto di merda, tanti anni fa me la invidiavano per la V marcia e i vetri posteriori a compasso..:) Ed anche per il motore con 3 cilindri e ben 31CV (più di 126 e panda 30)..

Anonimo ha detto...

Ho avuto 2 mini Innocenti Turbo De Tomaso,erano inimitabili, veloci, dai consumi ridotti. Gli unici difetti a dirla tutta erano i pneumatici, ereditati dalla precedente collaborazione con la BMC, che costavano non poco e un consumo di olio motore che era dovuto a un tre cilindri valido ma dalle fasce deboli....

luca.88sd ha detto...

Adattissima per i neo patentati....consuma poko e a una buona aderenza!

Anonimo ha detto...

Du sci caaa....

Anonimo ha detto...

la Mini Innocenti...design di Bertone (e si vede) ma volete mettere la small con la 600 di oggi?
All'epoca le rivali erano 126 bis e in seguito la cinquecento ed, con motore bicilindrico contro i tre della small, che offriva peraltro anche il cambio a 5 marce e la omologaszione per 5 posti (tre modelle anoressiche dietro ci starebbero...)
Forse perde il confronto con un altro best seller del genere, ovvero la panda 750 fire, che in effetti dava più spazio interno e un motore altrettanto valido!
Io ho guidato la DeTomaso 1300...sensazioni forti, magari anche andando piano...la cosa più strana era però il forte disassamento a destra della pedaliera rispetto al volante.
Comunque per me è stata una macchinetta dalla linea davvero riuscita e simpaticissima!
PS il motore dahiatsu frulla ancora nel cofano delle varie Yaris, C1, 107, aygo ecc. ecc.

enzo caputo ha detto...

Ne ho avuto una 993 di cilindrata. e posso assicurare che era una gran macchina. per i tempi era all'avanguardia, veloce, ottima ripresa, ottima tenuta di strada, mai un problema. Sonoandato pure in Grecia senza nessun problema. Altro che auto di merda. Chi lo dice presumo non ne abbia mai avuta una. Oggi ne ho una 650 che cammina sempre e consuma niente. Purtroppo non ne fanno più se no l'avrei ricomprata. In Italia quando una cosa è buona non la fanno più

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 4 e 11... ma conosci delle modelle nane? Io 'sta macchinetta non me la ricordo così figa neanche ai tempi... dietro mi pare che ci fossero le balestre e si sbatteva la testa sul tettuccio a ogni buchetta. Però modestamente mi feci la propitaria ...ce l'aveva verde, mi sembrava una rana ...sto parlando della sua innocenti small, naturalmente!

An mi

An mi

Anonimo ha detto...

Era una ottima auto con motore eccellente. Molto spinata (dalla 3^ marcia alla 4° addirittura sgommava).
Molto fuinzionale e non creava assolutamente problemi.
Non sono affatto d'accordo con chi dice fosse una auto di merda..!!!
Mi firmo
Tino.-

Anonimo ha detto...

Io ne ho avuta una. Una Minitre rossa con un pò di pezzi della De Tomaso ( estetici)
A parte la parte elettrica che effettivamente non era un gran che, devo dire che è stata un gran macchine, con la quale mi sono divertito non poco ed ho bastonato auto mooooooolto più costose. Era pure molto carina a mio avviso. Quindi non la metterei tra le auto di merda. La turbo poi.....se ne trovassi una adesso me la comprerei.
Comunque la mia prendeva i 170 di contachilometri e non era la bara che vlete farci credere

Anonimo ha detto...

quando nacqui era l'auto che avevano i miei...la mini 90 tre cilindri mi pare, azzurro puffo. Niente da dire ad affidabilità ma la buttarono quando iniziò a smontarsi da sola, ricordo che a volte rimanevano in mano le maniglie quando si cercava di aprire le portiere, insomma finì la sua carriera che per non perdere pezzi era più nastrata di un pacco della DHL

Anonimo ha detto...

Molto belli i sedili con schienali sottilissimi e senza poggia-testa. Il rivestimento era in simil finta-pelle color blu scuro. Una sera nel chiudere la portiera mi rimase in mano la maniglia. Aveva una ripresa eccezzionale. La mia era color bianco sporco. Per un periodo ho viaggiato con marmitta buca: pareva un bolide. Che bei ricordi.

Anonimo ha detto...

Cari amici,io ho una Small innocenti 990 del 93',
vi posso garantire che e' una gran macchina,bisogna un po'curarla e conoscerla.
Ditemi quale macchina dopo 17 anni e 400000 Km percorsi fa ancora il suo dovere....altro che macchina di merda.....ce ne fossero!Ciao.

Anonimo ha detto...

l'ho avuta, una small 990, col tre cilindri daihatsu, e l'ho tenuta finchè un defi non me l'ha distrutta ad uno sto, era verde con gli interni scozzesi...
beh, posso dire una cosa : SEMPLICEMENTE FANTASTICAAAAAAA !
ripresa, scatto, velocità, consumi, tenuta di strada da FAVOLAAA!
Avevo oltre 120mila km, e mai un problema...
certo le finiture erano un pò così, ma ragazzi da guidare era una meraviglia, altro che quella vera merda di SUZUKI SX4/FIAT 16 che mi son preso un anno fa!
mi vien da piangereeee !!!!!
Stefano!

Anonimo ha detto...

mitica: la mia prima auto!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

La small era mitica

Anonimo ha detto...

Basata sulla mini e per niente auto di merda

Anonimo ha detto...

Derivata dalla mini,era un vero kart e con una linea carina

Anonimo ha detto...

Pur restando che la bellezza è puramente soggettiva, credo però, che non bisogna confondere la Innocenti Mini 90,(presentata nel lontano 1974) con un disegno più nuovo e fresco come la "SMALL" ovvero, la versione ammodernata e *peggiorata* del modello appunto, 90.

Volevo rinfrescarvi la memoria, menzionando quella specie di ciotola, in sostanza, una Sputacchiera ad Uranio impoverito.
Una vettura con l'arduo compito; cioè quello di risollevare i problemi finanziari della ormai cariatide Innocenti.

La KORAL 45 & 55.
Con vernice bianca poi, somigliava ad un perfetto pisciatoio a muro, degno di nota per una fugace rappresentazione expò, al Museo Semovente di N.Y.

Luca.

Anonimo ha detto...

Caro Luca,in verita' le pokissime KORAL(ke poi si kiamavano YUGO,in originale)ke abbia avuto modo di vedere erano pressokè tutte rosse,e spesso le vedevi parkeggiate vicino alle sedi dei circoli di Rifondazione Comunista(sarà anke x questo ke di giovani in quelle sezioni non ve ne era manco l'ombra e le elezioni,come sappiamo,gli andavano spesso malissimo?Mah...).Come ke sia la KORAL/YUGO era 1 auto da sfigati come poke,strano ke ADM non se ne sia già occupato!X amor di precisione l'ultima versione della SMALL era declinata in 2 varianti: l'orrenda e lillipuziana 500, e la + grandicella e aggraziata 990(anke bicolore).Come è facile intuire le cifre indicano la cilindrata delle 2 versioni.Uscirono fuori produzione nel '93,rimpiazzate dalle versioni argentine della UNO/DUNA ribattezzate,rispettivamente MILLE/ELBA e portarono all'affossamento del markio nel giro di pokissimi anni...Amen! -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Si evvero quello che dici, ad inizio anni 90 al Cine, se non erro era "ARMA *LETAME* 4, insomma un film similare, adrenalinico di spara - spara, ci fu una scena girata con una piccola Yugo color sabbia misto a ruggine, che a manetta tentava di non farsi sforacchiare il sedere dalle pallottole, un'azione ironica insomma, goliardica, tanto per ironizzare un pò su certe city car made in Europa.

Purtroppo la Innocenti si era sempre cullata nel poter immetere nel mercato vetture piccine, delle city car appunto. Tutte fotocopie by Licenza; Regent , Yugo, Mini, Austin 1110, Mille, etc - etc- etc.
Il tentativo di risollevare le sorti del Marchio con la incolladentiera della Algasiv Koral, secondo me, fu del tutto errato e ancor maggiore fu la vana speranza con il progetto Mille ed Elba. (persi per persi....)

C'era un mio conoscente che mi fermò di fronte ad un Tabacchi, Ellemme, era così contento di essersi regalato una economicissima Elba SW, che non stava sulla pelle. Purtroppo dopo appena 30.000 Km, venni a sapere, che gli saltarono tutti i manicotti del vano motore, persino uno ad uno e con scadenza quasi militaresca, tutte le fascette, mollette, stringicavi elettrici etc. Ma che erano fatti, di burro GIGLIO?

Furente come una scimitarra, dato che per strada aveva perso tutto il liquido refrigerante, fuse il motore e fece subito demolire l'auto.
A chi avrebbe potuto venderla di II mano, quella rastrelliera per le scope?
Chi sarebbe stato questo "pollo" disposto ad acquistarla?

Di certo la Italica Innocenti non ci fece una gran bella figura, no?
Sempre a mio modestissimo parere.
Luca.

Thrasher ha detto...

per quanto la Innocenti Elba (solo SW eh, non ne vendettero di letami a 3 volumi fortunatamente) sia un'auto di merda ne vedo fin troppe tutt'ora! tutte usate generalmente come veicoli commerciali da carico, ma ancora camminano. ovvio non sto lodando affatto quell'auto, che di per se è una brutta brutta-copia delle già brutte Fiat.

Anonimo ha detto...

Caro Thrasher,non è ke la ELBA fosse 1 "copia" ispirata a qualke modello FIAT:era proprio la DUNA!!!E motorizzata con i motori "avanzati" nei magazzini di vekkissima progettazione,nell'ordine:1,5 antidiluviano presto sostituito da 1 1,4 fiacco,assetato e 1 po' sottodimensionato(ed era il + recente e moderno tra quelli offerti!);1,6 ex 131,poco + potente e prestazionale del 1,4 ma ancor + assetato;ciliegina sulla torta:il vekkio 1,7diesel!Bizzoso,rumorosissimo,assetato,fiakkissimo tanto da far apparire la 1.4 1 "fulmine di guerra",nonkè super "fumoso"(e si, se ne sbatteva i coglioni alla grande dell'ambiente come nessun altro!!!)... PS:Caro Luca la INNOCENTI,dopo la scellerata gestione De Tomaso(+ o - come diresse pure la MASERATI e la marca omonima),fu acquistata dalla FIAT la quale non sapeva bene ke kakkio farsene;così dopo 1 primo tentativo poco riuscito di imporla come marca low-cost(ma con modelli poco accattivanti nella linea e nell'immagine, nonkè dalla qualità men ke mediocre), si decise di sopprimere del tutto il markio INNOCENTI...Con buona pace dei poki ke le avevano acquistate,i quali si ritrovarono in mano "carrette" svalutatissime e quasi invendibili... -ELLEMME-

Thrasher ha detto...

penso che la Elba sia stata un reale bisogno di far continuare a produrre un'azienda già destinata a morire mi sa. Circa il suo design, beh, è una Duna Familiare mista alla Fiat Marengo ed il Penny (sì il cassone 3 porte ma dal disegno della Station Wagon). Per i motori non sapevo che roba tenevano, ma citando il Diesel ora mi è più chiaro: molte Uno Van diesel hanno lo stesso identico suono di altrettante Elba Diesel. Magari sulle Uno poteva essere dimensionato meglio, ma sulla Elba fu una roba tipo rimorchiatore, lento e rumoroso

Anonimo ha detto...

Ciao da Ludo.DE TOMASO nel bene e nel male ha mandato avanti la INNOCENTI dal 74'al 93'.I signori della FIAT si son presi tutto gratis,hanno fatto produrre all'estero KORAL ed ELBA.....ed hanno chiuso lo storico stabilimento di Lambrate che a tutt'oggi e' un ammasso di macerie.Vorrei ricordare anche che la mitica mini prodotta in Italia,era preferita dagli stessi inglesi perche' piu' curata e meglio rifinita.Inoltre la INNOCENTI produsse la mitica Lambretta,i motocarri Lambro ecc.per non parlare degli innumerevoli brevetti (es.tubi innocenti)che hanno fatto storia.Quando passo in Tangenziale(con la mia ottima Small)preferisco non guardare lo stato in cui si trova la ex innocenti.Un saluto.

mezzotoscano ha detto...

@ Ludo.
Figurati se chi, come me, ha posseduto un "Lambrettone" e una "Mini" Innocenti non condivide i tuoi pareri circa l'Azienda. Quello che invece trovo opinabile è il personaggio Alejandro De Tomaso (pace all'anima sua), che non sempre riuscì ad azzeccarla, come nel caso Maserati.

Anonimo ha detto...

Io l'ho avuta fino a circa 2 anni fa, un esemplare 500 LS CAT del 1992, ed era fantastica! Tra i miei amici era diventata un istituzione e non immaginate quante cose ho combinato con quella scatgoletta.

Piccola, si parcheggiava ovunque, visibilità eccellente (unica pecca la mancanza dello specchietto retrovisore destro). Motore Daihatsu (si scrive cosi? boh) 3 cilindri 629cc da 29CV raffreddato ad aria,da 0 a 100 in 36 secondi velocita max (testata personalmente) 135 Km/h (in quinta a tavoletta) cambio a 5 marce, sospensioni rigidissime, ogni buca equivaleva a una vertebra schiacciata, ma anche per questo aveva una tenuta di strada eccellente (sembrava di guidare un KART).

Unico vero difetto riguardava il sistema di sostegno del motore, difatti il piccolo 3 cilindri era tenuto all'interno del cofano da 4 sostegni metallici (anteriore, posteriore e due laterali) che, sempre a causa della rigidita delle sospensioni, inevitabilmente si rompevano, personalmente li ho sostituiti tutti e 4 due volte.

L'ho mandata in rottamazione nel 2008 con tercicristalli andati, freno a mano andato, impianto elettrico ciucco, frizione bruciata.....

insomma ha FATTO LA SUA VITA (92000 KM)

Anonimo ha detto...

Ci fossero ancora i tempi in cui c'era un'azienda italiana che costruiva auto in Italia a Milano.
Adesso ce la scordiamo!!!

Anonimo ha detto...

Ricordo che in una prova di durata del 3 cilindri da 993 cc, Quattroruote (credo nel 1985) aveva rilevato il km da fermo in 35,9 secondi, commentando "E' una delle 'mille' più brillanti".
Altro che auto di merda.

Anonimo ha detto...

la Innocenti mini 1000 del 1980 è stata la mia prima macchina.Mi ricordo che era rumorosissima e la frizione si guastava continuamente perchè era "a filo".. inoltre si staccava la parte centrale in plastica del volante e per suonare il clacson dovevi premere nel comando di attivazione delle spazzole... comunque mi piange il cuore perchè nel 1997 l'ho rottamata per una Fiat Punto che non valeva un c---o!!

Anonimo ha detto...

Confermo alcuni problemi elettrici citati da qualcuno, ma per il resto vi garantisco che è un'auto eccezionale, io ne ho una (990se) che utilizzo ancora nonostante abbia anche un'auto decisamente più recente, perchè la small da emozioni insostituibili! Inoltre, andava molto più forte di panda/uno/126ecc. consumando meno e con una tenuta di strada assolutamente non paragonabile. Oltretutto la mia ha gli interni completamente rivestiti di velluto (non come le vecchie fiat), dei sedili incredibilmente comodi, finestrini elettrici, deflettori posteriori, tettuccio apribile ed inserti in radica. 260mila kilometri a metano e non sentirli! è un'auto da usare per capirne il valore...

Anonimo ha detto...

vorrei dire solo la mia,io ho avuto una mille e poi una 990, una col motore britannico e gli ammortizzatori di una cassapanca e l'affidabilità di una ducati...la 990 era molto molto meglio, veloce, stabile precisa e consumava poco.
chiè vecchietto come me sa che all'epoca le partenze ai semafori erano una tentazione...bene,il motore aspirato dahiatsu sembrava senza fine, un frullino, ed allora nello specchietto vedevo le altre macchine dell'epoca dallo specchietto...poi è arrivata la uno turbo.ps: quando l'ho rottamata ho pianto

aibj7 ha detto...

mio padre ha avuto per un breve periodo la small minimatic del 1984!!
era una verisone full optional, aveva vetri ewlettrici, chiusura centralizzata! Mi era piaciuta tantissimo, anche perchè era molto più carina dell'auto precedente, una 126 fsm!!!
le altre versioni della Small invece erano proprio delle adm!!

Anonimo ha detto...

Posseduta la 3 cilindri SE del 1982, 993 cc, 54 cv, 670 kg, 145 km/h 0-100 14"5/10, era costata 7.900.000 lire, aveva di serie per allora gli alzacristalli elettrici, la 5a marcia, l'hazard , la predisposizione autoradio, il cassetto portaoggetti, gli interni in velluto, i sedili posteriori sdoppiati, e 4 generosi pneumatici 155/70... Tenete conto le alternative di allora: fiat 126, fiat panda 30 / 45 ;renault 5 . Era un'auto innovativa, una meccanica robustissima, ha fatto il suo servizio per 11 anni, aveva la ripresa della UNO 1.1 60 CV!
mOTORE INDISTRUTTIBILE,partiva al primo colpo. per contro era un'auto pericolosissima nella guida: instabile ( testacoda sterzando bruscamente, sbandava se finiva sulle pozzanghere, poca motricità sulla neve, ed il difetto + grande era la ruggine: è stata sostituita nel 1993 da una nuova RENAULT CLIO 1.2.
Ho imparato a guidare su questo gioiellino e talvolta sogno ancora di averla nel mio garage...se ne trovassi una la riprenderei e la restaurerei.
Fabio

portaleazzurro ha detto...

Sbaglio o questa vetturetta (ce l'aveva mia zia) è ora protagonista di uno spot pubblicitario (gustosissimo) di un modello citroen ?

(si vede un guidatore, felicissimo, che simula la presenza di vari accessori inesistenti nella propria auto gialla (una innocenti ?) imitandone i vari rumori: antifurto, sensori di parcheggio, condizionatore, alzacristalli, navigatore, parcheggio automatico e altri.
Da questo spot si capisce una cosa:

quanto sono inutili la maggior parte dei costosi accessori presenti sulle auto !!!

Franco

dAniele ha detto...

questo è il link:
http://www.youtube.com/watch?v=sqC2NvrtzPg&feature=player_embedded

dANiele

Anonimo ha detto...

Non toccatemi la mini Innocenti: anni 80, Trieste - Milano a tavoletta, con la mia mini de Tomaso, in due ore e mezza: correvo tutti i venerdì dalla Valeria che stava in Viale Corsica e si faceva l'amore per tutto il weekend...avevo 19 anni...ma chissa perchè la domenica sera, per il ritorno Milano - Trieste ci mettevo molto di più e con zero traffico....forse TS-Mi è tutta in sailta??? o forse c'era qualcosa che all'andata, attirava irresistibilmente l'auto verso Milano?? Boh, non l'ho mai capito....ricordo solo i lucciconi di quando l'ho rottamata....ancora grazie, "picia" mia.....(la picia è l'auto, non la Valeria...)
Roby

Anonimo ha detto...

hei ma che dite!!! questa è un vero spasso!! io l'ho ancora il mio de tomaso del 79 e vi assicuro che è ancora competitiva specialmente in ripresa e velocità rispetto alle carette di plastica moderne! inoltre solo accenderla da soddisfazione e ricordate lo slogan: "la se vedeva in foto solo frontalmete e la scritta citava: GUARDALA BENE DA DOMANI LA VEDRAI SOLO DA DIETRO! grande mini grande Innocenti

Anonimo ha detto...

67; permettimi un fragoroso PRRRRRRRR
Sulla strada a scorrimento veloce, con la mia carretta Smart, l'unico frontale che vedevo nello specchietto, era quello di una mini Innocenti Ficcanaso e la faccia inbufalita del proprietario che non riusciva a starmi dietro.
Sarà storica il tuo ammasso di ferraglia e ruotine da Pigmeo, ma adesso e arrivata l'ora di concedere spazio alle auto di plastica.
Mi consenta un dippio PRRRRRR alla Italo - Nipponica via.

manny ha detto...

la vedrai solo da dietro spuntare da qualche fosso dove e finita.......

Anonimo ha detto...

ma come mai nella smart ci sono sempre dei pupazzi? è una macchina da pupazzi! dentro ci vedi solo lampadati, palestrati col gel e la cannottiera bianca da pesista tipo GiJoe, Barbie strafiche al silicone...

Anonimo ha detto...

Caro 70, purtroppo per 5 giorni filati ho dovuto usare, causa problema elettronico alla mia Alfa Romeo "di MERDA" (non dico il modello perchè non si trova su questo blog e ha solo 16 mesi di vita) la Smart di mia figlia, che non e affatto siliconata, ne ha due bombe alla Barbie come tu supponi. Vedi; non tutti i guidatori di Smart girano in cannnottiera come tu scrivi, sono palestrati, si fanno sfoltire le sopraciglia o si allampadano di raggi "UVA". Raramente uso comodi short e magliettine polo, (purtroppo) ho tre gifli e due gatti, non vado in palestra da un decennio e dovrei almeno perdere 7 Kg di ciccia. Però le rigurgiauto, ma in particolare modo gli smandrinappippe che le guidano, colmandosi la bocca di paroloni, questi credimi non riesco a digerirli.
PS, pensa a fare rottamare la tua merdagliambulante, dalla forma di scoparino del cesso, credimi se e stata battezzata da una Smart (con nessuna modifica) in salita ed un ciccione di 92 Kg alla guida, permettimi e qui ci sta tutto; un bel trittico di PRRRRRRRRRRRR!!

Anonimo ha detto...

c'è un errore... io non ho mai detto che macchina guido. però sul posizionamento marketing della smart non ho dubbi

Anonimo ha detto...

Per tutti coloro che dicono che la mini innocenti sia un auto di merda hanno in una parte ragione e nell'altra un grandissimo torto.

PRO: Avendocela posso dire che di motore è una grandissima bestia, una bombazza, però lo smacco è che tocca solamente i 125 kmh... ha su la stravagante bellezza di 126.845 km con cinghia di distribuzione originalissima, non uno spegnimento, fermata per un anno nel 2008 freddo, pioggia, neve, sono bastati 2 cavi e via in moto come niente IL MOTORE è UNA BOMBA non di velocità ma di meccanica e chilometraggio.

CONTRO: Molti cigolii (guarnizioni del baule dietro, sterzo), il motorino dei tergicristalli bruciato alla 1° velocità quindi va solo alla 2° velocità quando piove, i sedili durissimi da tirare su con la levettina, e il freno a mano che in moltissime Mini anche all'epoca non tirava, il clacson che qualche intelligentone all'epoca aveva messo i 2 fili stagnati in fondo nel pulsante.

Per il resto non è mai stata una macchina che ha dato problemi.

Anonimo ha detto...

Le Mini stile 90/120 sono state il primo insulto al capolavoro di Issigonis. Il secondo scempio è stato perpetrato da BMW...inseriamo la new MINI fra le AUTO DI MERDA!!!! Le odio!!!!!

Pier ha detto...

E i neopatentati fighetti con cosa se la tirano ?
Poverini !!

Anonimo ha detto...

beh, c'è sempre la SMERT..

Anonimo ha detto...

e stata un 'auto che nei primi tempi della patente ho guidato era la versione 3 cilindri ,mio fratellone l'ha avuta x un breve periodo, sara' la giovane eta' le prime uscite in auto con gli amici,il sentirsi grandi.. io non la ricordo come auto di merda...ps che voglia ho di proporre auto che sono in vendita adesso ...auto che portano il nome dei modelli antecedenti.. io le chiamo auto fatte di corsa ..da mettere in gamma.. se ti fermi e le guardi ...non parlo di tecnica ,affidabilita' etc...ma solo di estetica.

Anonimo ha detto...

ma con 3 cilindri consuma meno ?

Anonimo ha detto...

e senza cilindri ?

LONGINO ha detto...

Io possiedo un innocenti small 500 ls motore dahiatsu 548 c.c,e' del 1988,la tengo perfettamente,mi fa 30 km con un litro di benzina,spendo 100 euro di assicurazione e 50 di bollo,la uso tutti i giorni e ci faccio circa 300 km a settimana!vado con la neve,con la pioggia e non si ferma mai.si accende al primo colpo e non mi ha mai lasciato a piedi,basta controllarci olio acqua e candele ogni tanto e va sempre!in questo periodo di crisi la considererei un auto di lusso perche' mi trasporta e non mi costa nulla!anche di carrozzeria e' perfetta,nemmeno una bollicina di ruggine!beh il materiale usato per costruirla non e' di prima categoria ma dalll 1988 non si e' mai guastato!si spara i suoi 125 kmh,l unico problema e' che sopra i 100 kmh la lancetta del contachilometri sembra impazzita!
LONGINO

mario da catania ha detto...

la mia era una small 990 diesel se.eccezzionaleeeeeeeeeeeeeeee.500.ooo mila kilometri e mai rimasto a piedi.la ricomprerei di nuovo.più di 30km litro.la cerco di seconda mano

Anonimo ha detto...

Non è stata assolutamente un'auto di Merda!
alzacristalli elettrici (la 126 li aveva????), il motore della Small 500 era 548 cc e arrivata a 120 km/h (sono arrivato a 145 in discesa!).

L'ho rottamata a causa di un incidente (colpa mia) a 175.000 km senza aver mai cambiato o riparato nulla (vi assicura che le marce le tiravo parecchi.. specie la seconda!)
Ciao

Anonimo ha detto...

Calma gente, il Guinness per chi le spara più grosse non è stato ancora inventato.

Anonimo ha detto...

bhè si, ma tra un po' ci si arrivaaaaaa

AreaAnnunci ha detto...

Un'auto che ha fatto un'epoca. Ne vedo ancora tante girare, molte son quasi dei rottami, ma quelle ben messe fanno la loro figura (facile dire d. m...a oggi). La 990 diesel potremmo considerarla la soluzione al prezzo del carburante di oggi. Simpatico l'annuncio di vendita auto usata.

enzo ha detto...

Le Mini le ho guidate in quasi tutte le versioni, tranne le De Tomaso, molto reattive e divertenti con poche rivali nel misto stretto; ne ho un buon ricordo soprattutto delle prime serie: 90 - 120. La Diesel, che in primo momento credevo fosse una cagata pazzesca, dopo averla provata mi sono ricreduto; sebbene rumorosissima e ancora più rigida di quelle a benzina, fu una delle trovate più geniali, automobilisticamente parlando, della sua epoca. E' stata una "grande" macchina, molto longeva e gradita dal pubblico; peccato che fosse troppo sensibile alla ruggine e avesse una componentistica non eccelsa, ma la concorrenza, tranne in qualche caso, non offriva molto di meglio.

Anonimo ha detto...

Anch'io sono stato uno dei (pochi) possessori di questa "scatoletta",ne ho avute ben 4 coi motori Jap tra i 993cc. ed una 659cc.
Andavano benissimo (è verissimo che sembrava di portare un go-kart),consumavano il giusto e si parcheggiavano ovunque. Se non fosse che nella mia città ci avessero obbligati a metter il GPL per le non catalizzate,forse ora starei ancora guidando la mia scatoletta (ormai d'epoca!),
Infatti poco dopo messo il bombolone,la picoletta ha iniziato ad andar male,a surriscaldare ed altre rogne conseguenza dell'alimentazione a gas.L'ho tenuta finchè non ha esalato gli ultimi respiri,ma giuro che mi manca,specialmente quando ora trovo un parcheggio di poco più di 3m e non posso più entrarci con la mia Y,e mi tocca girare girare girare a volte per Km prima di trovare pace.... :(

Anonimo ha detto...

Come ho gia' detto per l'AUTOBIANCHI, l'INNOCENTI, fa parte di quel mondo motoristico lombardo che, purtroppo, non esiste piu' a seguito di variate e ormai consolidate strategie aziendali ed esigenze di mercato. Dico che non esiste piu' perche' l'ALFA ROMEO, di lombardo, ha soltanto piu' lo stemma con il biscione affiancato a quello di Milano oltre, ovviamente, alla lettera "L" nel suo nome che sta per "LOMBARDA" (Anonima Lombarda Fabbrica Automobili). Saranno anche state auto di derivazione inglese all'origine ma, con il tempo, avevano fatto parte del panorama delle utilitarie italiane. Che dire poi del modello DETOMASO? Una grave perdita! Fa male ancora di piu' la sua definitiva uscita di scena dove INNOCENTI era soltanto piu' un marchio "appiccicato" su auto di derivazione FIAT provenienti dall'allora Yugoslavia (KORAL) e dal Brasile (UNO CS e DUNA SW). Almeno l'AUTOBIANCHI si e' congedata con la "sua" Y10!

Anonimo ha detto...

MACCHINA DI MERDA SARà LA TUA... sembri simpatico, ma io di tre cilindri ne ho guidate tre, non mettevo la catene sulla neve e teneva la strada sul ghiaccio con le gomme lisce. la rimpiango ancora e ne cerco una usata solo per divertirmi un pò.... partiva in seconda e ci ho fatto 200.00 km ...peccato sentirne parlare così anche solo per scherzo. quanti anni hai???

Anonimo ha detto...

appena l'ho vista ho detto" cavolo!"

Anonimo ha detto...

Pensa alle FIAT,sfigato,che tuttora non frenano,non hanno trazione e a 30000 km butti via gli ammortizzatori.
In compenso gli allestmenti...ehhh!
Giovanni

aldamar ha detto...

Era un'auto valida per quei tempi!

Anonimo ha detto...

Ho avuto sia la 4 cilindri innocenti che la small 500 con il 3 cilindri Jap.
La 3 cilindri per la città era perfetta, motore come un orologio, e fuori città aveva la 5a marcia e viaggiava a 90-100 tranquillamente.
L'ultima vera city-car economica, lasciati servire.

Anonimo ha detto...

Ho avuto una 900 SL. In montagna, sui tornanti, non ce n'era per nessuno. Idem ai semafori! Mitica, se ne trovo una la ricompro.

Anonimo ha detto...

In casa avevamo una De tomaso Turbo bordeaux... cavolo! a metterci il metano oggi su una macchinetta del genere... 8 ero = 200 km!

orogranato ha detto...

ho avuto per 4 anni una 990 diesel, versione large della 500, acquistata nel 1987 quando avevo 19 anni. io propendevo per la panda 1300 ma mio padre mi comprò questa innocenti e almeno sul motore ebbe ragione: montava un fenomenale 1000 cc dahiatsu, 3 cilindri, aspirato da 36 cv, dal suono inconfondibile, abbastanza pronto e che beveva niente! ci feci 120.000 km, ebbi modo di caricarla, come un mulo, di persone e bagagli ma il motore non perdette mai un cavallino e non ebbe mai il benché minimo guaio. purtroppo, peraltro, il motore si dimostrò l'unico componente buono dell'auto, perché questa 990, tuttavia esteticamente carina, era fatta veramente di merda, con lamiere che si arrugginivano, plastiche che si deformavano, pulsanti che si rompevano, lancette che vibravano e sedili montati storti con profili asimmetrici! non contenti, i mitici progettisti innocenti avevano escogitato pure un avantreno che divorava le gomme, quelle povere simpatiche gomme da 12"! in 4 anni cambiai più treni di gomme che litri d'olio e feci impazzire sino al ricovero almeno tre diversi gommisti, che ormai si sognavano anche la notte quelle intere giornate passate sotto il pianale della 990 a cercare l'assetto giusto. disperato incominciai a comprare pneumatici ricostruiti, tanto nuovi ne buttavo 2 al mese, e alla fine vendetti l'auto ad un ignaro acquirente... morale: l'unica cosa buona di quell'auto italiana era il motore giapponese. d'altronde conosciamo tutti la storia della innocenti negli anni 70/80: dirigenza pirata, fabbriche antidiluviane, operai sabotatori, ecc. ecc., e finì come finì!
eppure la ricordo con affetto (che grandi ciulate su quei sedili storti!...) ed ora che è introvabile la ricomprerei pure... per lasciarla ferma, però... ^_^
p.s.: appena ho tempo pubblico una recensione sulla golf station wagon, macchina esteticamente di merda, come neanche la bora!...

Anonimo ha detto...

La 90/120 voluta proprio dalla Leyland in crisi che aveva il controllo dell'Innocenti nel tentativo di non fallire. Fecero un modello moderno carrozzeria Bertone utilizzando meccanica mini. Questo andò per un pò fino a quando la Leyland ormai cotta decise di dismettere la produzione e chiudere la Innocenti. A questo punto si decise di produrre in proprio la 90 con meccanica dahiatsu. Non andava male (anzi andava benissimo) ma la Innocenti da sola non poteva competere con le altre case e quindi......

Anonimo ha detto...

Anche le Mini Bmw attuali non scherzano quanto a merda...

Anonimo ha detto...

Ciao da Ludo,vorrei rispondere ad una osservazione di Orogranato in merito al consumo di gomme sulla 990 e sulle altre Small.Ci son passato anch'io.........tanto che avevo pensato di cambiar macchina.Un giorno un meccanico mi disse addirittura che non c'era nulla da fare,un altro mi disse che la macchina era "storta"forse per qualche vecchio incidente,intanto i gommisti tentavano ogni volta di azzeccare la giusta convergenza ed io continuavo a comprare gomme.Un bel giorno mi posi una domanda molto semplice:a che cosa servono i registri dei bracci oscillanti? Molto bene,queste macchine hanno i registri dei bracci oscillanti,agendo sui quali si mettono le ruote "a piombo " (per regolarsi basta utilizzare una rondella pesante ed uno spago con la macchina su di un pavimento liscio e livellato in modo che il filo aderisca bene agli pneumatici in alto ed in basso).Messe le ruote a piombo si deve agire sui registri dello sterzo e fare la convergenza (io anche quella la faccio con il vecchio sistema degli spaghi).Con queste semplici operazioni il consumo delle gomme e' diventato un lontano ricordo,pensate che con due 145/70 r 12 (tra l'altro ricoperte!)
sono a quota 40 000 Km e c'e' ancora il battistrada buono!Evito di fare commenti sui vari luminari e specialisti che di volta in volta mettevano la macchina su complicatissimi congegni elettronici ed esternavano le piu' incredibili diagnosi ma non riuscivano MAI a metter d'accordo quattro registri!Un saluto a tutti gli appassionati di INNOCENTI.

Anonimo ha detto...

Se chi ha scritto questo articolo sapesse minimamente chi e' e cosa ha disegnato Marcello Gandini,si suiciderebbe per la vergogna :)

Anonimo ha detto...

Anche i migliori possono prendere una cantonata.

orogranato ha detto...

ciao Ludo, il tuo commento è molto interessante. non è uno scherzo che ricomprerei la 990 diesel, se mai la trovassi... nel qual caso terrò ben presente la tua indicazione sulla geometria delle gomme. grazie, a presto.

Anonimo ha detto...

salve, sono un ragazzo giovane e me la sono comprata come seconda auto per divertirmi a far ( scavessi) però pian piano mi sono innamorato, lo restaurata e con il suo motore da 3 cilindri senza limitatore tira come una bomba la macchina segna fino i 140 ma sono andato oltre, un giorno si e rotta la cinghia di distribuzione e al motore non è successo nulla, non si è bloccato nessun pistone e nessun danno all'albero a camme ne alle fasce .... una gran bomba di macchina che inoltre non consuma un azz.... voi che dite auto di m...pensate prima di pagare le rate della vostra auto compresi il bollo assicurazione e manutenzione...gianluca

Anonimo ha detto...

secondo me chi ha scritto questo vomitata contro la mitica De tomaso è stato un possessore della 112 abarth. Unica spiegazione. Altrimenti evidentemente è qualcuno che non sa di cosa parla. Quella macchinetta era una vera bomba, dava la stessa sensazione di andare in motocicletta!

Anonimo ha detto...

L'HAI PROVA TI PRIMA DI DIRE CHE ERA UN CESSÒ? PENSO PROPRIO DI NO ALTRIMENTI NON PARLEREI COSÌ

Anonimo ha detto...

salve io ho avuto la mini turbo de tomaso,a 20 riuscivo a strapazzare le classiche uno turbo i.e.,la pegeout 205 gt 1.6 e rally,la super 5 turbo, ma quando mi ritrovavo la croma td id 1.8 non cerano santi mi lasciava,mi slittava d'accelerazione anche di terza,mi faceva i 195 kmh come niente,poi un brutto giorno mi hanno schiacciato dentro,l'auto nel compenso era ancora circolabile,ma tutto ciò collegato dal collettore al motore con la botta andò a farsi benedire...non potevate capire i pianti..............

Anonimo ha detto...

io ne ho appena comprata una 90 sl del 1980 con 40000km originali
motore morris sospensioni e cambio della mini inglese
letteralmente un gioiello per prestazioni e rarità
concordo che con le versioni successive è andata scadendo stilisticamente ma se è questa un auto di merda?!....

carlo ha detto...

era la macchina che mi imparai a guidare
era quella con il motore della mitica mini minor

gigino ha detto...

salve io ho avuto per 5 anni la mini turbo de tomaso,sempre tagliandata originale,alla concessonaria innocenti c'era il meccanico che la conosceva come le sue tasche,aveva solo un difetto un tubicino dell'acqua per il raffreddamento del carburatore doppio corpo,con quella belva ho raggiunto i 195 km/h non si staccava da terra neanche a martellate,le curve a 30° le facevo a 120 ,di serie motore 3cilindri ,993 cc ,turbina garret(da premettere che era la stessa della delta integrale),carburatore doppio corpo,carrozzeria innocenti,motore dayathsu,assetto 128 abarth...signori ne voleva di auto dietro,sgommava d'accellerazione anche di terza,dato che all'epoca non esisteva l'elettronica sulle prestazioni,carburatore e turbina erano comandate meccanicamente,se non le facevi accoppiare i 20/24 al litro te li faceva,ma se decidevi di fare male a qualcuno....neanche una ferrari,5 al litro,la potessi riavere farei carte false

Anonimo ha detto...

Esatto. E,lasciando da parte l'Alfa adottata Arna, anche la primissima versione della mitica Lancia Delta venne venduta inizialmente con buona percentuale di meccanica prelevata dalla Fiat 128. E proprio la Innocenti, nei capitolati e nel corso della sua storia, ha previsto comunque soluzioni piu'di avanguardia che di ripiego,col propulsore 3 cilindri,con la ridotta cubatura del 548cc,con il Diesel downsize inedito,col raffinato e piu'oneroso raffreddamento a liquido del propulsore bicilindrico Daihatsu,con la turbina della De tomaso etc. E,purtroppo le rivali di allora, fatte con gli standard di allora, non erano meglio quanto ad affidabilita'a parte i modelli "collaudati" come Diane, Renault 4,quindi progetti praticamente anteguerra.personalmente,la mia prima auto e'stata una Citröen Visa inizi '80 2 cilindri. Come detto giustamente, paragonata a una C3 attuale non ci sarebbe paragone, ovviamente. Pero'la Visa gia' allora aveva: 5 porte,spazio posteriore per 3 persone, sedile posteriore sdoppiato, fari regolabili dall'interno, orologio elettronico,comandi a satellite etc. Il budget non sempre consente di fare quel che si disegna,e di questo ne sa qualcosa anche l'ex Fiat Walter De Silva,nientemeno.

Anonimo ha detto...

Macchina fantastica; motore brillante che partiva anche in terza e prendeva le salite in quarta. Grande accelerazione e divertimento totale (soprattutto in prossimità delle cunette). Certamente gli interni erano brutti. Mai un problema fino a quando l'ho distrutta. Mi manca.

Anonimo ha detto...

posseggo una 500 ls. 1990 e perfetta non ho mai avuto problemi oggi 1 settemre 2016 l'auto ha percorso 130000 KM. completamente ripitturata la uso tutti i giorni .ne sono fiero mi firmo Raff.sanremo,

Anonimo ha detto...

Ho avuto la 990 SE auto scattante, la ruggine se l'è mangiata. Il motore vibrava molto. Ottimi gli optional inclusi nel prezzo. Si ruppe un occhiello del mozzo e si aprì la ruota, poichè costruito con una lega scadente, fu sostituito con quelli migliorati. A meno di 100.000 KM si bruciò la guarnizione della testata. Era molto scattante rispetto alla Opel Corsa C 1.2 80 cv che ho adesso.

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS