13

AUTOMODULE ..by Maurizio Scanferla

AUTOMODULE

LE VOSTRE RECENSIONI “HA FATTO L'UOVO!”

“Questo sconcertante uovo di metallo e vetraglia fu il dolorosissimo parto di un francese, un homme basato nel presente (con la camicia di forza) , fedele al passato (incatenato al muro), ma con lo sguardo volto al futuro (allo spioncino della cella imbottita). [1]
Era il ‘68, e tutti provavano di tutto, e soprattutto, nuove e vecchie droghe. L' homme in questione, Jean Pierre Ponthieu, detto il Dalì dell'automobile (e già questo spiega un po' di cose), era un patito del cognac con l'uovo crudo, nonché del dilemma dell'uovo di Colombo. Si rinchiuse un giorno nel suo studio di Parigi con una cassa di cognac e un pollaio opportunamente furtato nei dintorni della Citè. Ne riemerse dopo una settimana incredibilmente sporco di cacca di gallina e brandeggiando degli scartafacci. Narrò più tardi [2] che, dopo aver ingurgitato metà cassa di cognac e circa 200 uova crude, era riuscito a far stare un uovo sodo in piedi, infilzandolo crudelmente con degli stuzzicadenti. Da lì l'illuminazione. Era salito sul tavolo da disegno e aveva spiccato un balzo gridando "EUREKA!", schiantando il cranio contro il soffitto. Era rimasto svenuto per due giorni, e in questo periodo di delirio, aveva concepito LA COSA [3]. Svegliatosi, aveva stilato il progetto in meno di due ore, nonostante le schizzate di cacca di gallina.
Ecco qua l'AUTOMODULE. Il coso era dotato di un motore a due tempi da 248 cc, e di trasmissione idraulica. Era dotata di 5 marce : prima, seconda, terza, retromarcia e trottola. Posti due, più uno strapuntino per bebè. Il tutto era stato saggiamente costruito con materiali di recupero. Il motore veniva da una partita di moto rubate, le ruote da un concessionario della Vespa, l'abitacolo finestrato era stata fregato nottetempo da un aereo all' aeroporto di Orly, i sedili dall'ufficio dell'azienda, e la moquette dai bagni di un Night Club a Pigalle. Era indubbiamente innovativa, soprattutto per la strumentazione posta su dei sostegni che ricordavano dei funghetti psichedelici, e per la possibilità dell'auto di alzarsi di mezzo metro sulle zampe, spaventando così gli eventuali vigili. L'unico neo sembra fossero i fari, che essendo basati sul concetto dei faretti delle discoteche, si accendevano e spegnevano al ritmo del motore.
Produsse 10 vetture, pubblicizzandole, chissà perché su riviste tipo "Vogue", "Elle", "Le Mode", "La femme publique" e simili, invece che su organi del settore tipo "Le Automobile", "Le Camioniste" "Le Chauffeur". Comunque, nelle fotografie l'auto era sempre accompagnate da Mannequin dell'epoca, dette "Poca Ciccia e Niente Arrosto". Sembra che il motto pubblicitario fosse "L'auto per le coppie presenti e future!". Alla prima conferenza di presentazione, i giornalisti di settore fecero delle sensate critiche, ad esempio: "Non ci sarà nessuna coppia che vorrà rischiare la pelle di suo figlio mettendolo su uno sgabello del genere" o "Se un'auto per coppie future, dov'è lo spazio per reclinare i sedili?". L'ideatore sferrò il suo colpo di genio, dichiarando che l' AUTOMODULE era in grado di impennarsi (come effettivamente visibile in alcune immagini). La conferenza finì in un generalizzato lancio di oggetti da parte dei presenti verso il nostro homme, che poco educatamente, rispose a sputazzi e sediate. Dopo il tragico evento fu rinchiuso in manicomio per decisione dell' A.C.F. (Automobile Club France), e gli esemplari costruiti dell'AUTOMODULE furono messi al rogo agli Champs-Elysées in un rito purificatorio e scaramantico, con abbondanti libagioni di vino rosso e rutti liberatori.
È probabilmente una leggenda, ma si narra di un discepolo, il quale riuscì a salvare dall'olocausto l'undicesimo esemplare dell' AUTOMODULE nascondendolo in una cantina, dalla quale lo spostava solo di notte, producendosi in terrificanti scorribande impennate lungo le strade parigine, suscitando il terrore dei nottambuli e dei clochards.

[1] Non scherzo, c'è scritto proprio questo nella pubblicità
[2] Al neuropsichiatra.
[
3] Nella caduta aveva travolto due galline , Clo-clo e Minuette. Sono ricordare come le Martiri dell'AUTOMODULE.”

Recensione inviata da Maurizio Scanferla di Milano

VOTA LA AUTOMODULE 

QUESTO ARTICOLO FA’ PARTE DELLA SEZIONE LE VOSTRE RECENSIONI E CI E’ STATO INVIATO DA UN LETTORE DI AUTOdiMERDA. CONTRIBUISCI A MIGLIORARLO VOMITANDO SUL MONITOR.

13   COMMENTI :

Anonimo ha detto...

...complimenti, Maurizio! Dove l'hai trovata?! Incredibilissima "auto"... e simpatico articolo, del quale son lieto d'essere il primo a lasciare un commantino. Avanti così, amici di AdM, mi mettete di buon umore come pochi altri! Enrico

Anonimo ha detto...

Ma in caso di impatto oppure di tamponamento, questa gigantesca Basketball, si sarebbe messa a rotolare e saltellare, tra le capotte ed i cofani delle altre vetture ferme al traffico cittadino?

Che mera letamata.
Bravo Maurizio per aver scovato questa enorme autogiocattolo RC.
Luca.

mezzotoscano ha detto...

Chiariamo una cosa: questo sito è dedicato alla Autodimerda, non alla Merdadimerda

Alfredo - Milano ha detto...

Ehi VM...ecco perchè non telefoni mai, non ti fai mai vedere...te la sei comprata te e ti vergoni a girarci sopra!
CAPISCO.
XD
Alfredo

Anonimo ha detto...

Non sapevo che le uova sapessero andare sui pattini a rotelle!

manny ha detto...

ma sti gran cazzi
pero impenna

Thrasher ha detto...

ma che diavolo sto guardando? Sembra un amplesso mal riuscito tra un Motocarro Guzzi, un triciclo diesel bremach, un Uovo di pasqua marcito e qualche sprazzo di elicotteri Huey americani salvati dalla guerra in Vietnam!
Complimenti a Maurizio per avermi stimolato la diuresi. In compenso m'è venuta la cistite.

Jerry ha detto...

Ragazzi è davvero orribile! Penso che sia l'unica auto al mondo che abbia la possibilità di fare le curve rotolando! Mahuhahauhaua

dAniele ha detto...

applausi a scena aperta per questo bolide più adatto agli spazi siderali che alle strade. quasi commovente.

Pier ha detto...

Volevo sapere se quando si muove suona pure un carillon.
Comunque sette stelle per il crash test su pedone: gli passa sopra senza sfiorarlo.
Quanto al test dell'alce...mmmmh

allocco ha detto...

Bellissima recensione, ma mi associo a Mezzotoscano... troppo MdM. Bravo Maurizio, ho vomitato sul monitor CVD.

Anonimo ha detto...

Questa palla ambulante è a dir poco inquietante, sembra uscita da un fanta b-movie anni '50...."SOS pianeta auto-di-merda!"

Anonimo ha detto...

guardiamo le opportunità che offre l'ovetto: 1- ritengo si possa parcheggiare andando di lato - 2- visto come impenna la si può "allunare" sopra i panettoni delle zone pedonali - 3 - non ci sarà mai la necessità di fare una "retro" - saluti da nonsonoio

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS