OFFERTA MEDIASET PREMIUM

53

AURORA

Il mio telefono:

aurora auto

U.S.A L’ Aurora fu una creatura informe e gelatinosa giunta sulla Terra nel 1957 per mezzo di un Padre spirituale ed evidentemente anche spiritato, di nome Alfred A. Juliano, un sacerdote cattolico americano appassionato di automobili. Fu probabilmente il primo esperimento di Safety Car mai fatto e sviluppato sullo chassis di una Buick, tuttavia, l'Aurora Motor Company di Branford, Connecticut, parzialmente finanziata dalle offerte dei fedeli della congregazione di Padre Juliano andò in bancarotta dopo aver prodotto un solo esemplare costato ben $ 30.000.

Carrozzeria Gesù Cristo

Juliano aveva studiato arte prima di entrare nel sacerdozio seguendo alla lettera il motto “impara l’arte e mettila da parte”, soltanto che oltre all’arte, il prete carrozziere non riuscì a mettere da parte nient’altro se non un’ambita borsa di studio della General Motors che arrivò però tardivamente, quando ormai era già stato assunto dalla Chiesa Cattolica S.p.A. Il suo interesse per il design automobilistico rimase comunque vivo, inoltre Juliano fu sempre convinto che si sarebbe potuto fare ancora molto per rendere la auto più sicure. Giunse così, dopo una notte tormentata, l’Aurora, un’auto che tramontò ben presto. Fu concepita, inventata e martoriata da Padre Juliano dopo uno studio progettuale di due anni in confessionale e tre anni di lavori in sacrestia.

Protezione divina

Lunga 5 metri e mezzo, l’ Aurora aveva il corpo in vetroresina montato su una struttura in legno, tetto trasparente in plastica regolabile e ruota di scorta montata su di una piattaforma mobile sotto il frontale; inoltre dei martinetti pneumatici nel telaio avrebbero alzato la vettura rendendo comoda la sostituzione del pneumatico. La macchina aveva numerosi dispositivi di sicurezza che comprendevano le cinture di sicurezza (ancora non diffuse in quegli anni), il roll-barIl roll-bar  è una struttura protettiva predisposta per proteggere gli occupanti di una vettura in caso di ribaltamento. È generalmente costruito utilizzando acciaio ad alta resistenza, poiché deve essere in grado di sostenere il peso dell'automobile senza rompersi., il cruscotto imbottito di pannoloni con barriere laterali e la colonna dello sterzo collassabile (se non collassava prima chi si fosse trovato l’auto davanti). La caratteristica più innovativa di sicurezza sadica, che non fu stranamente ripresa in nessun’altra vettura, era la capacità dei sedili di poter ruotare per consentire una preparazione panoramica alla collisione o farsi un pokerino in 4. L'Aurora è principalmente ricordata per il suo aspetto fluido, da vomito condensato e spesso citata negli elenchi delle auto più brutte: una  posizione immeritata per il semplice motivo che già da sola basterebbe per non aver bisogno di stilare più un elenco. Altri particolari raccapriccianti erano: il parabrezza incinta dello Spirito Santo senza tergicristalli, che doveva prevenire l’impatto con la testa degli occupanti in un’epoca in cui l’airbag era ancora sotto brevetto di un privatoL'invenzione  dell'airbag è datata 1952 a cura dell'ing. americano John W. Hetrick che ne depose il brevetto l'anno successivo. Inizialmente la prima accoglienza del mercato non fu molto positiva e vi furono numerose controversie anche sull'effettiva validità del dispositivo. (1952) - GM dovette aspettare 20 anni per impadronirsene (Oldsmobile Tornado del 1973) -  il cucchiaio frontale che, riempito di schiuma da barba, poteva accogliere anche un pedone inavvertitamente investito e fargli anche lo shampoo.

L’estrema unzione

L’Aurora sarebbe dovuta uscire nei listini ad un prezzo al pubblico di $ 12.000,  appena sotto l'auto più costosa degli anni ‘50 negli Stati Uniti: la Cadillac CADILLAC ELDORADO BROUGHAM 1957Eldorado Brougham ($ 13.000). Purtroppo la struttura in legno dell’Aurora non fu adeguatamente testata prima della presentazione al pubblico nel 1957 rompendosi 15 volte sulla strada e richiedendo il traino in 7 garage differenti in quanto il motore della Buick non era stato avviato per 4 anni e le linee del carburatore erano ingolfate, tutto questo davanti lo sguardo attonito dei giornalisti. Juliano dichiarò di essere stato boicattato dalla General Motors paragonandosi a Preston TuckerPreston Thomas Tucker  è stato un ingegnere e imprenditore statunitense. Geniale e visionario inventore di tecnologie avanzate realizzate artigianalmente viene ricordato soprattutto per la creazione della Tucker Torpedo del 1948., ma ciò non bastò ad evitargli il fallimento e la perdita della stessa Aurora, che finì in un’officina meccanica come garanzia delle fatture insolute, inoltre fu cacciato dall’ordine ecclesiastico in quanto accusato di appropriazione indebita sulle donazioni dei fedeli.

La resurrezione

Nel 1993, l’Aurora fu scoperta da un inglese appassionato di auto e acquistata a scatola chiusa per 1.500 $ più 2.000 $ per la spedizione in Gran Bretagna. La fibra di vetro e la struttura in legno della vettura erano peggiorate terribilmente così come il parabrezza partorito di cesareo, gli interni erano passati a miglior vita ed il restauro si complicò ulteriormente data la mancanza di una documentazione adeguata, di fotografie della vettura, della mancanza di pezzi di ricambio nonché dell’ormai compianto Padre Juliano. Tuttavia, grazie ad un miracolo, il restauro fu completato all'inizio del 2005. L’Aurora, presentata al Goodwood Festival of Speed davanti ad una calca di folla sbalordita, è ora in mostra al Beaulieu Motor Museum in Inghilterra: le vie del Signore sono davvero infinite.


VEDI ANNUNCIO

ANNUNCI DI MERDA: € 1.500
”Vendo confessionale mobile inizio 900, senza ruote e senza motore ma si muove lo stesso: si sta sfasciando. Roll-bar a croce e finestrini con grate da privacy. Se non lo compri... è un vero peccato...”




AURORA AUTO SAFETYCAR - VIDEO DI PRESENTAZIONE

53   COMMENTI :

Stiui ha detto...

Ahahahahahaha, anche la targhetta è venuta di merda: hanno scritto Connecticut senza una C!

M.F. ha detto...

What the fuck is this!

AUTOdiMERDA ha detto...

Grande Stiui, ottima vista, non me ne ero accorto!

gaz ha detto...

Mai la seppi questa, ho dato volentieri il voto orrenda :)

raffaele ha detto...

il frontale ricorda un gloryhole fashion.

luca.88sd ha detto...

la macchina ricorda una cagata ma brutta ma brutta e....non credo ne abbiano vendute...oddio

Anonimo ha detto...

un incrocio tra una bottiglia di plastica sciolta nel bracere e christy la macchina assassina....ke dire nn ci sono commenti. SAN

Anonimo ha detto...

dio mio quant'è brutta... sembra una bottiglia di plastica sciolta. mamma mia.jack

mezzotoscano ha detto...

A me invece sembra sciolta (sostantivo, non aggettivo) provocata da eccessiva ingestione di nespole invernali, consolidata dopo idonea esposizione ai rigori notturni e infine trattata con porporina argento.

Knoxville ha detto...

Futuristica è futuristica(voleva imitare Citroen?)...ma banale!

Anonimo ha detto...

ma davvero hanno messo in vendita una lattina come quella? oddio pensa dove siamo arrivati...

Anonimo ha detto...

ma perchè il telaio in legno??

Anonimo ha detto...

certo
tecnologie assistite socialmente utili

Anonimo ha detto...

Mega ec"cesso" allo stato puro (in tutti i sensi!).Certo 'sto Alfred A. Juliano non era tipo ke amava passare inosservato... La vedrei bene in qualche museo d'arte moderna (al MoMA museum di NY starebbe alla grande!!!) -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Sembra l'auto dei Flinstones...

Anonimo ha detto...

Comunque anche la FIAT Ulisse (prima generazione) aveva i sedili che ruotavano di 180..

Anonimo ha detto...

Non sono affatto una esclusiva di casa FIAT sti sedili rotanti..!!
Come non sono una esclusiva, le maniglie a scomparsa sulle portiere posteriori delle Alfa Romeo.
Poi dicono che i Giapponesi scopiazzano.....
Certo che pure gli ITALIANI a "calcomanie" non se la cavano poi tanto male...... anzi.....
Luca

Anonimo ha detto...

Xro',caro Luca,1 conto è riprendere qualke idea interessante,1 altro è copiare di sana pianta le linee(e non solo)degli altri:"caratteristica" adottata prima dai jap,poi dai coreani ed ora dai cinesi... -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Si dice tanto che la nuova Supercar McLaren P11, sia una fotocopia fedele delle linee di casa Maranello.
Osservandola, bene nei dettagli non mi sembra affatto.
Certo la mitica (F1)è di gran lunga più originale e ricercata.

Purtroppo quando si progetta un modello del genere, due grosse narici per far respirare il propulsore, da qualche parte le devi pur piazzare, no?

Un conto è creare fenditure sulle fiancate auto, un altro conto è copiare le maniglie della NSX e sbanierare in giro di aver creato aperture aerodinamiche a scomparsa di esclusività Alfa Romeo.

Ciao ELLEMME, ben tornato

Luca

Anonimo ha detto...

Ehm... caro Luca, la NSX la ricordo benissimo: nata nei primissimi anni '90 con l'intento (invero rivelatosi effimero) di contrastare la FERRARI nel settore delle sportive, "scimmiottava" in modo imbarazzante proprio le linee stilistike delle auto del cavallino del periodo(F40 compresa!!!). Ti dirò di +: inizialmente (te lo giuro!) alla HONDA ebbero la "bellissima" ideona di importare la NSX in Europa esclusivamente di colore rosso "simil FERRARI"(ma si può...)!!! Ciliegiona sulla torta, studiarono gli scariki in modo tale ke emettessero 1 sound il + somigliante possibile ai V8 modenesi (nonostante il motore HONDA fosse a 6 cilindri...). Inizialmente questa pakkianata d'auto aveva dalla sua almeno 1 prezzo, se non basso, abbastanza concorrenziale; ma poi i "jap" pensarono bene di specularci sopra, facendole superare, alla fine degli anni '90, i 200 milioni delle vekkie lire (portandola, di fatto, allo stesso livello di prezzo dell'assai + potente e veloce F355!). X la cronaca, dopo il comprensibile flop (al pari della SUPRA, mentre le rivali 300zx e 3000gt ebbero + fortuna grazie a prezzi meno sballati ed all'adozione di avveniristike - x il periodo - 4 ruote sterzanti) venne tolta dai listini dei mercati occidentali, continuando xrò ad essere venduta in patria con 1 leggero restyling al frontale. Francamente non la citerei quale esempio di originalità (meglio han fatto, ad esempio, i "cugini" della MAZDA con l'ultima, bellissima ed originalissima (motore wankel; tra l'altro reso finalmente affidabile!) RX7, nata praticamente nello stesso periodo della NSX (ed offerta a prezzi mooolto + accattivanti). L'ALFA 156 sulla quale debuttarono le maniglie posteriori "mimetizzate"? 1 bella auto, al pari della sorellina 147. Ma soprattutto all'ALFA non si sono mai sognati di attribuirsi la paternità dell'idea (opera del designer Walter de Silva, ke poi "esporterà" la suddetta idea alla SEAT). Scordavo la P11: carina ma non certo originale! Ricorda tantissime sportive + o - note (non solo le FERRARI F360/F430). Proprio xkè 1 po' anonima, potrebbe a mio avviso avere 1 discreto successo solo se venduta ad 1 prezzo fortemente competitivo (fermo restando ke si sta rivelando 1 mezzo flop anke l'agguerritissima NISSAN GT/R: x la serie "quando la cavalleria non basta"!). Salutoni -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Grazie ELLEMME.
Mi hai chiarito un sacco di cose che sconoscevo
Non prendermi per un prestaculo, nel senso che non ti conosco, ma mi 6 fortemente simpatico.
E' bello conversare con te, tutto qui.
Cazzarola, non sapevo che la NSX col V6 trasversale, costasse così esageratamente!!!
Ma non si vociferava che dietro la sua progettazione, cera lo zampino, la consulenza ed i suggerimenti dinamici, del MITICO A.Senna?
Vero, vagamente sembra un babyferrari ma a fine anni 80, come dici tu i Jap, erano appassionati di "trasferelli"...
Evvero, trovo la P11 fortemente anonima, troppo poco esagerata nelle linee e nel suo design complessivo.
Però non toccarmi la bellssima Nissan GT/R, l'adoro.
Un abbraccio a distanza, Luca.

Anonimo ha detto...

Caro Luca, contraccambio con affetto l'abbraccio. La NISSAN GT-R?Tranquillo è 1 vera bomba di makkina(detto senza ironia),in grado di competere su pista(e solo lì,viste le elevatissime prestazioni)con le + blasonate sportive sul mercato:FERRARI,PORSCHE,LAMBORGHINI,CORVETTE ecc. Già solo x questo meriterebbe applausi scroscianti! C'è xrò da dire ke la classe non è acqua, e la linea è decisamente 1 po' sopra le righe, "appesantita" eccessivamente da spoiler ed alettoni(è,in definitiva ,1 po' "truzza" - al pari dell'altrettanto barocca rivale R8 dell'AUDI - ).A me piaceva molto "l'antenata" 300zx, infinitamente + morbida ed elegante di linee; questa GT-R mi pare invece molto + "figlia" della rivale dell'epoca 3000GT(ke poi si kiamava 3000GTO, ma qui da noi tolsero la "O" x evidenti,imbarazzanti paragoni con i rispettivi modelli FERRARI). La realta' sta xrò nei numeri: le stanno vendendo col contagocce!E questo nonostante il prezzo davvero competitivo(si parte da poco + di 80.000 euro)!Pazienza:non sempre le ciambelle riescono col buco... A proposito della NSX:arrivo' da noi intorno al 91/92 ad 1 prezzo sui 120 milioni di lire; quando fu tolta dai listini a fine decennio, a causa delle scarsissime vendite,arrivo' a costare quasi il doppio!!!Vita + lunga e + fortunata (nel nostro mercato)ebbero le già citate NISSAN e MITSUBISHI,ke si assestarono intorno ai 90 milioni fino alle soglie (ed oltre, x la 3000GT) del nuovo millennio. Curiosità:la mia sportiva preferita(stilisticamente parlando)è la FERRARI 275GTB commercializzata tra il '64 ed il '68; ebbene devi sapere ke la NISSAN(all'epoca DATSUN)qualke anno dopo la "scimmiotto'"(peraltro con ottimi risultati di vendita), ribattezzandola 240Z. Avrai capito ke a me piacciono le sportive ke riescono a coniugare mirabilmente la sportività con l'eleganza(x citare auto attuali:ALFA 8C/8C roadster;MASERATI GRANTURISMO/GRANCABRIO;FERRARI CALIFORNIA;le ASTON MARTIN in generale;PORSCHE 911;LOTUS ELISE/EVORA;CORVETTE coupè/spider;JAGUAR XK;le WEISSMAN,ecc).Lasciami citare,per finire(promesso) 4 sportive nate 20 anni orsono (come la NSX) ke ho ancora nel cuore:DODGE VIPER RT/10;JAGUAR XJ220;FERRARI F40;LAMBORGHINI DIABLO SPECIAL EDITION 30°. X me sono ancora stilisticamente meravigliose e moderne;di + :dei veri CAPOLAVORI di stile (GT-R,NSX,P11,ecc. le colloco stilisticamente mooolto + in basso!).Se ti va,fammi sapere cosa pensi dei miei gusti (sperando ke non risponda col tono "pacato"dell' anonimo delle 3:21 nella sessione dedicata al KORANDO).Salutoni -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Carissimo ELLEMME, ti rispondo adesso ma in maniera frettolosa, qui piove e tengo a bada le mie due piccoli pesti, Matteo e Martina.
Andiamo al sodo, amo prevalentemente le vetture classiche, quelle di oggi, hanno poco carattere e sembrano un pò assomigliarsi tutte.

I "CARRETTONI" made in USA hanno un loro particolare fascino, ma per esperienza personale, almeno dentro le grandi e caotiche città, non sono affatto indicate, bellissime quasi tutte quelle degli anni 60'S, in particolare modo la Chevy Corvette L88.

Per quanto riguardano i modelli Europei, mi affascinano la inossidabile ed indistruttibile Porsche 911. In pratica ha vinto ad ogni longitudine e ad ogni angolo del globo, persino alla Paris Dakar. Cariche di altrettanto fascino trovo le Ace AC, la Jaguar E Type, la Aston Martin DB2 e la poco conosciuta Zerex Cooper - Oldsmobile, non disdegnando la piccola e velenosa Lotus Elite.

Poi ovviamente, per le supercar, la numero uno rimangono le classiche Ferrari 250 GTO, la Ford Lola GT40 e la lunghissima Feruson P99 da F1, originale e particolarissima.

Le Supercar odierne per me le più belle sotto il profilo estetico rimangono la Mercedes SLR McLaren, la Lambo Murcielago LP640,la Ford Mustang Coupè, la BMW Z4 Coupè, la Marocchina Laraki Borac, quella specie di Porsche (oggi un pò vecchiotta ed appesantita) - la Isdera Commendatore 112, la particolare ed originale Morgan Aero 8 e un pò meno la Pagani Zonda e la Nissan GT/R, rimanendo in attesa per la prossima Porsche 928, certo di un mero capolavoro.
Ciao ELLEMME, alla prossima,
(volevo essere più dettagliato...ma credimi...con questi due pesti non ci riesco...)Luca.

Anonimo ha detto...

Caro Luca,premesso ke di questo passo dovremo kiedere ad ADM di riservarci 1 sezione a parte solo X noi 2, fa piacere pure a me interloquire con 1 appassionato preparato al pari del sottoscritto,quale evidentemente 6 tu.Non tutti infatti conoscono supercar misconosciute come la tedesca ISDERA COMMENDATORE 112i(anke xkè l'ISDERA è azienda recente,essendo nata nel 1983): di buono questa supersportiva ha le prestazioni impressionati(e vorrei anke vedere con ben 710cv di potenza!),di negativo 1 linea il cui frontale ricorda troppo certe PORSCHE degli anni '90(è nata infatti verso la metà del decennio).Anke a me piace molto la CORVETTE L88,l'ACE AC COBRA(Shelby è 1 genio!E' pure il papà dell'erede:la VIPER RT/10),x non parlare della 250GTO(di cui la 275GTB rappresenta infatti la splendida evoluzione);libidine pura la JAGUAR E(pure Diabolik ringrazia!)e le "cugine" ASTON MARTIN(LAGONDA a parte);mettiamoci pure l'altrettanto mitica GT40.La LAMBO LP640 è 1 gran makkina ma soffre, nel mio caso specifico,del paragone con la già citata DIABLO S.E.30°,ke mi impedisce probabilmente di apprezzarla appieno(va assai meglio con la REVENTON).Così così la MUSTANG e la Z4coupè(trovo + affascinante la Z3coupè).La AERO8?1 po' "strabica" non trovi?X la LARAKI vale + o - lo stesso discorso della P11(orinalità cerscasi!);La nuova PAGANI C9 è ben + riuscita di linea della ZONDA e debutterà a breve(la puoi ammirare sull'attuale numero di agosto di QUATTRORUOTE);infine la 928 non si farà:visti i tempi alla PORSCHE stanno lavorando su 1 spiderina + piccola ed economica della BOXSTER,da commercializzare anke con markio VW(sulla falsariga dei CAYENNE/TOUAREG).Ah gia',scordavo:la 1°serie della ELITE è passabile,la 2°(TYPE 75) è 1 po' "pesantuccia"(in tutti i sensi),fuori dai canoni LOTUS(sportive compatte e ultraleggere:Colin Chapman docet).Sono poco appassionato di auto da corsa,quindi sia la FERGUSON P99 ke la ZEREX COOPER mi lasciano abbastanza indifferente. PS:non sono altrettanto d'accordo su 1 giudizio così "tranchante" sulle auto di oggi:non tutte si assomigliano come gocce d'acqua,anke se gli orientali quanto a "fotocopiare" i modelli altrui sono imbattibili.Salutoni anke alle due piccole "belve" -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Ehm,onde evitare fraintendimenti dove dico "orinalità" intendevo,ovviamente, ORIGINALITA'(ma xkè a volte quando "posto" qualke "lettera" sparisce??? Boh...) -ELLEMME-

Sbido ha detto...

Un ulteriore motivo per non essere cristiano...

Marco ha detto...

non la conoscevo....fantastica!!!

Anonimo ha detto...

Il parabrezza anteriore sembra fatto con il vetro soffiato!

Anonimo ha detto...

Anche quest'auto sarebbe stata perfetta per il film "La Macchina Nera"!

aptoipo ha detto...

Quando non si hanno cose originali da dire tipo,
cesso,cagata,bottiglie sciolte ecc..
nessuno vi obbliga ha dare un commento,in quanto finite per fare la stessa figura di quello per cui avete scitto.
Per non parlare poi di quelli che si abbandonano
a paragoni stilistici,FERRARI,MC Laren,HONDA, NISSAN e via.
Intanto grazie al coraggio di questo costruttore,quest'auto esiste e'in un museo e fa' parlare di se'
Le vostre creazioni dove sono,come sono e in che museo sono esposte?

Anonimo ha detto...

le mie , in fondo a destra...

Anonimo ha detto...

... le trovi dietro la porta col cartellino ӨӨ

Anonimo ha detto...

non l'hanno creata per venderla come auto, ma per i modellini in scala con scatola di montaggio. senza istruzioni.

enzo ha detto...

Quando la bruttezza annulla persino l'originalità.

Anonimo ha detto...

Di tutte le "americanate" su 4 ruote questa è sicuramente la più ridicola che abbia mai visto,
pacchiana ed inguardabile, senza alcun senso dello stile e delle proporzioni, una autentica merda argentata!

Anonimo ha detto...

è brutta come L'ARTE MODERNA

Anonimo ha detto...

Se davvero la pensi così, però di quale artista? Ad Esempio Roy Lichenstein o Andy Warhol?

Anonimo ha detto...

sembra più un'accumulazione di Arman...

Anonimo ha detto...

cambiate vento, raga. sull'arte moderna me lo menano in pochi. di auto invece non capisco un cacchio, però abbastanza da accorgermi che questa roba con l'arte non c'entra.

Pier ha detto...

Ma quale arte moderna? Questa è una macchina sgombraneve!

Anonimo ha detto...

Giuro che fino alla foto con l'autista pensavo che il retro fosse il fronte e viceversa... matooooò che impressione, sembra un po' la multipla!

an mi

Anonimo ha detto...

la multipla nuova, ovviamente . quella vecchia (600 multipla) è la più geniale idea automobilistica della storia dopo la citroen DS

Anonimo ha detto...

Woow ed io sostenevo fosse l'invenzione del laser lettore CD. Almeno provvedeva a tirarmelo su con una serie di pornazzi regalatemi. La Multicak mi fa effetto lassativo e non ho bisogno di dolce euchessina, mai.

portaleazzurro ha detto...

Quando si dice, la realtà supera la fantasia !

Questa non è un'automobile (e tanto meno un'opera d'arte).

Io sono sicuro che questa macchina è di carta pesta ed è stata usata in occasione del carnevale in qualche paese del sud.

Anonimo ha detto...

A ME PIACE...
(ovviamente no!)
con il telaio in legno, la carrozzeria in vetroresina , i finestrini di plastica... sicurissima! anche molto affidabile credo...
pensate che questo aveva pure studiato arte...

Anonimo ha detto...

un fantasma su ruote

aldamar ha detto...

Preferirei un cazzo nero in culo che un'auto del genere!

gaz ha detto...

@aldamar, quando la classe non è acqua :-P

mezzotoscano ha detto...

Aldamar, si controlli! Potrebbe essere preso sul serio!

gaz ha detto...

@mezzotoscano, :-D

Bandito ha detto...

Gentile signor Aldamar, se mi lascia il suo numero di telefono ho un amico di colore che ha manifestato la volontà di conoscerla. Si chiama John ed è un Watusso.

Anonimo ha detto...

sta' roba fà paura! Immaginatevi di incontrarla di notte, magari che spunta fuori all'improvviso da una buia galleria... impallidisco al solo pensiero!

Anonimo ha detto...

Allora, insomma, quasi come la Lincoln Continental Mark III modificata del film "La Macchina Nera"!

Inserisci un Commento

attenzione: i commenti NON sono moderati. Perché?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS