14

MORRIS MARINA ..by Michele Riccardi

MORRIS MARINA
LE VOSTRE RECENSIONI “La Marina è un' autosventura prodotta dalla British Leyland Motor Company tra il 1971 ed il 1980 e commercializzata solo con il marchio Morris (senza filtro). Per tutti gli anni sessanta le due "anime” (possedute) della British Motor Corporation, Austin e Morris avevano perpetrato modelli perfettamente identici attraverso una rete di vendita separata e in forte competizione, riuscendo ugualmente a ottenere vendite fallimentari.
Il management della neonata British Leyland si rese conto  che la situazione era paradossale, ma non di quanto fossero oscene le sue auto. I sofisticati modelli 1100/1300 e 1800, inoltre, non soddisfacevano quella fetta di clientela più affezionata (notoriamente sbronza di birra e il cui cervello era scarsamente irrorato di sangue a causa del colesterolo assunto per via di abbondanti breakfast a base di lardo fritto nel burro e uova al bacon con patate fritte) la quale prediligeva un'automobile semplice e tradizionale. Ma non per questo era il caso di affliggerli con questo piaga biblica che fu la Marina.
L'obiettivo dichiarato era quello di creare una concorrente per la best seller Ford Cortina, trazione posteriore, da produrre a costi contenuti (utilizzando componenti meccanici derivati da altri modelli); quindi un modello adatto per gli acquirenti "vorrei ma non posso", a cui la BL avrebbe venduto un modello "vorrei, ma non posso fare di peggio". Venne avviato così, nel 1968, il progetto Ado 28, che teneva conto delle caratteristiche della rivale Ford in più di un punto, per poi fare tutto il contrario. Tutte le componenti tecniche utilizzate per la Marina vennero mutuate (nel senso fornite dalla Mutua), per contenere al massimo i costi ed ottenere un buon margine di profitto unitario), da altri modelli del gruppo, che già non brillavano per efficienza né gradevolezza. Le sospensioni, per esempio, arrivavano dalla Morris Minor (che misurava e pesava la metà), così come l'impianto frenante misto (a volte frenava, a volte no). La cosa più interessante di questo modello è che, con l’intenzione di produrre un’auto conservatrice, tradizionalista, noiosa e anche un po’ bigotta, la BL spese 40 milioni di sterline dell’epoca, quando per progettare la innovativa, spregiudicata, giovanile e oscena Allegro ne spese solo 26. Insomma la BL non aveva certo  imparato a fare auto meno merdose, ma almeno spendeva la metà; se avessero smesso di produrre auto e dato 100 sterline al sottoscritto, avrebbero fatto contenti molti più automobilisti.
Anche la gamma dei motori non presentava novità: alla base si poneva il classico (e un po' vetusto) 4 cilindri con monoalbero laterale (con distribuzione ad aste e bilancieri e alimentazione a carburatore singolo) A-series di 1275cc da 57cv, mentre al top si poneva il B-series di 1798cc con 1 (83cv) o 2 carburatori (95cv); in ogni caso, le prestazioni restavano identiche, mentre i consumi aumentavano spropositatamente allo sferragliare di questi tritacarne arrugginiti. Le versioni in cui era disponibile erano fastback a 2 porte (che di “ fast” aveva solo la corrosione) definita impropriamente coupé, più propriamente culona  visto che per risparmiare sui costi, gli sportelli anteriori non erano allungati in proporzione al corpo vettura, bensì erano gli stessi della berlina 4 porte, o berlina a 4 porte in due allestimenti, De Luxe e Super De Luxe, molto ricchi, ma solo di problemi. Tra gli optional vanno ricordati l’aspirapolvere portatile  collegabile all’accendisigari, utilissimo per aspirare la polvere di ruggine che si depositava ovunque ancora prima di uscire dal concessionario, e il sistematico collasso delle sospensioni anteriori a causa della corrosione della scocca. Tutti e tre i motori disponibili (1300, 1800 e 1800 Twin Carburator) erano abbinabili ad entrambi  i corpi vettura disponibili e ad entrambi gli allestimenti proposti, giusto per garantire una democratica ripartizione di sfighe.
Al momento del debutto, avvenuto a Cannes nel 1971, la Marina  venne scambiata per la promozione un film dell'orrore fuori concorso e lo stesso Roman Polanski chiese di poterne scritturare un esemplare per il suo nuovo film, ma pare che neanche l’Anticristo la volesse guidare. Inoltre durante le prove effettuate nella presentazione alla stampa (rappresentata quasi solo da cronisti di nera), l'auto denunciava un sottosterzo clamoroso ribaltandosi anche in fase di parcheggio, specie nelle motorizzazioni più grosse. Neanche parlare dei freni, che era meglio non cercare nemmeno di azionare. La BL mostrò di accogliere le critiche della stampa e promise di migliorare queste imperfezioni, ma  nel senso di renderle ancora peggiori: insomma, non importava a che velocità si viaggiaste, era inutile sterzare o frenare, che tanto la Marina andava sempre per fatti suoi. Fu anche per questo che, pur ritagliandosi un proprio spazio commerciale, la Marina non ottenne mai il successo pianificato dalla British Leyland, anche perché per pochi soldi in più avreste potuto portarvi a casa una Fiat 131, una Ford Taunus, una Opel Ascona, e molte altre auto infinitamente più belle e e meglio costruite. Nel 1973 venne introdotta versione station wagon a 5 porte, denominata Marina Estate (ma vederla faceva venire brividi da Inverno).
La produzione cessò nel 1980, dopo 1.163.116 unità prodotte, di cui restano in circolazione 5 esemplari a scopo di massacro a colpi di pianoforte da parte dei conduttori di Top Gear.”

Recensione inviata da Michele Riccardi di Giussano (MB)

VOTA LA MORRIS MARINA 
QUESTO ARTICOLO FA PARTE DELLA SEZIONE LE VOSTRE RECENSIONI E CI E’ STATO INVIATO DA UN LETTORE DI AUTOdiMERDA. CONTRIBUISCI A MIGLIORARLO VOMITANDO SUL MONITOR.

14   COMMENTI :

Anonimo ha detto...

La Top di gamma, con il motore 4 cilindri 1800, era un polmonaccio di 1150 Kg, con 4 marce tutte sincronizzate che impiegava quasi 13 secondi per arrivare a 100 Km/h, una vera scodella da campo per cagarci dentro.
La velocità massima era espressa a soli 161 Km/h oggi raggiungibili anche con una vecchia Daewoo Matiz.

Il modello con motore 1698, percorreva 9km con un litro di succo, pesava 965 Kg e sfrecciava a soli 160 Km/h, cioè un solo Km/h in meno della 1800!! Invece la versione motorizzata 1300, non riusciva ad oltrepassare la soglia dei 140.

Solamente i modelli successivi vennero lievemente corretti e rivisti, ma come detto da Michele, sottosterzavano anche a motore spento. Avevano appesantito le fiammanti linee, innestando griglie anteriori in plastica, spoiler anteriore in poliuretano espanso in uso edilizio e paraurti smaltati a pennello con del nero opaco postmortem.

Venne sbeffeggiata persino in una puntata della serie televisiva Inglese dal titolo LIFE ON MARS. La scena riprendeva due poliziotti che dovevano, nella maniera più velocemente possibile, uscire dall'interno della Marina. Ma persero secondi importanti perchè restarono con l'intero sistema di apertura sportello in mano.
Una AdM veramente fenomenale.....
Bravo Michele, splendida recensione.
Luca.

mezzotoscano ha detto...

Condivido: una splendida recensione per un'AdM troppo a lungo dimenticata. La Marina meritava un adeguato rilancio... nel cassonetto dei rifiuti non riciclabili.

Pier ha detto...

Oh mia bella Morris no non mi lasciare
non ti devi sbriciolare oh no, no, no, no, no.

Anche a me piacerebbe entrare in una Marina,
ma non questa.

centraline ha detto...

ahahah. Ma dai.. è un classico però

Anonimo ha detto...

per fortuna gli inglesi hanno smesso di fare automobili.
maurizio

Bandito ha detto...

La cosa che mi lascia perplesso è che ne abbiano prodotto 1.163.116, mi domando chi le abbia comprate, forse degli scarabei stercorari?

mezzotoscano ha detto...

Caro Bandito, condivido la tua perplessità ma non va dimenticato che la richiesta di AdM sembra sempre essere molto superiore all'offerta... E' il mercato, bellezza!
Parola d'un inveterato acquirente di AdM!

manny ha detto...

che un pianoforte cada su di esse....
top gaer dixit

Anonimo ha detto...

Ha soppiantato la J5, non capisco come in Inghilterra ne hanno vendute a vagonate, in particolare modo nei primi anni dal lancio. Per fortuna che la Innocenti non ha costruito anche quest'altro canchero su licenza BMC Leyland.

Anonimo ha detto...

La Leyland Marina serie III era in vendita anche con la motorizzazione a 6 cilindri in linea. Con motore da 2.6 litri e 112 CV a 4500 giri/min. A richiesta cambio automatico Borg-Warner(Village) a 3 rapporti sessuali. La velocità massima era di 180 Km/h ed un consumo di carburante pari a 15 litri per coprire 100 Km. Ovviamente non importata in Italia.
Sempreverdeficus per servirvi.

Anonimo ha detto...

La Morris Marina potrebbe essere considerata la versione Britannica della Simca Chrysler 160!

Anonimo ha detto...

Se la guardate bene non e' nient'altro che una "OPEL KADETT" versione "te' delle 5" piuttosto che "pretzler, weisswurst e birra". Anche in questo caso..... non si parlera' di lei nei libri di scuola ma era tutto sommato un'auto "onesta".

vecchio ha detto...

ahahaha hahaha ragazzi la morris marina!! grazie per avermela ricordata! che risate e momenti di ilarità ha regalato al mondo quella macchina! quando ho guardato le puntate di top gear avevo le lacrime agli occhi.
ne hanno vendute tante perchè era una delle auto più veloci che si potessero comprare a parità di prezzo. infatti a differenza di quanto si pensi era più veloce della concorrenza sul dritto. come prezzo era a livello del maggiolone, della kadett ed escort, simca 1100 tutte sui 45 cv. inoltre rispetto a queste la marina era pure più grande. per esempio era parecchio più grossa della 128.
il problema di questa macchina oltre alla qualità (in confronto il maggiolone era un'altro pianeta) era l'assetto e lo sterzo che erano qualcosa di grottesco. ricordo che una volta quando ero in vacanza con la kadett cty ne seguivo una, appenza c'era un tratto dritto mi lasciava parecchio indietro ma alla prima curva la raggiungevo, pareva di seguire una barca.

Il Commendatore ha detto...

A Malta ne circolano ancora tante, la maggior parte sono tenute in modo maniacale, un buon 20% non le vorrebbe nemmeno un profugo...

Inserisci un Commento

Attenzione: i commenti NON sono moderati. Perchè?



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME                  TORNA SU                  INDICE GPS