32

AMC PACER

amc pacer

USA

La American Minchia Corporation (AMC) fu una tosta Casa automobilistica fricchettona made in USA fondata il 14 gennaio 1954 nel Minchigan. Fino alla metà degli anni ‘70  fu il quarto costruttore più importante d’oltre oceano dopo di che gli affari incominciarono a girare maluccio, motivo per il quale nel 1979 fu rilevata da Renault che fino al 1987 utilizzò gli stabilimenti americani per produrvi le proprie minchiate a norme USA. Dopo il passaggio alla Chrysler il marchio AMC fu dismesso, ma nessuno se ne accorse. La Pacer era una paffutella utilitaria di 1400 Kg. a due porte prodotta dalla AMC tra il 1975 e il 1980 con motori tipici per il sereno utilizzo cittadino: V6 e V8 dalla 3.800 cc. in su.

The cheeseburger car
Introdotta per sbaglio allo showroom il 28 febbraio 1975, la Pacer è stata progettata principalmente per fare il caffè corretto direttamente dal tubo di scarico, ma anche per attrarre i tradizionali acquirenti di grandi automobili, verso una più compatta ma comunque larga autovettura, in un momento storico in cui i prezzi della benzina (e del caffè) stavano salendo vertiginosamente. Auto dallo stile non convenzionale e unica all’epoca con la sua forma a cheeseburger e la grande  vetrata in stile McDonald’s, fuAMC PACER WAGON offerta dal 1977 anche nella versione burger-wagon con un design  più appetitoso e le patatine fritte nel bagagliaio. Il creatore fu Richard A. TeagueRichard  A. Teague è stato un designer statunitense attivo soprattutto con la American Motors Corporation tra gli anni '60 e gli anni '80. Da bambino, in seguito ad un incidente stradale, perse la vista all'occhio destro e nonostante il suo handicap, che non gli permetteva di valutare appieno le prospettive, riuscì a diventare capo design alla Packard, Ford, Chrysler e AMC., soprannominato “Poldo” e divenuto famoso anche per aver battuto il guinness dei record di gara agli sputi involontari, difatti proprio un suo "schizzo" portò alla nascita della Pacer.
Da dentro a fuori
Fu la prima vettura in assoluto ad esser stata progettata "da dentro a fuori" partendo dagli spazi interni: si fecero infatti accomodare quattro passeggeri  su due panchine da fast food e si costruì il resto del prototipo intorno ad essi. Al giorno d'oggi sembra che i quattro malcapitati stiano ancora cercando di uscirne. Originale la portella del passeggero più lunga di 100 mm. rispetto a quella del conducente per permettere all'apertura una maggiore rapidità di espulsione vomito anche dagli ospiti posteriori. E' considerata dai cerebrolesi americani un'icona degli anni '70 e non a caso apparve in un noto film intellettuale del 1992 prodotto negli USA: "Fusi di Testa".
Apprezzabile la conversione in veicolo elettrico effettuata per promuovere l'utilizzo di energie alternative, economiche e meno inquinanti invogliandone l'acquisto con un prezzo di oltre 12.000 $ nel 1978, un peso di oltre 1.800 Kg., cambio automatico a tre marce e una velocità inferiore ai 90 Km/h: un affarone! Anche il tentativo di esportare la Pacer in Europa si rivelò ovviamente fallimentare considerandone le grandi dimensioni e delle motorizzazioni di base da 3.8 Lt., caratteristiche improbabili per una tipica utilitaria europea. La sua produzione si concluse a Kenosha nel Wisconsin da dove era iniziata cinque anni prima, davanti a una calca di folla delirante giunta in pellegrinaggio da tutto il Paese.
E che la Pacer sia con voi fratelli... (meglio a voi che a me), Amen.


VEDI L'ANNUNCIO IN FORMATO .PDF

ANNUNCI DI MERDA: $ 2.000 (€ 1.500)
oLA amigo… vendo mitica Pacer sottovuoto a pochi spiccioli in quanto qui in Cile me prendono tutti per il deretanos… ma in Italia farete un figurone. Da voi sanno apprezzare los americanate. Acchiappi mucho figa amigo, recuerda!”




AMC PACER - VIDEO DI PRESENTAZIONE

32   COMMENTI :

Anonimo ha detto...

e ora spariamoci una striscia di bohemian rapsody!

Alex Bugatti ha detto...

A me non sembra poi tanto male, o almeno, nel panorama delle auto riuscite male, non è tra le inguardabili..decisamente più brutta (almeno così mi pare dalle foto) la versione wagon.

Anonimo ha detto...

Forse non tutti sanno che ha gli sportelli di due misure diverse....vera figata

manny ha detto...

pensa in inghilterra che il passeggiero aveva quella piccola e il guidatore quella grande un bijox

M.F. ha detto...

Pochi sanno che i primi esemplari della Pacer furono testati a Roswell nel New Mexico nel 1947.

luca.88sd ha detto...

si poteva evitare amenoche la amc non sapeva fare altro...

Anonimo ha detto...

sembra un carro funebre per cani

an mi

Thrasher ha detto...

tipica forma a pallone da rugby UHAUHAUH

Anonimo ha detto...

Atlas ufo robot su ruote... (vuoi vedere ke Go Nagai si sia ispirato a lei quando ideò Goldrake???)...Ok, Rest In Pacer! -ELLEMME-

Microcefalus ha detto...

Ho appena scoperto che fu commercializzata anche in Europa, ovviamente con scarso successo. Curiosamente, il paese in cui se ne venderono di più fu la Francia. I pochi acquirenti europei diventarono pazzi quando scoprirono che la larghezza di ben 196 cm di questo "coso" è incompatibile con le dimensioni medie dei parcheggi. In Inghilterra il problema fu doppio, perché, come è stato notato, causa inversione della guida il guidatore aveva lo sportello lungo e praticamente rimaneva sequestrato nel parcheggio...

eieiebrazo ha detto...

i motori al solito all'americana..esempio 2.8 da 90 cv,3.2 da 95,3.8 da 100..x finire 5.0 v8 da..130..cioe'e chi e' il trattore??si dimenticavano le fasce elastiche x ottenere queste potenze ridicole da cubature enormi?

Anonimo ha detto...

Molto originale nella linea,all'inizio doveva essere motorizzata con un motore Wankel,idea poi abbandonata per gli elevati costi.
Malaccio per me non è,anzi mi piace,ma comunque preferisco la versione SW,meno originale ma sicuramente più digeribile come linea.

Anonimo ha detto...

Strana lo era davvero.
Per me non brutta.
Certo sembra un pò l'orca assassina, ma oggi la sua linea così ampollosa, le dona un'aria di strana simpatia.
Larga come una padella (quasi 2 metri)e con quel V6 - 4200 cc, le feceva raggiungere goffamente e con un certo affanno (peso tot circa 1500 Kg)solo i 150 KM/h.
Beveva come il Transatlantico REX; 11 - 16 litri per 100 Km, per questo, prima del suo "licenziamento", i motori V8 non venivano nemmeno menzionati.
Ad essere sincero, a me risulta che la Pacer venne presentata nel Dicembre del 1974 e non nel 28 Febbraio 1975.

Salvatore ha detto...

A me piace, la trovo simpatica!

Anonimo ha detto...

La Rhapsody di Driver Parallel Lines... Chi ci ha giocato la conoscerà... :) :)

Anonimo ha detto...

Dovresti, alla tua età, "pipare" un pò di più figliolo. Anzichè trascorrere tutte le ore di veglia a te disponibili a giocherellare con il PC.
Ricordati; dagli di PENNELLO, non di POLLICE!!

Anonimo ha detto...

CAZZO STO CERCANDO QUESTA MACCHINA MA NON SE NE TROVANO PROPRIO IN ITALIA :(

Anonimo ha detto...

scusa dott. AUTODIMERDA ma io continuo a non capire secondo che criterio valuti le macchine... SECONDO LO STILE O SECONDO TUTTO IL RESTO???? ok beveva come un cammello, era concepita male come cubatura dei motori ecc, l'idea di non spostare la porta lunga dall'altra parte a seconda del lato guida non è stata una gran furbata, insomma non è stato un progetto del tutto azzeccato ma... sullo stile cos'hai da dire???? è originale e bellissima e proprio le idee di fare una macchina larga 2 metri e con la portiera paseggero più lunga è geniale a seconda dell'uso che ne fai... e poi per esempio nella tua lista non vedo ne l'opel tigra, ne la ssangyong kyron o la fiat palio!!! e ci metti questa???? 6 un pò fuori!!!

Anonimo ha detto...

Grande la AMC Pacemaker! Ahahahahah!

Anonimo ha detto...

veramente favolosa altro che "auto di merda" ...

alex ha detto...

Da bambino ne avevo un modellino rosso metallizzato con interni in azzurro fosforescente, sicché per anni sono stato convinto che non esistesse, e che fosse solo un giocattolo ispirato alla moda dei film di fantascienza degli anni '70. Notevole il mio stupore quando la vidi in un'enciclopedia illustrata dell'automobile. A me quest'auto, dalle forme forse troppo avveniristiche per l'epoca, ispira simpatia.

Anonimo ha detto...

Ne ho una del 1976 ed è bellissima ed anche comodissima. Segnalo però degli errori. I motori disponibili 3.8 e 4.2 litri erano sei cilindri in linea a non v6. Nel 1978 arriva il v8 da 5 litri. Roberto.

enzo ha detto...

Sbaglio o somiglia molto a quella apparsa nel cartone animato della pubblicità della Fanta? Credo che il disegnatore si sia ispirato ad essa; la somiglianza, soprattutto nella parte posteriore è impressionante.

Pier ha detto...

Invece è apparsa nel film "L'ala o la coscia", con uno scoppiettante De Funes. La guidava Coluche il cui personaggio aveva la vocazione del clown.

enzo ha detto...

Grazie per la segnalazione Pier. Comunque questa AMC Pacer è brutta e sproporzionata. Se fosse un battello che solca i canali di Amsterdam, con quelle ampie superfici vetrate, avrebbe un suo perché.

Anonimo ha detto...

AUTO DI MERDA PER UN SITO DI MERDA.

Anonimo ha detto...

Commento di merda da parte di un uomo di merda

aldamar ha detto...

Si la Pacer dei sensi,ma con cosa l'hanno disegnata con lo scopino del cesso?

Anonimo ha detto...

Un momento... all' anonimo 18 delle 7.55: come fa un' auto del genere a piacere veramente? Devo ammettere che la linea molto tonda e paffuta ispira molto simpatia, è molto originale rispetto ai cessi americani degli anni 70 tutto spigoli, ma non è bella. E' particolare nella sua bruttezza. E comunque, più che l' Opel Tigra(auto a mio parere fantastica) tra le AdM citerei la Nissan Cherry, ( o Alfa Arna che tanto è la stessa)

Anonimo ha detto...

interessante vettura... ho trovato un video con tutta la storia della PACER https://www.youtube.com/watch?v=kcl98aBRkD8

Sara (sarilamigliore) ♥♥♥ ha detto...

Ciao io ne ho una da vendere

Sara (sarilamigliore) ♥♥♥ ha detto...

Ciao io ne ho una da vendere con documenti italiani

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS