• Meglio davanti o da dietro?
    L'importante è uscire in tempo. Da una AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Dracula è esistito veramente.
    E c'aveva pure la patente!
  • Ce l'hai piccolo? Non disperare, c'è chi ha la Smart.
    Pistolini vaganti, su AUTOdiMERDA.
  • Chi ha inventato il primo fuoristrada radioattivo?
    Armi chimiche e AUTOdiMERDA: il connubio perfetto.
  • Esistono gli ectoplasmi? E come si vendono?
    All'etto o al chiloplasma? AUTOdiMERDA lo sa!
  • Chi ha ucciso l'auto elettrica? Come si è spenta?
    AUTOdiMERDA fa luce sulla questione.
  • E' nato prima l'uovo o la gallina?
    Indagini ANOgrafiche senza preliminari, solo su AUTOdiMERDA.
  • Il buongiorno si vede dal mattino?
    Allora Oggi è proprio una AUTOdiMERDA!
  • Sembrano incinta ma si chiamano SUV.
    AUTOdiMERDA con gravidanze isteriche: sintomi e cause.
  • Esistono gli extraterrestri?
    Sono venuti o ce li hanno mandati? Scoprilo su AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Fumare lo spinello fa male al cervello.
    Cambia pusher o passa da AUTOdiMERDA.
  • Quando la diarrea ti sorprende, sorprendila con AUTOdiMERDA.
    AUTOdiMERDA: vasto assortimento di bagni chimici.
  • Scopriamo il lato B delle AUTOdiMERDA.
    Perchè nella vita ci vuole Qubo. Ma anche no.
  • Lo sapevate? Anche le auto possono galleggiare.
    Soprattutto se sono AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? I cessi dei Faraoni erano a forma di piramide.
    Vasi egizi scomodi, solo su AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Se vi puzzano i piedi siete fortunati!
    Avete pestato una AUTOdiMERDA.
  • Scandalo auto blu. Anche i puffi indagati.
    In Italia, più figure di merda o AUTOdiMERDA?
  • La sfiga vi perseguita anche quando siete nella cacca?
    Figuratevi in una AUTOdiMERDA!
  • Esiste il colpo di fulmine?
    Cercalo, su AUTOdiMERDA a prima vista.
  • Lo sapevate?La riforma scolastica introduce una nuova Materia.
    Storia delle AUTOdiMERDA.
  • Dove si nasconde lo scarrafone più grande del mondo?
    Solo qui, su AUTOdiMERDA... che culo!


51

ISETTA

isetta 
ITALIA Attenzione: Questa recensione non è adatta ai bambini di età superiore ai 36 mesi.

L’Isetta era un ovetto Kinder con la sorpresa che venne prodotto dalla Casa dolciaria italiana Iso tra il 1953 ed il 1956 e, su licenza, a Casa del bambino Kinder tedesco BMW tra il 1955 ed il 1962. Per capire le origini di questa micro-delizia, occorre fare un salto indietro nel tempo, esattamente fino al 1939, anno in cui Renzo Rivolta fondò la ISO, una ditta molto attenta agli standard di gestione della qualità con sede a Genova, specializzata in impianti di refrigerazione ad uso industriale e privato e nella produzione di elettrodomestici.
Terminata la seconda guerra mondiale però, Renzo RivoltaRenzo Rivolta  (1908 – 1966) è stato un ingegnere italiano. Fondatore della scuderia Iso Rivolta, negli anni 50 ha sviluppato la microvettura Isetta che ha venduto in Italia, ma divenuta famosa grazie alla licenza rilasciata a BMW. Negli anni 60, Rivolta ha prodotto la Iso Grifo ed altre auto sportive. volle fare una rivolta, decise di convertire la produzione di elettrodomestici a quella di motociclette e automobili montando le ruote a tutte le lavatrici in magazzino. Quello che aveva in mente era però un automezzo che doveva essere semplice come una moto, ma con guscio chiuso come in un'auto e possibilmente lavare il bucato. Per realizzare il nuovo Merendero, si affidò a Ermenegildo Preti e Pierluigi RaggiPierluigi Raggi (a sinistra) è  stato un progettista italiano. Ha partecipato, con Rivolta e Preti, alla progettazione della Iso Isetta. Ermenegildo Preti (a destra) fu un pioniere dell'aviazione, docente universitario e pilota, progettò numerosi tipi di aliante., due impavidi bambini con gli attributi e due croccanti palline meringate sotto. Il primo prototipo fu realizzato nell'estate del 1952 e già prefigurava molte delle soluzioni tecnico-ballistiche presenti sulla vettura definitiva, come il corpo vettura "ad uovo", la meccanica di derivazione motociclistica e la presenza di un unico portellone frontale con il volante solidale ad esso, che andava a costituire praticamente l'intero muso della vetturetta. Tale prototipo era inoltre provvisto di tre sole ruote: due davanti ed una dietro, soluzione presto abbandonata quando ci si accorse durante alcuni test su strada della sua inaffidabilità in caso di foratura
con conseguenti ribaltamenti: una sorpresa su cinque era una frattura del femore. Si scelse perciò una soluzione intermedia, ossia quattro ruote, delle quali le due posteriori molto ravvicinate tra loro per risparmiare sul differenziale (tirchi genovesi!). Quanto al motore, esso era inizialmente un monocilindrico a due tempi ripreso pari pari dal motociclo Iso 200, della cilindrata di 198cc (poi rialesatoL'alesatura è una lavorazione  meccanica per correggere l'assialità e il diametro dei fori, chiamato alesaggio. Si esegue a mano con gli alesatori montati sul giramaschi oppure a macchina con l'alesatrice. a 236cc) ed in grado di erogare circa 8 CV. Il modello definitivo fu presentato in anteprima alla stampa all'inizio del mese di aprile del 1953 e la reazione del pubblico fu di grande stupore di fronte a questa vettura dalla forma simile ad un ovetto di cioccolato disciolto al sole. Per tranquillizzare i genitori fu comunque sottolineata la presenza di +latte/-cacca.
Rispetto alle principali concorrenti, l’Isetta vantava prestazioni di tutto rispetto, riuscendo ad arrivare ad una velocità massima di 85 km/h quando rotolava. I posti a sedere erano costituiti da una semplice barretta di cioccolata asportabile e commestibile che offriva spazio solo a due persone o al massimo a tre in dieta; dietro tale panchetta vi era uno spazio occupato per metà dal piccolo monocilindrico a due tempi e per metà da un piccolo vano atto a sistemare micro sorprese. Dopo aver ingurgitato tutta questa cioccolata perlomeno il tetto, in soffice tela, era srotolabile tipo carta igienica, così da trasformare l’Isetta anche in un piccolissimo ma necessario cesso a cielo aperto. Tra le sorpresine giocattolo si potevano trovare anche i modellini smontati delle “IsettaCarro” furgonate e Pick-up, facilmente assemblabili grazie alla cartina di istruzioni acclusa.
Della Isetta ne condividevano circa l’80'% delle parti pur avendo le ruote posteriori disposte in uno schema tradizionale con differenziale. Furono i mezzi da lavoro ideali per gli stretti vicoli dei paesotti italiani, anche se non molti  ne sopravvissero e i restanti ci rimasero incastrati.

ISETTACARRO PICKUPISETTACARRO FURGONE 
 
La commercializzazione cominciò nell'autunno dello stesso anno, ma le cose, fin dall'inizio non andarono bene dal punto di vista commerciale: la piccola vettura non riusciva a vendere, erano ben pochi gli esemplari che trovavano un acquirente. Si pensa che tale scarso esito commerciale in Italia era dovuto al prezzo (“chiavi in mano” di 335.000 Lire) di poco inferiore a quello della  Fiat Topolino. A causa di tale insuccesso, Renzo Rivolta cominciò a cercare un'acquirente per tale progetto e dopo alcune ricerche lo trovò nella BMW, un'azienda che in quegli anni stava attraversando una profonda crisi commerciale dovuta ai postumi della guerra e all'insuccesso di praticamente tutti i modelli proposti dopo la fine del conflitto. La presentazione della nuova Isetta marchiata BMW avvenne il 5 marzo 1955 ad un prezzo di 2.580 Marchi (ca. 350.000 Lire dell’epoca). Alla fine del 1956, mentre in Italia la Iso Isetta venne tolta di produzione, la BMW Isetta continuò ad essere prodotta fino al 1962, naturalmente senza coloranti né grassi aggiuntivi. È però esistita anche sotto altre strane confezioni e con altre sorprese: fu prodotta  in Sudamerica a marchio Romi con retrotreno convenzionale a due ruote non ravvicinate ed in Francia a marchio VELAM anche in versione cabriolet.

ROMI ISETTAVELAM

L’Isetta fu proposta anche per il pubblico statunitense che, abituato com'era alle vetture extra-large, anziché guidarla, se la mangiava. Fu una delle principali cause di obesità in America.


VEDI L'ANNUNCIO IN FORMATO .PDF ANNUNCI DI MERDA: € 8.950,00
Vendo BMW Isetta Cabriolet 1956, modello molto raro in discreto stato tranne per la carrozzeria arrugginita, il motore bloccato, le ruote ovalizzate, fari spaccati, vetri rotti, e sedile bruciato. No perditempo”




isetta - VIDEO DI PRESENTAZIONE

51   COMMENTI :

felo ha detto...

non ho parole meglio che mi rimetto a lavorare!!!!

Silvio B ha detto...

La isetta è una delle auto piu geniali che si siano mai inventate, il primo mezzo di molti italiani che fino ad allora viaggiavano in vespa e lambretta. Ma non solo.
La Isetta ha SALVATO la BMW dal fallimento, infatti il successo avuto a marchio Bmw in Germania ha consentito alla casa bavarese di sopravvivere in una situazione di cassa disastrata.

Onore ad un'auto geniale che peraltro è la madre della Smart moderna, creata dalla genialità italiana con 50 anni di anticipo

Anonimo ha detto...

Dai su, non prendertela così, non puoi negare che a guardarla fa schifo!

Andrea mi

Silvio B ha detto...

Ha invece una estetica simpatica e per quei tempi molto innovativa,

poi certo se qualcuno avesse immaginato che grazie a questo simpatico ranocchio la Bmw ha potuto sopravvivere per creare quei tanker-bidoni abominevoli che sta producendo oggi, dall'X6 alla serie5, alla ciabatta col nome di serie 1.... allora si, forse era meglio se la Isetta non si fosse mai messa sul mercato :-)

Anonimo ha detto...

mamma mia che orrore !!! se devo andare su a questa qua preferisco la morte !!! che supermerda !!! e fortuna che non la fanno piu' a parte che a me faceva cagare pure la prima 500. che macchine del cazzo !!!

Anonimo ha detto...

questa era la macchina di steve urkel di 8 sotto un tetto.

yugopotamiano (Mark Chang) ha detto...

carina dalla faccia simpatica e utile dato che ha salvato la bmw dal fallimento.

pietro mastroleo ha detto...

Adeguarsi al mercato è la regola di buoni manager. La Bmw si è salvata da sola perchè fiutando l'andamento dell'epoca, presentò al pubblico una microcar con una propria personalizzazione che la distingueva dal modello cui derivava e da altre merdacce che, stranamente, l'utenza in quei tempi era ghiotta.
Forse le bombe della seconda guerra mondiale oltre che al tritolo erano state arricchite di ...Stronzio e per giunta radioattivo. Non trovo altra spiegazione al momento.
Pietro Mastroleo

pietro mastroleo ha detto...

http://bmw.hweb.ch Troverete un prototipo che fa sperare sia la nuova isetta. E' carina

Anonimo ha detto...

KE FIGATAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!

Anonimo ha detto...

a me piace

roobi ha detto...

se non costasse più della mia attuale vettura, l'avrei già acquistata!! bellissima!

Anonimo ha detto...

Bellissima!

Stiui ha detto...

Adoro l'"ideal standard", ehm, l'"Isetta standard", un bel pò di meno la "export".
Con quel guscio mi sembra la carlinga di un aereoplanino e mi fa tanta simpatia e tenerezza.
Anche se le tirate merda, io rido con voi... ...però... ...la adoro!;-)
Ciao Isetta, fà la brava e non sporcare troppo!:-)

Anonimo ha detto...

altroche' di merda, quest'e' stata un auto geniale. L'idea era di proporre un mezzo piu' sicuro alle migliaia di lambrettisti e vespisti, cui traffico italiano era pieno. Purtroppo e' stata lanciata male (alcuni ricordano negli anni 50 in giro con la pubblicita' di un noto aperitivo: grande sbaglio di marketing). Qui in Brasile, la Romi-Isetta e' stata la prima automobile costruita interamente in terra brasiliana. Ma e' stato un flop: chi si poteva permettere un'automobile, di certo non si sarebbe comprato una Romi. Poi c'erano le terribili condizioni delle strade, micidiali per auto come l'Isetta. Brasilia compira' 50 anni l'anno prossimo e sono tante le fotografie che vedono l'artefice della costruzione di questa citta', il pres. Kubitschek, a bordo di una Romi!
Saluti da Brasilia, Malbert

AUTOdiMERDA ha detto...

Ciao Malbert e grazie delle tue visite e dei tuoi commenti, un salutone anche te da cosi lontano :)
Sarei curioso di leggerti anche sulla Brasilia :)

Anonimo ha detto...

Che str****!Era strageniale e originale per quei tempi.

Anonimo ha detto...

L'apertura era anche comoda per i diverbi sulla strada. L'automobilista corpulento ed incazzereccio poteva aprire la portiera sul davanti ed estrarre agevolmente per il bavero il rag. Giandomenico Fracchia del caso.
Pier

Anonimo ha detto...

è stupenda. La si può ammirare anche in un video dei Depeche Mode girato in Italia

Anonimo ha detto...

Auto geniale, è vero che ha salvato la BMW dal fallimento.
Coraggiosa esteticamente, è molto più simpatica della snob pro-pro-pro-nipote Smart, costosissima e simile ad un giocattolo a molla, adatta al pirla che spende 15mila euro per avere due posti ed un girarrosto.
La Isetta doveva motorizzare una società uscita da una guerra disastrosa, in pratica era uno scooter coperto, ma resta assolutamente una genialata, c'è poco da dire.
Tra l'altro, oggi ha collezionisticamente prezzi piuttosto alti (rara da trovare su ebay e abbondantemente oltre i 10-12 mila euro).
W l'Isetta !!! Ennesima prova che i tedeschi ,tanto bravi, alla fine commercializzarono un'idea italiana.

Davide

Anonimo ha detto...

La nonna delle microcar :-)

Sbido ha detto...

Grandiosa. Prima o poi me ne faccio una, non sessuamente parlando...

vaisecco ha detto...

Nooo dai, la progenitrice della Smart!! Un'auto che stava avanti con i tempi... sicuramente la linea era atipica, ma per me era/è carina!

Anonimo ha detto...

E' una vettura eccezionale, naturalmente da rapportare all'epoca e al periodo storico. In Italia è stata un fallimento, da ricercare sia nel cattivo marketing (come diceva un lettore in un precedente post) sia in un comportamento della fiat, al tempo molto più potente di quello che si potrebbe immaginare.

Anonimo ha detto...

Una microcar ante-litteram!

Anonimo ha detto...

Io aggiungerei anche l'Heinkel Kabine!

Anonimo ha detto...

bella anche l'idea del carrello spesa incorporato , coi manici che sporgono dal retro

Anonimo ha detto...

e una figata e stata una bella invenzione per gli anni 50

mezzotoscano ha detto...

Un'antico aneddoto afferma che gli irlandesi, per fare uno scherzo agli scozzesi, inventarono la cornamusa, solo che gli scozzesi non si sono mai accorti che si trattava d'uno scherzo.
Qualcosa di simile si porebbe dire per l'Isetta: gli italiani l'inventarono per fare uno scherzo ai tedeschi; la differenza sta nel fatto che i tedeschi (sia pure con notevole ritardo) s'accorsero che si trattava d'uno scherzo.

Anonimo ha detto...

e' stata una microcar rivoluzionaria anni 50, (sessanta anni fa)meccanica eccellente si poteva parcheggiare fronte marciapiede grazie allo sportello frontale
a confronto le attuali microcar quelli si, sono auto di merda

Anonimo ha detto...

L'ing, Preti,professore di aeronautica del Politecnico di Milano, nel primo dopoguerra aveva progettato un mini-elicottero.
Non trovando costruttori , ne utilizzò la cabina per realizzare l'ISETTA geniale micro-vettura , costruita poi dalla Isoterm, e poi su licenza anche dalla "B.M.W".

Anonimo ha detto...

ma era lo stesso Preti della famosa industria dolciaria? quella della Sacripantina? ora si spiega tutto!!

mezzotoscano ha detto...

Ricordo il "Sacripante" Preti, veramente buono; e ricordo anche l'Isetta... No buono!

SnowglobeMania ha detto...

Carina e tondeggiante, mi ricorda le sfere con la neve... Sarebbe simpatico averne un modellino in casa.

LONEWOLF ha detto...

SIMPATTICA MACCHININA CON IL PORTELLONE ANTERIORE DI ACCESSO UN INNOVAZIONE D'AVANGUARDIA

Anonimo ha detto...

Mi dispiace...ma definendo l'Isetta auto di M. hai toppato

Anonimo ha detto...

come hanno fatto a metterla su quella casa?

Anonimo ha detto...

Come auto è carina però i maggiori punti deboli di questa macchina erano,che non aveva la retromarcia e se la do vevi mettere in garage o in un parcheggio con il raggio di apertura del portellone anteriore occupato da qualche ostacolo(muro o auto) non potevi ne scendere e ne salire

Anonimo ha detto...

L'isetta, oltre ad essere un progetto innovativo, è stata l'antesignana di molte city-car contemporanee.
Quindi errato ad inserirla in un sito del genere!
E' un'auto che dovrebbe suscitare interesse a chi capisce e conosce l'auto e soprattutto il design.
Ma...per cultura, siamo ben lontani a progetti così ben mirati..ora si acquista solo l'inutilità e la vacuità.
Nonostante il momento delicato e vicino ai problemi ambientali, c'è chi ancora insiste ad acquistare il suv!!
Cassoni inquinanti senza scopo, se non quello di occupare spazio vitale e colmare l'arroganza di qualcuno ancora troppo "piccolo" dentro.

enzo ha detto...

In questo sito sono presenti moltissime auto importanti, che per vari motivi hanno fatto la storia dell'auto; perché è un errore inserire l'Isetta in questo contesto? Sarà stata anche l'antesignana delle attuali city car (all'epoca si chiamavano bubble cars), anche se con esse hanno ben poco in comune, in quanto Isetta e similari, altro non erano che delle moto vestite. A chi piace a chi ne capisce potrà sembrare anche un capolavoro di design, e sicuramente lo è; ma non è affatto un atto di lesa maestà definirla una ADM.

aldamar ha detto...

Bella Bella e ancora Bella!!

Anonimo ha detto...

...Sei proprio un idiota...

Anonimo ha detto...

E' l'auto che ha risollevato la Bmw dalle ceneri della guerra e a mio avviso è ancora mitica!!!

Anonimo ha detto...

Un CAPOLAVORO del design e della progettazione automobilistica. Noto che molti ignoranti non riescono a cogliere la bellezza e la filosofia di questa vettura, meglio così!

mezzotoscano ha detto...

Sii meno categorico, signor 44. Non si tratta d'ignoranza, ma del fatto che tanti all'epoca non erano ancora nati. Io invece c'ero e, vedendo l'Isetta, pensai "che pena!". La Topolino non costava tanto di più ed era assai più "macchina", tant'è vero che, solo tre anni dopo l'Isetta non fu più venduta in Italia e la 500 cominciò la sua marcia trionfale. A mio avviso l'Isetta fu presentata troppo tardi e a un prezzo fuori mercato.

mezzotoscano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Salve ragazzi cerco isetta completamente da restaurare se sapete qualcosa fatemi un fischio grazie FB ANTONIO MAISANO MANDI MANDI

Anonimo ha detto...

Scusate......ma li avete visti i prezzi di questa auto.minimo 20.000/25.000
Poche auto hanno questo valore
Questo dice tutto

Unknown ha detto...

non scherziamo, questa macchina è una incredibile genialata e secondo me andrebbe ricuperata con i dovuti aggiornamenti per alleviare i problemi di traffico e di inquinamento.

Anonimo ha detto...

È un'auto bellissima, la solita genialata che, come la Olivetti Lettera22 e il telefono, gli stranieri c'han fregato. Insieme alla 500 è una delle auto "hanno rimesso in moto" l'Italia.

Anonimo ha detto...

...CONCORDO...

Inserisci un Commento

Oppure SCRIVI la tua recensione su AUTOdiMERDA!



ATTENZIONE: QUESTO SITO NON VUOLE PROMUOVERE PROPAGANDE DIFFAMATORIE NEI CONFRONTI DEI MODELLI E DEI MARCHI CITATI CHE APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI E NON SONO CONCESSI IN LICENZA. I CONTENUTI SONO RIELABORAZIONI UMORISTICHE E SURREALI DEGLI AUTORI E NON SI RIFERISCONO IN ALCUN MODO ALLE SPECIFICHE TECNICHE, QUALITATIVE E DI SICUREZZA EFFETTIVE DEL VEICOLO.
IL SITO NON E' RESPONSABILE PER I COMMENTI PUBBLICATI DAGLI UTENTI. ►DISCLAIMER


HOME       TORNA SU