20

FELBER AUTOROLLER

FELBER AUTOROLLER MICROCAR

AUSTRIAL’Autoroller è una macchinetta per rollare tabacco, cioccolata o rosmarino. E' l'ideale per un rollatore già esperto ma anche per un tossico apprendista e la sua struttura in metallo la rende resistente anche nel caso in cui provaste a mangiarvela per la fame chimica.
La novità è la presenza di un motore posteriore bicilindrico a due tempi RotaxLa BRP-Powertrain GmbH,  comunemente nota come Rotax, è un'azienda austriaca. Sviluppa e produce avanzati motori a 2 tempi e a 4 tempi per motoslitte, moto d'acqua ed imbarcazioni sportive, nonché per motocicli, kart, velivoli leggeri ed ultraleggeri. da 398 cc. 15Cv e 3 rotelle: due avanti, una dietro e una al centro (ma non erano tre??).

Vietato non fumare

E’ la prima macchinetta al mondo che vi segue anche se voleste smettere di fumare e grazie al rivoluzionario motore fa tutto lei: rulla, condensa, fuma, sgrulla e scatarra. Al suo interno, tra i cespugli di Maria e la dentiera di mia zia, trovasi numero 3 (tre) sedili disposti in modo sensazionale: dietro a quello del rollatore conducente c’è un piccolo seggiolone adatto a bambini, nani, presidenti e/o scimmie urlatrici, mentre sul lato destro, l’altro sedile è montato diagonalmente (probabilmente per far girare meglio la torcia). Nonostante le raccomandazioni dell’azienda di non sperimentare l’Autoroller prima di averlo portato a termine, molti operai non riuscivano a resistere alla tentazione, e i risultati furono evidenti. La Felber & Co. era una fabbrica austriaca di tosaerba e moto in erba con sede a Viennetta, in Algida. L’Autoroller è stato progettato da Ernst Marold, uno spacciatore tirolese di barrette sbriciolate “Loacker che bontà”, e dal 1952 al 1953 sono state costruite circa 400 macchinette in due versioni, lunga e corta, tutte dipinte di verde cicoria. Interessante apprendere dalla scrupolosa Wikipedia che nel 1954 Marold convolò a nozze presso la chiesa San Carlo Borromeo di Vienna, davanti ad un corteo eccezionale di Autorollerblade calzati dai suoi amici tossici, strafatti e calati, come conferma il trafiletto sulla pagina Wiki che... “qualcuno” ha doverosamente completato. Questi i dati tecnici della Felber Autoroller:
- Peso: 340 Kg. (rientra nelle droghe leggere)
- Consumo personale: 28 Km/l.
- Velocità di rincoglionimento: 80 Km/h.
- Lunghezza canna: 2.780 mm. (minchjawohl!)
- Marmitta con filtrino.
Le cronache del tempo raccontano l’esistenza di un ordine xenofobo occulto chiamato Austrian Autoroller Club: avvolto nel mistero di una nebbia artificiale, gli adepti possessori di Autoroller si riunivano abitualmente con degli accendini per sacrificare un marocchino o un pakistano nelle fiamme rosse, poi beccati però dalle Fiamme Gialle.

Conseguenze

Quando nel ‘54 le importazioni delle autovetture e delle droghe pesanti furono liberalizzate in Austria, la Felber iniziò a sbroccare di brutto. Abbandonata l’autorollatrice, iniziò a produrre lavatrici industriali (non è una battuta) per lavaggi del cervello e lobotomie di gruppo. Alcuni di questi pazienti, come i carrozzieri Hofmann & Moldrich, in una decina di cartine Autoroller, ci mischiarono l’impossibile, dopodiché, FELBER MOVEaccartocciato il  tutto, crearono la Möve (gabbiano in tedesco), un uovo sodo del  raro gabbiano paranoico del Danubio.
Avvertenze finali: questa recensione non vuole incitare in alcun modo il consumo, la detenzione o la coltivazione di Autoroller a causa degli effetti collaterali psicolassativi che può provocare. Autoroller: se la conosci la eviti.


ANNUNCIO FELBER AUTOROLLER VENDITA

ANNUNCI DI MERDA: € 90
”Vendiamo graziosi Felber Autoroller TL400 modello 1952, tagliati a mano nel nostro centro sociale a Berlino. Modellato con resina di hashish, può essere squagliato integralmente. Effettuiamo consegna in scatole di cartone perfette per i filtrini, enjoy!”



felber autoroller - VIDEO DI PRESENTAZIONE

20   COMMENTI :

AUTOdiMERDA ha detto...

Un grazie a Giustino di Napoli per averla segnalata in bacheca ;)

Anonimo ha detto...

Finalmente vedo che è stato trovato un motivo assolutamente valido per smettere di fumare!

Anonimo ha detto...

co.. cos'è questa ? non è possibile che sia un'auto!

Pier ha detto...

La vera storia è questa.
Dopo il disarmo della Luftwaffe, tanti piloti si ammalarono di depressione. La famosissima scuola viennese di psichiatria ingaggiò alcuni ingegneri aeronautici (anch'essi a spasso) per realizzare l'Autoroller per i piloti austriaci ed il Messerschmitt (vedi) per quelli tedeschi. Così riuscì a restituire a loro tanta fiducia nella vita!

Anonimo ha detto...

Direi che è possibile che questa sia un'auto quanto sia altrettanto possibile fare una nave all'uncinetto!

Anonimo ha detto...

Se avevano intenzione di peggiorare la Messerschmitt, devo ammettere che ci sono riusciti davvero benissimo!

mezzotoscano ha detto...

Il mio primo camper fu un AUTOROLLER Ford Transit usato, era una fetecchia epocale e cascava a pezzi, ma in confronto a questa cosa farebbe ancora la sua porca figura

itto ogami ha detto...

magnifica! mi fa venire voglia di drogarmi!

Anonimo ha detto...

beh... come credi che facciano quelli che la devono comprare?

enzo ha detto...

La Felber Autoroller è davvero tremenda, lassativa già al primo sguardo.

Jerry ha detto...

Sta vetturetta è piacevole quanto il sapore di una Gaviscon dopo una scorpacciata di cotiche e fagioli! XD

P.s. La tinta verdina della carrozzeria della Felber è uguale alla tinta del blister della succitata medicina! Mahuhauahuahua

http://drugster.info/img/drug/10418_10496_1.jpg

Anonimo ha detto...

Un fenomeno da baraccone!

Anonimo ha detto...

Proprio una vettura da "venditori di fumo"!

Anonimo ha detto...

Deve essere la macchina del mio pusher; sono due giorni che lo aspetto!

Anonimo ha detto...

naaa.. quelli girano in porsche o col bifurbo, ora che non fanno più l'alfetta.

enzo ha detto...

Gentile anonimo n° 15.
Stereotipi e battute a parte, non sapevo o forse hai fatto confusione tu, che l'Alfetta fosse in qualche modo legata al malaffare; a differenza della Giulia che era considerata, alla fine degli anni 70 e agli inizi degli 80, l'auto dei lenoni, altrimenti detti: magnaccia, papponi, ricuttari; a seconda dei gusti e delle latitudini. La gloriosa Giulia prese questa nomea a causa del fatto che per prestazioni, spaziosità interna e diffusione, fosse preferita sia dalle guardie che dai ladri; inoltre, cosa importante: all'epoca, usate, venivano via per poco. Al limite l'Alfetta si poteva considerare l'auto da sbirro, visto che fu proprio questo modello a sostituire le Giulia in dotazione alle forze dell'ordine.
Gentile anonimo n° 14
Spero che il tuo pusher non abbia una Felber Autoroller, altrimenti prima che arrivi si è già fumato tutto! Comunque nel caso dovesse giungere e gli avanza qualcosa: falla girare!!!

Anonimo ha detto...

beh , la giulia super l'ho guidata per anni.. quella va bene sempre, dovunque , per tutti e ce ne fosse! sull'alfetta non saprei, grandissima macchina ma proprio per questo adatta anche a .. dileguarsi

aldamar ha detto...

Semplicemente ABOMINEVOLE!!!!

Anonimo ha detto...

Macché abominevole... SPAVENTOSAMENTE ABOMINEVOLE!!!!!

Anonimo ha detto...

Qualche tedesken bevuten troppen birren!!!!!

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS