27

SKODA FAVORIT

SKODA FAVORIT
REPUBBLICA-CECA La Skopa Favorit è la scopa favorita della befana: vien di notte con le gomme tutte rotte, fa già schifo alla lontana, via via la befana!
All'inizio degli anni ‘80 le industrie dell’Est avviarono un programma di rinnovamento tecnologico nel settore delle scope che avrebbe dovuto spazzare via tutti i rimasugli organici e non, dei vecchi e trasandati sistemi ecologici comunisti. In “Cacoslovacca” lo sterco delle vacche era arrivato ad un livello insostenibile al punto da incoraggiare anche le aziende locali a porvi rimedio. Skoda, il cui passato d'avanguardia tecnica negli scopini del cesso era stato frenato dalle enormi cagate governative, decise di seguire un nuovo corso, inaugurato nel 1987 dal lancio volante della Skopa Favorit, cavalcata da una strana befana che lavora di notte con le scarpe tutte rotte e le toppe alla sottana: viva viva la befana ...ma mi sembra una puttana.
La Favorit fu la prima Skopa moderna: leggera e di piccole dimensioni, si adattò perfettamente agli ambienti domestici. Il nome riprendeva quello di una scopata d’anteguerra di successo del fondatore: Favorita, la mano amica.
La calza era riempita da un motore anteriore trasversale con trazione anteriore, anch’essa trasversale (in base alla posizione della gobba sulla vecchia), disegnata e confezionata per l’occasione dallo scassinatore Marc DeschampsIl primo successo  dello stilista francese Marc Deschamps fu la Renault 5 Turbo, allora molto giovane ma di talento. Fu il successore di Gandini nella direzione del Centro Stile Bertone dal 1979 al 1995. Dopo la nomina a responsabile dello Studio Heuliez di Torino, decide nel 2000 di aprire un proprio studio. della calzoleria Bertone (anch’egli entrava nelle case dal caminetto), già 4 anni prima del suo lancio: ciò fu dovuto alle restrizioni del governo che ne ritardò la produzione in quanto restio ad accettare la nuova trazione anteriore e, non a torto, le calze puzzolenti di Deschamps (per gli amici: “Piede di Porco”) poi pagato in misero carbone. L’utilitaria cecoslovacca (oggi Ceca - ieri presbite) era uno scopone fantascientifico a 5 porte con portellone posteriore dalla linea un po' anonima vista la notevole somiglianza alle compagne russe, ma grazie al manico dalla forma innovativa era facilmente appendibile sul camino, le setole non si rovinavano e duravano di più. Disponibile in diversi colori allegri e divertenti anche gli interni e gli accessori erano facilmente pulibili e smontabili, considerando la scelta dei materiali recuperati dal presepe e l’assemblaggio curato dai Re Magi. Il grande vano motore comunque, facilitava le manovre di riparazione e la pratica funzionalità meccanica non era compromessa da diavolerie ipertecnologiche: bastava prestare attenzione solo alla mangiatoia e al pastorello che ogni tanto collassava. A spingere la nuova Skopa ci pensava il bue e l’asinello, solo per il decollo, dopo di che un motore a carbone da 1289 c.c. (caramelle e cioccolatini) interamente in alluminio, spaccava i denti ai malcapitati fanciulli. La velocità era di 148 carie all’ora.
Per le befane più oberate di lavoro e che necessitavano di più spazio furono prodotti dei grandi mocio con secchi capienti:
- Škoda Forman, la Favorit station wagon per lui e Forwoman per lei;
- Škoda Pick-up-load e download a benda larga (per non guardarla); 
- Škoda Forman Plus con 20 Giga di archiviazione in più;
- Škoda Praktik: una break, spezzala con Kit Kat;
E altre cessocentocentinaia di varianti con allestimenti e dotazioni differenti.

SKODA FAVORIT PICKUP SKODA FAVORIT STATION WAGON - SKODA FORMAN  
SKODA FORMAN PLUS SKODA FORMAN PRAKTIK

La Favorit ebbe il merito di mutare l'immagine della Skopa tradizionale soprattutto quando nel 1991, entrata nell’orbita Volkswagen, iniziò a scopare gli uffici, i cessi e le mense aziendali della Casa teutonica. Sostituita dalla befana Felicia (di cosa abbia da felicitarsi resta un mistero), la feccia della Favorit fu fortunatamente ripulita nel 1995 con l’Epifania... che tutte le fecce le porta via.


 

ANNUNCIO SKODA FAVORIT USATA

ANNUNCI DI MERDA: € 500
”Vendo Sòla Favorit trovata nella calza della befana del 1994. Cilindrata a piacere, 5 porte revisionata grazie a dei favorit di un mio amico meccanico, assicurazione pagata per tutta l’Italia isole comprese. 500 Euro? E chi sono io, Babbo Natale?!”



skoda favorit - VIDEO DI PRESENTAZIONE

27   COMMENTI :

mezzotoscano ha detto...

E Mamma Fiat, per fare concorrenza alla Favorit, l'anno seguente evacuò la Tipo...

Anonimo ha detto...

Nel mio quartiere ho avuto il piacere (o il dispiacere)di vederne una da vicino!

Anonimo ha detto...

poco distante da casa mia un caro e dolce pensionato, va in giro con un modello di questo di colore viola usurato. Contento e soddisfatto. Credo più carina e quanto meno assai più originali degli ultimi motoscafi della Lancia, Fanno cagare!!
La Favorit appena di più, ma hanno 25 anni di progetto e non ZERO come la nuova Lancia Thema, un vero catenaccio!!!

Anonimo ha detto...

Concordo con 3. Le ultime Lancia più che vetture, sembrano natanti "ribolliti (rimpastati)" da parte di una Lancia, ormai divenuta cacca disciolta.

In quanto ad originalità, la Skoda è nettamente superiore.
confermo e sottoscrivo; Luca.

enzo ha detto...

La Skoda Favorit è di una bruttezza esemplare. In genere le auto brutte sono perlomeno originali, la Favorit nemmeno quello: riesce a confondersi tra le altre nonostante sia un obbrobrio. Sebbene sia un ADM con tutti i crismi, la Favorit deve avere molte qualità, visto che se ne vedono ancora tante in giro. Un esemplare di colore blu stinto, è di una tipa che è stata spesso molto scortese nei miei confronti; sono sicuro che l'acidità di costei non dipenda dal fatto che possieda una Favorit. Tuttavia ogni volta che avrei voluto restituire il favore a questa poveretta, un po perché sono gentile al punto di essere da talune scambiato per fesso, un po perché ha la Favorit: ho sempre evitato di mandarla affanculo!

mezzotoscano ha detto...

Non crucciarti Enzo, conosco gente che ha scucito decine di migliaia di euro per un macchinone eppure sono altrettanto scontrosi, o forse sono semplicemente delusi perché, nonstante le loro macchinone, nessuno se li caga. Credo sia una malattia abbastanza diffusa tra le teste di... rapa.

Thrasher ha detto...

e pensare che la ZAZ Tavria era praticamente la Favorit... ed era anche peggio!

itto ogami ha detto...

per poco non morivo dalle ghignate...

AUTOdiMERDA ha detto...

@ Trasher: quoto! :)

Jerry ha detto...

Pur segnando un netto passo avanti rispetto alla progenitrice (leggi: Skoda 105/120) resta un'auto assai ruvida da guidare! Unico pregio, la discreta versatilità di carico...

Anonimo ha detto...

La disegnò Bertone,venne una cagata ma non era colpa sua:i responsabili della skoda gli imposero di disegnare i vari elementi(fari,fanali,ecc...) squadrati perchè non potevano costruire presse per farne di forma più elaborata!Quindi quella che poteva la prima macchina cecoslovacca decente non venne fuori,nacque quindi con una linea già datata ed ecco il risultato.

Anonimo ha detto...

"Mezzotoscano" secondo me ti sbagli! La TIPO era di una categoria superiore rispetto alla FAVORIT che , dal mio punto di vista, e' collocabile nel "segmento" della FIAT UNO. Una sorta di TIPO, la FIAT, la realizzo' tramite la ZASTAVA FLORIDA, presentata ancora ai tempi dell Jugoslavia, costruita sul pianale proprio della TIPO.

mezzotoscano ha detto...

Probabilmente hai ragione, ma a mio avviso entrambe - al di là delle categorizzazioni ufficiali - rientrano nella categoria "Fetek-Cars"

Anonimo ha detto...

Mah Mezzotoscano se ti riferisci alla ZASTAVA FLORIDA non posso dirti nulla perche'ne ho viste soltanto nell'ex Jugoslavia (Croazia, Bosnia, ecc...). Ho sbirciato dal finestrino di qualcuna parcheggiata ed, effettivamente, gli interni erano piuttosto spartani con un'impronta ancora molto "socialista" benche' un passo in avanti alle precedenti SKALA/ZASTAVA 128. Se ti riferisci alla TIPO mio padre ne ha avuta una dal 1991 al 1998, per la precisione, una versione "MOONLIGHT" che non so se la ricordi. Non era niente male soprattutto in termini di abitabilita'. Essendo poi una versione speciale aveva gli allestimenti interni della 16 VALVOLE quindi belli sia nei colori che nella qualita' con tanto di sedili anatomici. L'abbiamo usata con soddisfazione. Della TIPO non mi sono mai piaciute le versioni DIGIT con quel quadrante ammaliante fin che vuoi ma che sembrava di essere davanti un video game. Una pacchianata per fortuna non piu' ripetuta nelle versioni successive.

Bandito ha detto...

Personalmente adoravo il quadrante della DIGIT.

Anonimo ha detto...

Si si Bandito non era poi male da un punto di vista dell'"impatto". Se ti ricordi lo avevano proposto anche sulla versione UNO SX. Quando e' uscito questo modello di UNO ero ragazzino e fantasticavo come avrebbe potuto essere guidare un mezzo con una strumentazione "spaziale" (questo era il termine che usavo). Mi ricordo che, non lontano da dove abita tutt'oggi mia nonna, c'era un ragazzo che l'aveva colore grigio metallizzato due porte. Quanto lo vedevo passare la sera era uno spettacolo vedere nell'abitacolo buio il suo volto illunimato di quella luce verde proveniente dal quadrante. All'atto pratico pero' ho sentito che, se si presentavano problemi, i lavori di "rimessa in sesto", erano piuttosto dispendiosi. Mio padre diceva :"se ti si scassa quella strumentazione ti devono smontare mezza macchina!. Meglio l'analogico!". E comunque ora, da adulto, la trovo pacchiana.

enzo ha detto...

Perdonate l'off topic. La strumentazione della Tipo Digit, era gradevole (per i miei gusti ovviamente), funzionale e affidabile. Quella della Fiat Uno, era pacchiana e per nulla affidabile; mentre quella della Renault 21, dotata pure di sintetizzatore vocale, la trovavo eccessiva e bruttina. Tanti anni sono passati ormai, ma il dilemma rimane: "Digit anale o Anal logico"?

Anonimo ha detto...

Ciao enzo. Ho un collega di lavoro che, ai tempi, aveva avuto una RENAULT 11 ELECTRONIC, ti ricordi quella con strumentazione digitale e sintetizzatore vocale? Mi diceva che, col tempo, anche questo sistema iniziava un po' a prendere "lucciole" per "lanterne", ad esempio, segnalava a volte portiere e portelloni aperti che aperti non erano. Concordo poi sulla RENAULT 21. Ma a quell'epoca, se ti ricordi, quasi un po' tutte le auto francesi sembravano un po' dei giocattoli con le loro "plastichine" rigide usate per le finiture e delle forme veramente un po' bizzarre.

Anonimo ha detto...

.....comunque universalmente la strumentazione digitale non e' mai stata ritenuta adatta alle auto sportive( vi ricordate la OPEL KADETT GSI?). Io penso che quella migliore si quella di oggigiorno che abbina gli indicatori analogigi con un sobrio display digitale.

enzo ha detto...

Gentile anonimo n°18.
La Renault 21 mi piaceva, era la sua strumentazione pseudo spaziale che mi faceva cagare. Per quanto riguarda la Renault 11, mi faceva cagare proprio la macchina, indipendentemente dalla strumentazione. Ricordo bene quell'epoca; usare plastichine rigide dalle forme bizzarre, non era una prerogativa solo della Renault e Francesi in genere. Diciamo che gli anni 80, sebbene fantastici sotto un punto di vista automobilistico e non solo, non sono stati un esempio di stile ed eleganza; però si aveva il coraggio di osare, cazzo!

Anonimo ha detto...

Io pero' trovavo piu' sobria la "nostra" FIAT REGATA per cio' che concerne la linea. La 21 aveva in "piu'" una versione sportiva, di cui ricordo il bellissimo volante a tre razze in pelle, e la versione "LIMITED" con interni in cuoio (ti ricordi la pubblicita' interpretata da Jhonny Dorelli?). Di RENAULT 11 ne ho viste ancora circolare parecchie quasi due anni fa nella "zona turca" dell'isola di Cipro, nella sua parte nord, insieme a svariate RENAULT 9. Non era poi cosi' male. Quel mio collega di cui ti parlavo, per certi versi, la rimpiange ancora (ed ora possiede una VOLVO mica un marchio qualsiasi!). Ci aveva percorso 400.000 chilometri! Se ne "sbarazzo'" solo perche', con il tempo, si era rotto l'impianto di riscaldamento e, ripararlo, gli veniva a costare una cifra superiore rispetto a quella del valore di mercato di tutta l'auto.

Anonimo ha detto...

Sarebbe l'antenata della skoda felicia no?

Anonimo ha detto...

buongiorno a tutti: penso di poter dire la mia... ho guidato non una ma due auto di merda presenti sul sito!! Furono acquistate da mio padre nei lontani anni 90. la prima, una "fantastica" skoda forman 1300: non c'era niente da salvare, motore fiacchissimo, interni insufficienti e assemblati da cani. Sterzo vacuo e faticoso, tenuta di strada pessima. Plancia di plastica dura e pulsanteria vergognosa. Il portellone posteriore aveva un'osceno gancio di chiusura sporgente , quante capocciate... Una macchina senza pretese, "per vecchi", da trasporto attrezzi, uso alla quale infine è stata destinata.

Anonimo ha detto...

Ho ancora la mia Favorit dopo oltre vent'anni con oltre 120 mila km.Si esteticamente ricordava la Ritmo o la Citroen Visa ma non era poi così schifosa. In fondo fu il primo modello della Skoda dopo anni di modelli con motori posteriori ad essere un pò più moderna e versatile. Poi è intervenuta la VW e la produzione oggi è decisamente di tutto rispetto, segno che il marchio con tutti i difetti che aveva all'epoca non era proprio da buttare via. Non dimentichiamoci che dopo la caduta del muro ben poche case automobilistiche dell'est sono sopravvissute e la Skoda è una di queste.

Anonimo ha detto...

Ma sbaglio ho assomiglia alla Lada Samara?!!?

Anonimo ha detto...

Un wc su ruote

Anonimo ha detto...

Particolare curioso: pochi ricordano che la Squadra Ufficiale Rally Skoda abbia vinto, nel 1994 o giù di lì, una Coppa del Mondo nella classe 2 Litri.... con la Favorit 1300....

Non ridete, è successo davvero!!!! xD

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS