76

SIMCA 1000


simca 1000

FRANCIA La Simca 1000 è stata una delle vetture di maggior successo della casa automobilistica Simca quindi vi lascio immaginare gli altri modelli!.Derivata stilisticamente da un progetto FIAT accantonato (progetto 122), fu presentata nel 1961 e dovette ben presto misurarsi sul mercato francese con altre vetture dello stesso segmento e dello stesso disgusto: la Renault 8 e la Citroën Ami 6 (due altre cagatine DOC) quindi aveva buone possibilità. La 1000 era una piccola berlina a tre volumi, con quattro porte, quattro ruote e un accendi sigari. A prima vista era paragonabile ad una vasca da bagno per via delle dimensioni e l'accoglienza inizialmente fu solo tiepida, poiché le si criticava una certa eccessiva povertà nell'allestimento interno, ma dopo che la Chrysler acquisì la Simca, le cose migliorarono nettamente grazie ad un pacchetto offerto dalla Chrysler stessa che includeva tutte le videocassette di Moana Pozzi con sottotitoli in Polacco. Ed allora il successo per la piccola Simca arrivò davvero. Nel 1976 arrivò persino il nuovo restyling: fu il frontale ad esserne maggiormente interessato, con l'adozione di nuovi fariSIMCA 1005 rettangolari a scomparsa (nel senso che se li fregavano facilmente), ed un  cofano leggermente rivisto. La vettura così ristilizzata venne commercializzata con il nome di "Simca 1005", ma nonostante le prestazioni notevoli ed il recente restyling, la 1000 cominciò comunque a risentire il peso degli anni, anche a causa di nuove rivali più innovative e anche perchè diciamocelo... faceva proprio cagare! Perciò nel 1978 la Simca 1000 fu tolta definitivamente di produzione dopo quasi due milioni di esemplari prodotti (meglio dei dischi di Pupo!).


simca 1000

simca 1000_ 
SCARICA I WALLPAPER [1280X1024] APRI L'IMMAGINE, POI TASTO DESTRO SALVA CON NOME

VEDI L'ANNUNCIO IN FORMATO .PDF

ANNUNCI DI MERDA:                                € 800,00
”Vendo Simca 1000 quasi demolita, utile per pezzi di ricambio o da far esplodere cosi senza nessun motivo. Colore oro merdizzato con sfumature color ruggine molto epoca Grunge, Kurt Cobain insegna…”



VOTA LA SIMCA 1000

76   COMMENTI :

Tenebrae ha detto...

ciao p, grazie per avermi linkato ma.. non vedo il link.. forse è in qualche post in particolare?

AUTOdiMERDA ha detto...

Ciao si scusami sto rifacendo un pò la veste grafica avevo i link fino a poco fa...ma cmq il tuo sarà il primo molto utile il tuo spazio ;)

Anonimo ha detto...

Ma la simca 1000 si può considerare un'850 spigolosa

mezzotoscano ha detto...

Direi di no: la 850 era soprattutto una 600 anabolizzata con una linea, a mio avviso, peggio dell'originale; La Simca 1000 invece s'avvicinava maggiormente a una "media" dell'epoca e in più aveva le quattro porte di serie, non disponibili sulla 850 nenche come optional.
Quanto alla linea, sempre nell'ambito delle AdM, la 1000 mi sembra migliore.

Anonimo ha detto...

Grande macchina!!!
Non si fermava mai lo tenuta dal 1972 al 1985 180000 Km e il motore ancora andava benissimo ma la carrozzeria era devastata dalla ruggine..

mezzotoscano ha detto...

Come quasi tutte le macchine dell'epoca, gloriosa Alfetta compresa (scusami Pietro ma è innegabile).

Anonimo ha detto...

Ciaooooooo...Sono Anna Maria
ho appena comprato una gloriosa Simca 1000 sl del 1972...
AHHAHAH mi piaceva troppo!!!!!!!!
Grazie per avermi fatto ridere.. e confermo la mia ascelta! ahahha

AUTOdiMERDA ha detto...

Bene Anna, benvenuta. Sono contento per la tua scelta.. attenta però, questi sono a volte gli effetti collaterali di AUTOdiMERDA :)

Anonimo ha detto...

Ma no , era amata per la vivacità del motore e per il rombo coinvolgente più che per la sua linea (ah ah)

Anonimo ha detto...

mio zio(sempre lui) ci faceva i rally...son più le volte che andava finiva nel bosco che le volte che arrivava al traguardo...
poi ha preso una 205T16

Anonimo ha detto...

c'e' poco da sparlare: la Simca 1000 e' stata, nei primi anni 70, la vettura straniera piu' venduta in Italia. La ricordo bene, faceva parte del "paesaggio" automobilistico italiano. Poi con gl'anni e' praticamente scomparsa. Le Rallye 2 erano molto apprezzate dai giovani rallisti con pochi soldi in tasca ma tanto talento.
Malbert

Moreno ha detto...

Noooo! La Simca 1000 non me la puoi trattare così! Oddio, ha terminato la carriera rovesciata sul tetto dal sottoscritto a circa 30 km/h in curva ,ma avevo la patente solo da 3 mesi, era il giugno'83, e un casino di giornali porno rovesciatisi sulla strada ehehehhe. Ma la ricordo con affetto!

mezzoghostano ha detto...

sei parente di mezzotoscano per caso.......

Anonimo ha detto...

La SIMCA 1000 accomunò tre progettisti di livello stratosferico quali Dante Giacosa (papà della "500"), Rudolf Hruschka (papà della "Maggiolino") e Mario Revelli (papà delle station wagon). La bontà del progetto fu confermata dai mirabolanti dati di vendita (quasi 2.000.000 di esemplari). Certamente superiore per tecnica, funzionalità ed estetica alla "850" che la FIAT le preferì. Quella sì una vera AdM. Liga

Anonimo ha detto...

nn dicciamo boffettate....

luca.88sd ha detto...

Molto carina e rara!! peccato!!

Anonimo ha detto...

... l'ho avuta come auto sostitutiva per 5gg. verde pisello interni marroni simil pelle..... ricordo anche che una sera di ritorno da una partita di calcio ( novembre ) sorpreso dalla nebbia ho dovuto guidare con la testa fuori da finestrino per non schiantami..... un esperienza unica. sul cambio poi non mi pronuncio..... HO CAMBIATO MECCANICO solo per questo.
ciao
Gabuz

Anonimo ha detto...

grandissima auto dimerda

Knoxville ha detto...

a me mi è sempre piaciuta la Simca 1000, aveva anche un carattere sportivo:trazione posteriore, motore posteriore(cosa strana su una berlina)...insomma macchina pensata per coricamenti lunghi!

Anonimo ha detto...

Scusate, ma come potete definire auto di merda l'onestissima Simca 1000? Ha sostenuto il suo ruolo egregiamente, dando del filo da torcere alle corrispondenti auto italiane, che oltretutto offrivano qualcosa in meno rispetto a lei.
Per me la Simca 1000 è un esempio dignitosissimo della storia dell'automobile!

Anonimo ha detto...

L'aveva mio padre, color acqua inquinata, un catamarano, non frenava, non andava una sega, teneva la strada peggio di un passeggino. Quando la guidavi sembrava di essere a sedere sul cesso. Guidarla a 20 anni era un vero patimento.

Anonimo ha detto...

l'aveva mio padre, verde metallizzato.
è stata la prima macchina che ho guidato.
non frenava e per strada andava un pò per i c...i suoi.
ricordo ancora che una sera con amici abbiamo fatto la prova di accelerazione da 0 a 100.....
dopo un paio di minuti eravamo ancora a 80 all'ora........ahahahahah
ciao a tutti

Anonimo ha detto...

Quella di mio padre bruciò la frizione dopo una settimana. Che auto di merda!

Anonimo ha detto...

ce l'aveva mio papà quando ero piccolo, e mi ricordo che i sedili plasticosi che volevano sembrare pelle facevano una puzza terribile..
Però che tempi, il cassettino di legno!!!

Anonimo ha detto...

era l'auto di mio padre nel 1973.comoda silenziosa ,affidabile nella meccanica.ma la tenuta di strada....
e il sistema di raffreddamento poi non ne parliamo....

Anonimo ha detto...

Meccanicamente era simile alla 600(infatti è stata progettata da Giacosa,padre anche della 500).Carina comunque come linea(la Hillman è molto peggio).

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti,
sicuramente sarà un'auto di merda come dite voi ma è altrettanto vero che mi piace guidarla ancora....ha 35 anni e gira veramente bene...se passate da firenze vi faccio fare un giro... bye bye

Anonimo ha detto...

Ce l'aveva mio zio Giovanni che era un alcolizzato,non so'se per la disperazione di averla acquistata,di colore bianco incerto.Non imparò mai a guidarla nonostante la scuola guida di mio padre che gridava come Hitler e sclerava alla Sgarbi.Ad ogni modo fa parte di bei ricordi del passato W la Simca!!!

ale ha detto...

Questa qui la ricordo, ce l'aveva mio zio, la serie successiva a quella soprariportata, era veramente un cesso, quando chiudevi la portiera sentrivi il rumore metallico della stessa che stava collassare, la vernice cadeva a pezzi, il motore soffriva la velocità di 100-100 Km/h oltre ad emettere un frastuono assordante, dentro c'entravi a malapena

Anonimo ha detto...

A me come tutte le vetture a trazione e con motore posteriore, piace.
Se non erro nel 1969, (o giù di lì) la 1000, venne venduta anche con il marchio Chrysler.
Aveva i gruppi ottici anteriori un pò più ampi della Francesina Simca. Era messa in commercio con il nome di Chrysler 1000 Special.
(ho un modellino bianco e tetto nero scala 1/42)
Trovo carina la Simca 1000 S Coupè, un misto di Fiat 850 Sport ed il muso della 124 Sport.
Luca

Anonimo ha detto...

povera simca, l'ho acquistata nell'ottobre 1964
l'ho distrutta nel marzo 1965, causa mancata tenuta di strada (in discesa in curva a 70 l'ora), suono uscito dal finestrino, l'abbiamo rimessa sulle ruote, visto l'atterraggio sul tetto, rimessa in moto è ripartita, è andata con le sue forze in carrozzeria, dove rimessa a nuovo l'hanno rivenduta. l'unico diffetto? l'autista. ciao

Anonimo ha detto...

mi ricordo la simca 1000, versione rally? sedicente?, che avevano i miei da 78 all' 82 aveva un solo cilindro funzionante, partiva una mattina si e tre no, era verde pisello e faceva rumori stranissimi, sostituita con una peugeot 104 marrone metallizzato (che qusti) pluriincidentata e con gli ammortizzatori guasti ma che camminava

roberto ha detto...

ce l'aveva uno sotto casa mia, bianca... una tristezza solo a guardarla; mi ha sempre dato l'idea di una scatola di sardine

Anonimo ha detto...

vedo dalle foto che c,è anche quella color cacchetta.

Anonimo ha detto...

L'auto all'epoca più venduta in Italia dopo la NSU Prinz, pensa come eravamo messi! Anche se credo che non fosse proprio una scelta di acquisto errata!

Anonimo ha detto...

Molto meglio, forse, della Renault 8!

Anonimo ha detto...

Lo slogan della SIMCA 1000 nel 1974 era: "SIMCA 1000. Ci Eravamo Proposti, 1.700.000 Auto Fa, Di Fare Un'Auto Con Molto Spazio Interno. (E Nello Stesso Tempo Con Dimensioni Molto Contenute.)", ma siamo del tutto sicuri che abbiano mantenuto la proposta?

Anonimo ha detto...

Ma l'auto nello Slide 6/40 è una NSU Prinz 1000 TTS!

Anonimo ha detto...

Scusate, volevo dire: Ma l'auto nello Slide 20/40 è una NSU Prinz 1000 TTS!

AUTOdiMERDA ha detto...

La Slide sarà aggiornata nei prossimi giorni ;)

Anonimo ha detto...

Miii, quanti ricordi !! Viaggiavamo con le bottiglie di acqua in macchina: in salita bolliva tutto e ci si doveva fermare sempre ad aggiungere acqua nel radiatore. Che macchina...

Anonimo ha detto...

Si che macchina!!! potevi mettergli anche un volante al sedile posteriore tanto la forma della macchina era uguale!!!,l'aveva mio cugino e tutti lo prendevano per sfigato!!!

Anonimo ha detto...

Mio zio, una volta, si ritrovò con le suole che strusciavano sull'asfalto, a parte questo la adorava. Finì la sua gloriosa carriera in una fumata di vapore bianco, nel vano tentativo di raggiungere il mare in una domenica di agosto...
-nonsonoio

Anonimo ha detto...

Che grande latrina di macchina... l'ho guidata una sola volta nel lontano 1988, era del nonno di un mio amico. Eravamo in cinque(!!!) in autostrada ( eh sì, eravamo giovani e incoscienti) ricordo di averla portata alla velocità massima (c'è voluta mezz'ora ed una bella discesa per arrivarci!) e una eternità per sorpassare una ritmo di un'altro amico!! E vero che ci sono voluti tre mesi di cura dallo psicologo per riprendermi dal terrore che mi ha trasmesso lo sterzo per cercare di farla andare dritto, però che grande soddisfazione!!!
p.s.
appena scesi dall'"auto" tutti miei amici hanno baciato la terra in preda a visioni mistiche ed il motore è andato in ebollizione... ma per il resto , tutto a posto!
complimenti x il sito e saluti a tutti.
Salvo

Anonimo ha detto...

nel terzo mistero misterioso si contempla il box dei commentim che un po' funziona un po' no... per fortuna invece funzionarono perfettamente i freni della giulia super di mio padre quando nel 1972 in autostrada, una simca 1000 grippò di colpo e iniziò a roteare su se stessa fermandosi al centro della strada.
ci fermammo a 2 metri dalla simca. scese allora un fantasma, bianco come uno straccio. secondo me si era letteralmente zottato nelle braghe...

Anonimo ha detto...

Nel mio quartiere (che sarebbe Ostia Lido, NdA), prima, mentre tornavo a casa, ne ho visto giusto un modello 1000L successivo al 1968 di colore celeste scuro, e quella vettura anche se non fosse, magari, essere stata proprio restaurata, in compenso, vi assicuro che però era molto ben conservata!

Anonimo ha detto...

Ciao, mio padre aveva una Simca 1000 verde pistacchio! Ho imparato a guidare con quella. Vi assicuro che chi ha guidato una simca dopo può guidare qualsiasi cosa con 4 ruote ed uno sterzo.
Stabilità assente, accelerazione andata in pensione, raffreddamento motore ottenuto d'estate aprendo il radiatore interno del riscaldamento...
OK auto di merda ma la ricordo con affetto
P.S. alla fine la usavo per girare in città e non farmi fregare l'auto nuova: hanno rubato anche la simca

Anonimo ha detto...

Sono quello della simca verde pistacchio, dimenticavo che i carabinieri la ritrovarono e quando me la riconsegnarono stavano morendo dalle risate...loro!

Anonimo ha detto...

ma poi di notte ebbero incubi spaventosi...

enzo ha detto...

Dalle mie parti si teneva una gara in salita e, sebbene le auto a saponetta non mi piacessero, le Simca Rallye 1 e 2 in versione gara erano davvero spettacolari; andavano anche forte tra l'altro.

Anonimo ha detto...

Leggetevi questo.....http://www.auto-classiche.it/news/simca-rallye-universita-per-giovani-piloti/

Anonimo ha detto...

Ho avuto ben due simca 1000 che ho amato, la prima era un auto semidistruta ma che partiva sempre alla prima.
la seconda era una 1000 con cambio automatico, forse l'unica! Adesso ho una nissan cube.
Pia

Anonimo ha detto...

meglio la simca 1000 !

Anonimo ha detto...

La mia simca era mitica! Bruttissima, vero, ma un' auto con dei sedili così comodi non l'ho più trovata.E il motore? Eterno, partiva sempre al primo colpo.Quando andavamo in gita mi ricordo che mettevamo dei sassi nel bagagliaio (davanti)perchè a 100 all'ora lo sterzo si alleggeriva (il motore, il cambio il radiatore tutto il peso insomma)e temevo di andare dritto in qualche curva, pericoloso ma quanto ci siamo divertiti!

Anonimo ha detto...

Mi sembra che anche la DACIA dei "tempi andati" aveva prodotto un "qualcosa" che le assomigliava molto. Comunque, quando ero bambino, ne vedevo circolare parecchie. Mi ricordo il bel volante a tre razze.

Anonimo ha detto...

.......ho verificato! Non mi sbagliavo! DACIA 1100!

Anonimo ha detto...

La DACIA "clono'" anche la RENAULT 20 chiamandola DACIA 2000.

Anonimo ha detto...

commentate le auto di allora come se fossero attuali.Per i tempi che furono era una gran bella macchina..era sempre una utilitaria ma inizio anni 60 faceva la sua figura.Mio padre ne aveva una bellissima.. e la ricordo ancora con nostalgia

Anonimo ha detto...

ciao a tutti sono salvatore da trofarello to. be la simca 1000 rallye 2 era molto divertente da guidare la mia era bianca .sullo sterrato era la migliore 86cv. 2carburatori doppio corpo radiatore anteriore, sedili anatomici 175 km orari....una vera bomba. ciao a tutti

mezzotoscano ha detto...

Non era male per l'epoca, però rammento che Gente Motori fece un confronto con la 128 Rallye e la differenza risultò abissale: due ere geologiche a confronto! E questo nonostante la 128 Rallye fosse una merdaccia come poche...

Anonimo ha detto...

Mio padre ne acquistò una nuova ne 1967, la pagò
molto meno dell'allora nascitura Fiat 128 e ci diede molte soddisfazioni! Sarà che io ero un ragazzo, che ci imparai a guidare,ma resta per me un gran bel ricordo di auto di altri tempi!!!

enzo ha detto...

Me la ricordo soprattutto per le tinte assurdo metallizzato, che solo la Simca e poche altre case hanno saputo realizzare.

Anonimo ha detto...

E' stata la mia prima auto da neopatentato. Bianca, le avevo riverniciato il cofano in nero come la Rally; non me la posso scordare...

Anonimo ha detto...

tutte cazzate, avere 20 anni e pretendere di giudicare una macchina è da idioti, si segue il vento e gli amici sghignazzano ma non capiscono niente. io l' ho avuta, la 1005, colore jaune curry, da grande con figlia a carico ed è stata una buona macchina, onesta, parsimoniosa, non dovevo fare le corse e non sfigurava con le pari grado e poi costava meno, se non ricordo male 2.750.000 Lit. ve le ricordate le lire italiane ?. l' ho tenuta parecchi anni, non ricordo con precisione le data, e ho girato l' Italia, non mi ha mai tradito e con rimpianto l' ho portata dal demolitore, il quale mi ha anche pagato: allora usava così

mezzotoscano ha detto...

C'è una leggenda (?) circa i cofani ritinteggiati in nero, la quale afferma che, con una vettura chiara, nei rallies invernali, su strade innevate, un cofano chiaro "staccava" poco sullo sfondo della carreggiata. A me l'hanno raccontata così. Sarà vera? Sta di fatto che, nei primi anni 70, il cofano nero faceva tanto fico, magari abbinato all'antenna radio in fiberglass a forma di frusta, agganciata alla grondina.

vecchio ha detto...

il cofano nero opaco io sapevo che fosse per evitare i riflessi.... la cosa più probabile è che lo facessero semplicemente per marketing, come oggi si mettono i diffusori sulle panda.
comunque si negli anni 70 facevano veramente figo, ricordo un amico che aveva verniciato il cofano della macchina della madre. peccato che aveva il cruscotto in vinile rosso lucido che nelle giornate di sole c'erano tanti riflessi che sembrava di essere dentro un caleidoscopio, aveva pure i parasassi dietro e le gomme bianche.... la cosa più kitch che abbia mai visto.

mezzotoscano ha detto...

Sulla Mini montai il paracoppa, non perché facesse fico, ma perché era indispensabile. Però molti lo montavano proprio perché faceva fico, tanto che una volta ne vidi uno montato sulla 850... davanti!

Anonimo ha detto...

l aveva mio madre negli anni 70 e l ho usata anch io un paio d anni appena preso la patente era comoda e non consumava granchè , di linea sembrava un locomotore uguale davanti come dietro , però nel complesso andava bene

Anonimo ha detto...

Povera la mia Simca 1000. L'ho avuta dal 72 all' 82. Ho attraversato un bel pezzo del deserto del Sahara su di lei, in agosto. L'ho rivista un paio d'anni fa ed ho riso come un matto. Non capivo qual'era il davanti ed il dietro. Aveva un unico grande difetto: In montagna, avendo il motore e la trazione posteriori bisognava mettere 2 taniche da 20L di acqua nel bagagliaio davanti perchè essendo troppo leggera nei tornati, "saltellava"... Per il resto mi sono divertito da matti. Non aveva nessuna pretesa. Andava sempre.

Anonimo ha detto...

azz....sembra uscita dal disegno di un bimbo di 5 anni!!!

Anonimo ha detto...

L' ho comprata nel '73, era la GLS, 1100 cmc. L' auto che ricordo con più affetto. Veloce, non mi ha mai lasciato per strada, poco assetata. Ho fatto più volte il Sempione. Una volta ho fatto la discesa in competizione con una Mini Minor. YTenuta di strada eccezionale, i tornanti me li facevo benissimo.
Mi piacerebbe averla ancora. Era il modello con i sedili reclinabili, non so se mi spiego, molto soffici, li ho consumati.
Unico difetto: scaldava: Era un problema facilmente risolvibile ma non avevo le conoscenze che ho adesso e ho sofferto il caldo.

annarita67 ha detto...

io l'ho avuta fra il 1970 e il 1979, perchè è di merda? ci siamo trovati bene

Anonimo ha detto...

.... Ricordo un tizio, che, non contento di farsi del male una volta, ci ha riprovato una seconda, nel senso che è sempre stato fissato con 'sto saponettone: in un primo tempo, ha tenuto la 1000, come questa, poi, si è lanciato con la 1002, la prima, color caffelatte per non dire di peggio, la seconda, color verde ramarro.... Contrariamente a quel che si dice, bevevano come delle chiaviche, e dire che soffrivano di problemi di surriscaldamento, è un eufemismo: erano dei veri e propri bollitori per il tè, quasi peggio della Skoda ( E' tutto dire... ) . Una sera, mi prestò la 1002, per cercare di convicermi, tramite un test di guida, che era una gran macchina: ovviamente, scappai il più lontano possibile, nascosto alla vista dei più. Trovai un piazzale immenso e deserto, in cima a una collina, e lì, iniziai il test a base di freni a mano e partenze brucianti. In prima, non sgommava manco morta, ma, in retro, era una cosa disumana.... Solo che, dopo una ventina di retro, mi si accesero la spia dell'alternatore e della temperatura, e venni avvolto da una nube biancastra altamente tossica. Dopo aver ficcato il testone nel vano motore, capii che si era troncato il bullone che regge l'alternatore, che rimaneva a penzoloni attaccato ai cavi. Aspettai che la nube si posasse ( Leggi: che l'acqua evaporasse del tutto.... ) , e riconsegnai il saponettone al proprietario, ovviamente, senza profferire parola del problema creatosi. Ebbene, il tizio, ci ha girato una settimana, prima di capire che c'era un qualcosa che non funzionava.... Incredibile, ma vero, non ha cotto nulla, aveva solo dei problemi con la batteria....

Alberto S. ha detto...

Divertente come sempre la recensione di AutoDiMerda! per niente offensiva (bisogna entrare nello spirito...)
Mio padre ne ha avute ben 2, una 1000 LS del 1971 fari tondi e una 1005 LS del 1978 fari quadri, ultima versione e "dovizia" di optional (vernice metallizzata, cinture di sicurezza, sedili reclinabili, "quattro frecce", spia liquido freni, eccetera... anzi direi basta). Sulla seconda, da giovanotto, ho imparato a guidare, finché non l'ho uccisa ribaltandola con una dinamica molto simile al commento n.12 dell'utente Moreno: deve essere stata una fine ricorrente per parecchie Simca 1000. Sulla prima, da ragazzino, ho invece imparato a non sedermi d'estate con i calzoncini corti sui sedili in plastica rossa, pena ustione con incollatura della pelle nell'immediato e copiosa viscidissima sudorazione delle cosce in tempi più lunghi.
Poi c'era un trucchetto per chiudere a chiave le porte anteriori, dall'esterno, senza usare la chiave: giusto l'ideale per dimenticare dentro le chiavi e, nella migliore delle ipotesi, dover andare a casa a prendere le altre (lasciamo perdere le ipotesi peggiori), come scaltramente facevo io di tanto in tanto.
CHE RICORDI!!! Giuro che mi ancor oggi mi sogno, e non è un modo di dire, la mia Simca 1005.

Anonimo ha detto...

La macchina di casa avuta dal '78 al '93 era una simca 1005 bianca mi piaceva per il particolare del motore dietro con le caratteristiche prese d'aria sul bauletto bellini anche le luci quadrate dietro alla fine però povero motore stentava consumava troppo benzina e olio.

Anonimo ha detto...

auto di merda sara la tua maleducato

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS