OFFERTA MEDIASET PREMIUM

18

GURGEL XEF

Il mio telefono:

GURGEL XEF

BRASILE Il Brasile è da sempre ricordato come la patria di grandi calciatori: Falcao, Pelé, Ronaldo, Zico, sono solo alcuni dei più famosi fuoriclasse ad aver indossato la casacca “verde-oro”. Un po’ meno conosciuto fu invece João Augusto Conrado do Amaral Gurgel, detto Cotechiño, centravanti di sfondamento. La sua fama (di sfondamento) è dovuta non tanto per i calci dati, ma piuttosto per quelli presi ed è inoltre l’unico atleta nazionale ad aver indossato l’esclusiva maglia “merde-oro”. Fondò nel 1969 la Gurgel Motores S.A., un’azienda nata con l’intento di realizzare auto popolari, ma che riuscì solo a realizzare auto-gol impopolari. Sopravvisse fino al 1994, anno in cui fu dichiarata bancarotta, grazie ai sovvenzionamenti statali mai restituiti e lasciando gli operai senza stipendio negli ultimi due anni di attività. Si stima che l’inadempienza accumulata da Gurgel negli anni fosse arrivata a 1,2 miliardi di dollari USA e che buona parte dei capitali sia stata da lui trasferita all’estero, negli Stati Uniti, dove la sua famiglia conduce tuttora una vita agiata. Riguardo alla personalità di Gurgel poi, la si descrive come egocentrica e sempre in cerca di adulazione. "L’orgoglio del Brasile" e "L’ Henry Ford brasiliano" erano gli appellativi preferiti da Gurgel, il terribile manager circondato solo da “signorSì” incompetenti e interessato esclusivamente al sostegno politico e giornalistico.
La XEF (1984-1986) fu una berlina in pressing totale che riuscì comunque a segnare l’ennesimo autogol di rovesciata per la Gurgel Team, grazie ad un bel gioco d’intestino. Le sue apparizioni contano poche centinaia di presenze quasi tutte con espulsione (di vomito). Il nome fu scelto casualmente dalla figlia di Gurgel quando, tornando a casa alla guida del prototipo, lo descrisse come l’auto del capo: XEF risulta essere infatti una distorta contrazione del termine Chefe = Capo, qualcuno asserì invece di aver udito sottovoce l’esclamazione - Che Schif’ - ma questa versione non fu mai confermata nonostante l’occhio nero della fanciulla il giorno seguente. Il design cercava di ricordare lo stile Mercedes-Benz degli anni ‘80, il sogno di molti brasiliani in un’epoca in cui le importazioni erano vietate. In realtà la XEF ne fu inverosimilmente l’incubo. L’insolita configurazione interna dei posti a sedere permetteva la presenza di sole tre persone (tre acrobati, considerandone lo spazio angusto), disposte tutte anteriormente: due passeggeri su panca unica e posto guida separato. Non c’era un vero e proprio bagagliaio in quanto posteriormente il motore ne prendeva lo spazio e l’accessibilità era permessa solo da uno scomodo pannello laterale sul quale trovava posto la targa. Anteriormente sotto il cofano, erano disposti la ruota di scorta e il serbatoio di benzina/alcolIn Brasile l'Alcol (etanolo) viene prodotto dalla canna da zucchero. Può essere utilizzato nelle benzine in percentuali fino al 20% senza modificare il motore o anche puro nel Motore Flex che può lavorare con entrambi i combustibili dando l'opportunità di scegliere quello più economico al momento del rifornimento., una trovata da vero capo-cannoniere... Boooom!! Come portapacchi fungeva solo una sacca elastica dietro i sedili. A causa del limitato spazio per i bagagli fu progettato originariamente un piccolo rimorchio da  agganciare alla vettura, GURGEL XEF 1981 PROTOTIPOmotivo per cui il prototipo, quando venne presentato nello stadio di São Paulo nel 1981 (entrando in produzione solo dal 1984) fu considerato come un’evoluzione della Gurgel GTA Concept (Gran Turismo Articolato) GURGEL GTAdel 1978, ma molti dei portoghesi entrati a  sbafo scavalcando la recinzione si fregarono tutti i rimorchi e incominciarono a vendere panini e birre sugli spalti.
Nel vedere le foto della XEF non provate ad aggiustare la risoluzione dello schermo, il vostro monitor è apposto... era Gurgel che lavorava con l’ iPhone. Il risultato infatti fu quello di una tre volumi ultra compressi, corta poco più di 3 mt. e con un interasse di solo 1,80 mt. Molta della meccanica fu Volkswagen, così come il 1600cc da 48Cv della VW Brasilia che permetteva 140 Km/h massimi con uno scatto da vero centravanti, 0-100 in 20 secondi, consumi da 9 Km/l in città e 14 Km/l in trasferta, cambio a 4 marce più retro-cessione. I deflettori appartenevano alla Fiat 147 (la Fiat 127 brasiliana) mentre il parabrezza era stato recuperato dalla VW Brasilia ed era montato, per contenere i costi, anche come lunotto, cosicché risultavano identici ed intercambiabili e la Casa nelle sue pubblicità ci scherzava pure: “L’unica auto nazionale col parabrezza di riserva”. Insomma tra titolari e riserve alla XEF non mancava proprio nulla, a parte un prezzo più ragionevole   (8.680.000 Cruzeiros rispetto ad una più pratica Fiat 147 da 4.100.000 Cr$ del 1984) e una linea meno irragionevole.
Pur giocando sempre in Casa, la XEF riuscì a collezionare solo sconfitte e il suo funambolo Gurgel Cotechiño"Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento" è una commedia all'italiana dei primi anni '80. Per molti è uno dei film simbolo del cinema di Alvaro Vitali. non sfondò nemmeno una rete. Generoso l’ultimo saluto dei pacifici proprietari della vettura giunti in auto sotto la sede con alcune taniche di benzina: “Un solo grido!! Suona l’Allarme!! La Gurgel in fiamme, la Gurgel in fiamme!!”.


VEDI ANNUNCIO NEL FORMATO .PDF

ANNUNCI DI MERDA: R$ 16.000 (€ 6.900)
Vendo Gurgel XeF, un bel carretto molto raro del 1984. Doppia alimentazione, benzina e calci, vetri oscurati per proteggersi dal sole e dalle figure di merda. Accetto scommesse sull’esito:  
Venduta   Rifiutata  Demolita

10.0 1.50 1.01

 

gurgel xef - VIDEO DI PRESENTAZIONE

18   COMMENTI :

AUTOdiMERDA ha detto...

Un Grazie a Giustino di Napoli per la segnalazione su "Aggiungi Auto" ;)

manny ha detto...

oie como va ?de merdaaaaaaaaaaa..........

Anonimo ha detto...

Il modello cassonato Pick-Up da s"carico", con allestimento base fu un vero successone. Ne vendettero a dirotto, come la merda che scarico per tre giorni al dì.
C'era anche un modello che vagamente somigliava la Volk 181, ma era in vetroresina e faceva crepare dal ridere chi la osservasse, mentre smolecolava le balle del proprietario.
J.J Ficus

Anonimo ha detto...

.. che poi l'idea di mettere le ruote alla stufetta elettrica non è male: la trasporti meglio

Pier ha detto...

Gurgel è onomatopeico.
E la XEF è un bel rigurgelito!

Giuseppe ha detto...

Ciao, sono Giuseppe, autore del blog cervelliamo http://cervelliamo.blogspot.com
Effettuando ricerche in rete ho notato il tuo blog e volevo chiederti se vuoi collaborare scrivendo articoli anche su cervelliamo.
Ci sono tante categorie su cui orientarsi e si può scrivere su uno o più argomenti.
Facciamo una media di 3000 pagine viste al giorno e, man, mano, andiamo a crescere.
Potrai utilizzare Cervelliamo come secondo blog, divulgare informazione con l'opportunità di guadagnarci su con il sistema adsense di google, facile, meritocratico e sicuro.
Siamo presenti nei maggiori network della rete, siamo su google news, la fan page su facebook con più di 1550 persone, quello quello che scrivi, sarà letto sicuramente da qualcuno.
Se ti piace l'iniziativa, conoscere il team, migliorare insieme, non esitare a contattarmi, sia per email o direttamente su facebook al mio indirizzo personale.
http://www.facebook.com/cervelliam0
Ti aspetto!

Bandito ha detto...

Andavo spesso in Brasile per lavoro all'inizio degli anni 90 (ero ufficiale su navi mercantili) e di Gurgel se ne vedevano a montagne, facevano un po' ridere ma andavano come le altre, e costavano poco, cosa non trascurabile. Consideriando che a quel tempo gli status symbol per un brasiliano erano la Ford Taurus e la Tempra, forse le Gurgel non erano nemmeno così male.

AUTOdiMERDA ha detto...

Sicuro che si trattasse di XeF? Dalle notizie che ho potuto recuperare non sembra che avesse un prezzo proprio allettante ed inoltre si parla di meno di 200 esemplari prodotti...

@3
Ecco il PickUp, lo trovi come Gurgel Itaipu

Bandito ha detto...

Parlavo di Gurgel in generale, onestamente non ricordo i modelli, ricordo solo quelle strane macchine mai viste in nessuna altra parte del mondo. La cosa che colpiva del parco automobilistico brasiliano era che negli altri paesi sudamericani giravano quantità enormi di rottami, mentre in Brasile erano relativamente poche ma tutte abbastanza nuove ed in buone condizioni.

Anonimo ha detto...

Grazie per la 250 avente parabrezza della nuova Giulietta e nel contesto somigliante quasi alla ABC Tricar Mini del 1971. Non parlavo dei modelli Gurgel 1200 open, con parabrezza poggiare sul cofano anteriore. Mi riferivo a tutti i modelli "Carajas" e derivati, cassonati, Pick - up, a tre assi, 4x4 - 4x2 o di tipo Station. Come riferisce Bandito; di riGugergel, in Brasile ne hanno venduti a scatafottìo, + delle Daihatsu Fellowfirst, dello Zuk A 06 - Moretti Convertible IG - della più opulenta Monteverdi Sahara 5.7 e della sportiva Alba Jet 1600 del 1975 messe assieme. Per lo meno e lasciatemelo dire fantastico Team di AdM, le opere di Cotechinho, erano più carine e sincere della zuppamerda Zagato Zele 1000.
No?
J.J Ficus per servirvi.

eieiebrazo ha detto...

che stramerda di bagnarola.vi devo denunciare per lesioni perche'mi e' venuta la diarrea cronica appena ho visto le foto con conseguente irrimediabile irritazione dell'apparato.

Anonimo ha detto...

Sembra una Ford Taunus che ha sbagliato candeggio e si è ristretta..

Anonimo ha detto...

Grottesca, sembra impensabile che la si sia disegnata e costruita, al confronto auto come la Axel e le varie Volga, Zastava etc. sono capolavori!

Anonimo ha detto...

Incredibile! Fantastico! Sembra uscita da un fumetto manga super-deformed e invece è vera! Come la caricatura di Porsche 911 che si vede in un episodio di Dragon Ball, solo che qui non siamo dentro ad un cartone animato! Mai un'auto mi ha fatto così sbellicare dalle risate! La foto in cui compare coi cerchiazzi in lega e le gomme ultraribassate è irresistibile, ci si piscia addosso dal ridere!

enzo ha detto...

La Gurgel XEF sembra la gigantografia di un auto elettrica per bambini: una caricatura. E' tremenda davvero, un cesso incredibile, quasi metafisico.

Anonimo ha detto...

Proprio un bizzarro e pessimo incrocio tra una Mercedes e una NSU Prinz!

aldamar ha detto...

Un'auto Imbarazzante!

Il Commendatore ha detto...

Ma è ZAZ serie 960 a ritmo di samba!

Inserisci un Commento

attenzione: i commenti NON sono moderati. Perché?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS