• Meglio davanti o da dietro?
    L'importante è uscire in tempo. Da una AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Dracula è esistito veramente.
    E c'aveva pure la patente!
  • Ce l'hai piccolo? Non disperare, c'è chi ha la Smart.
    Pistolini vaganti, su AUTOdiMERDA.
  • Chi ha inventato il primo fuoristrada radioattivo?
    Armi chimiche e AUTOdiMERDA: il connubio perfetto.
  • Esistono gli ectoplasmi? E come si vendono?
    All'etto o al chiloplasma? AUTOdiMERDA lo sa!
  • Chi ha ucciso l'auto elettrica? Come si è spenta?
    AUTOdiMERDA fa luce sulla questione.
  • E' nato prima l'uovo o la gallina?
    Indagini ANOgrafiche senza preliminari, solo su AUTOdiMERDA.
  • Il buongiorno si vede dal mattino?
    Allora Oggi è proprio una AUTOdiMERDA!
  • Sembrano incinta ma si chiamano SUV.
    AUTOdiMERDA con gravidanze isteriche: sintomi e cause.
  • Esistono gli extraterrestri?
    Sono venuti o ce li hanno mandati? Scoprilo su AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Fumare lo spinello fa male al cervello.
    Cambia pusher o passa da AUTOdiMERDA.
  • Quando la diarrea ti sorprende, sorprendila con AUTOdiMERDA.
    AUTOdiMERDA: vasto assortimento di bagni chimici.
  • Scopriamo il lato B delle AUTOdiMERDA.
    Perchè nella vita ci vuole Qubo. Ma anche no.
  • Lo sapevate? Anche le auto possono galleggiare.
    Soprattutto se sono AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? I cessi dei Faraoni erano a forma di piramide.
    Vasi egizi scomodi, solo su AUTOdiMERDA.
  • Lo sapevate? Se vi puzzano i piedi siete fortunati!
    Avete pestato una AUTOdiMERDA.
  • Scandalo auto blu. Anche i puffi indagati.
    In Italia, più figure di merda o AUTOdiMERDA?
  • La sfiga vi perseguita anche quando siete nella cacca?
    Figuratevi in una AUTOdiMERDA!
  • Esiste il colpo di fulmine?
    Cercalo, su AUTOdiMERDA a prima vista.
  • Lo sapevate?La riforma scolastica introduce una nuova Materia.
    Storia delle AUTOdiMERDA.
  • Dove si nasconde lo scarrafone più grande del mondo?
    Solo qui, su AUTOdiMERDA... che culo!


79

AUSTIN ALLEGRO

austin allegro
GRAN BRETAGNA L'Austin Allegro era un’allegra cagata espletata dalla simpatica società inglese British Leyland e venduta tra il 1974 ed il 1983 con marchio Austin Motor Company, frutto della matita di Harris Mann, un divertente psicopatico adesso rinchiuso in un manicomio criminale. La Allegro era una burlona 2 volumi a 2 o 4 porte (mancava il portellone posteriore) rivolta a dei clienti squattrinati di fascia medio bassa e tutto sommato non molto sorridenti. Tutto sommato i soldi non fanno la felicità, ma sarebbe meglio restare tristi guidando una Lamborghini piuttosto che un’Allegro.
La scelta aziendale di non dotare la vettura di un portellone tradizionale al tetto fu già la prima barzelletta di cattivo gusto, la seconda fu la necessità di montare motori e impianti preesistenti ripresi dagli altri modelli Leyland adattando e “rigonfiando” il disegno della carrozzeria a tale scopo, motivo per cui la Allegro si traformò subito in una grassa risata e venne soprannominata in Madre Patria "the flying pig": il “maiale volante”.
Celebri restano le sue sospensioni “Hydragas”Inventato  dall'ingegnere britannico Alex Moulton, l'Hydragas fu una evoluzione del sistema Hydrolastic. Fu introdotto nel 1973 con la Austin Allegro e funzionava tramite la compressione meccanica di sfere contenenti azoto. a ruote indipendenti: praticamente ognuna di esse era libera di sobbalzare e ruttare autonomamente. Questo raffinatissimo schema prevedeva, attraverso un circuito idraulico, l'interconnessione tra la ruota anteriore e quella posteriore del medesimo lato, ma al posto delle molle e degli ammortizzatori c'erano delle sfere riempite di gas: quando una sfera si comprimeva per effetto di uno scuotimento della ruota, dal radiatore usciva acqua frizzante pronta da bere. Per il resto la meccanica era classica: trazione anteriore, cambio a 4 rapporti e impianto frenante misto (alle volte frenava,  altre no).
La Allegro venne prodotta in tre serie, la prima delle quali venne costruita, tra il 1974 ed il 1976, su licenza dalla Innocenti di Milano e commercializzata con  il nome di Innocenti Regent. Al momento del debutto sul mercato italiano tutti si misero a ridere anche se differisse dall’Allegro humour inglese per piccoli particolari: la mascherina anteriore e il libretto delle istruzioni in italiano scritto da Gino Bramieri.
Innocenti Regent - autodimerda.itIn Italia fu commercializzata con il nome di Innocenti Regent...

Umoristici gli interni, con la plancia in pezzo unico ed il caratteristico volante ovale per permettere al conducente di avere più spazio, alzare una gamba e scoreggiare, anche durante la guida. Introdotta nella sola versione a 4 porte, ebbe poco successo e quando nel 1976 l'Innocenti passò dalla British Leyland alla De Tomaso, la produzione della Regent cessò. Interrottasi la produzione della Regent la gioviale British Leyland, non contenta, decise di importare in Italia direttamente la Allegro, giunta nel  frattempo alla seconda edizione rimasterizzata. Le vendite non migliorarono di molto (strano!) e anche la station wagon Estate, con lo stravagante disegno della parte posteriore fu un fiasco.
Austin Allegro Estate - AUTODIMERDA.ITLa station wagon Estate con lo stravagante disegno della parte posteriore...

Molti, inoltre, videro nel fiasco (di vino) la scelta inadatta sul mercato italiano del nome “Allegro” che poteva suonare come... “ubriaco”, nonostante la maggior parte dei suoi acquirenti erano già noti alcolizzati locali.
Nel mercato interno fu proposto anche un restyling della Vanden Plas, una gamma più rifinita che contraddistingueva le vetture più lussuose della Casa, con interni in pelle, cruscotto in radica e soprattutto una più ampia griglia anteriore molto british, ma anche parecchio fetish.
Vanden Plas Allegro - autodimerda.itNe fu proposto anche un restyling della Vanden Plas...

Prodotta in allegria in più di 650.000 esemplari giulivi (anche se al 2016 nel Regno Unito ne risultavano solo 195 sopravvissuti alla ruggine), lasciò il posto alla Maestro nel 1983 diventando così l'Allegro Maestro, poi nota anche come l'Allegro Chirurgo.




dubito
VEDI L'ANNUNCIO IN FORMATO .PDF
ANNUNCIdiMERDA: ARS 8.000 (€ 1.700)
”Vendo Allegro con tristezza, dentro ci feci la mia prima tragica trombata all’età di 40 anni, ma la tipa mi lasciò. Poi mi lasciò anche la macchina: me la rubarono e mi rassegnai, ma nonostante la depressione, la ritrovai con gli stessi ricordi sulla tappezzeria. Il modello è del 1981 ma il motore è nuovo perché la usavo solo quando ero allegro, cioè mai...”


AUSTIN ALLEGRO



79   COMMENTI :

MaTTe ha detto...

Meccanismo di voto collaudato egregiamente!
L'auto era brutta davvero, però complimenti a quelli che hanno prodotto lo spot che sono riusciti effettivamente a farla sembrare decente! a presto sui rispettivi blog, MaTTe

Jerry ha detto...

Auto meravigliosa...Molto disprezzata, ma a me piace un botto!

Anonimo ha detto...

..piuttosto che averla...preferisco camminare
a piedi...

Anonimo ha detto...

io l'ho avuta, bella macchina. Peccato che se ne cadeva letteralmente a pezzi a pochi giorni dall'acquisto (nuova).

Anonimo ha detto...

Che carinaaaa! Si è vero, ha un bel sederoneee! :oP

Anonimo ha detto...

Non è per niente malaccio!

Anonimo ha detto...

La versione con 4 fari somiglia molto alla fiat Ritmo, comunque bella auto :U

Renato ha detto...

Ho un bellissimo ricordo di quest'auto in quanto io e la mia bellisima ragazza passavamo pomeriggi interi a baciarci col sottofondo di tante belle canzoni di Anne Murray, Carole King, Diana Ross...
Adesso è diventata la mia dolcissima moglie e teniamo come un gioiellino, la nostra "inglesina"...

Anonimo ha detto...

il mio ex suocero lavorava nella fabbrica
e ne ebbe una
lasciate perdere
a tutt oggi ha poco da star "allegro"
(in cambio gli diedero una bicicletta)

Renato ha detto...

Io c'è l'ho dal 1981 è la terza serie (quella col retronebbia per capirci...) ed ho rifatto oltre alla solita manutenzione ordinaria, solo 2 volte la frizione e il parafango anteriore dx che cominciava a fare le bollicine di ruggine.
Per il resto è perfetta, mai mai MAI nessun problema anche in rapporto alla Rover 75 che ho preso nel 2003 che mi ha dato un bel po' di rogne col motore che perdeva potenza quando passavo dalla 3° alla 4°...

margheritazarcone ha detto...

A me piace tanto specie cabriooooo...
Qui in Italia però in questa versione non l'ho mai vista!

Anonimo ha detto...

C'è poco da stare allegri..

Anonimo ha detto...

Davvero carina la berlina :)

Paolo ha detto...

Personalmente mi ricorda moltissimo l'Alfasud. E' vero?

pietro mastroleo ha detto...

solo una scopiazzatura focata all'inverosmile, come hanno fatto tanti a corto di idee.


Ho imparato dall'ALFA
(Enzo Ferrari)

Anonimo ha detto...

Classica auto anni '70, sarà, non ci trovo nulla di brutto...anzi!!!

Anonimo ha detto...

Che duciii!

Thrasher ha detto...

bah sarà, quell'auto fa cagare anche me. Che sia un caso che la Allegro sia stata prodotta in italia dalla bistrattata Innocenti, relegata spesso a produrre baracche di bassa qualità già prodotte da altre fabbriche dalla dubbia sicurezza? (vedasi Zastava Yugo/Innocenti Koral 45) XD

MarcoZ ha detto...

Carina...

Anonimo ha detto...

maronna che tristezza paranoica..roba da buttarsi di sotto....

Anonimo ha detto...

la prima serie è quasi identica all'alfasud prima serie;guardate bene le coppe copriruota di una e dell'altra

Anonimo ha detto...

Belle sia Alfasud che Allegro!!!Tanti bellissimi ricordi di noi ragazzi che abbiamo vissuto a cavallo tra i '70 e gli '80...

Anonimo ha detto...

Ne ho avuta una del '78: era un cesso. unica attenuante, con gli stessi soldi allora compravi la Fiat 127 "base", ed effettivamente l'Allegro era più spaziosa e comoda per la famiglia

luca.88sd ha detto...

dai apparte la bionda sul cofano fa schifo....ma cosa e..... non ne devono presentare robe così.....l'unica cosa come dice anonimo dell 3:22pm e che era economica.ma era brutta......

Anonimo ha detto...

l'Austin Allegro non era un gran chè......poi venne l'Austin Maestro e......poi?.....poi venne la FIAT STILO versione moderna e corretta dell'Allegro......ma sempre schifo fà!!!!!

Anonimo ha detto...

Se non ricordo male l'ultima serie della Maestro, pur di venderla, l'avevano dotata di un "computer di bordo" che parlava di produzione giapponese.
Mi date conferma oppure ho sbagliato vettura?
Franco

Anonimo ha detto...

A me ricorda parecchio l`Alfasud (saranno le borchiette tonde cromate?). Per non parlare della versione Estate (andatevi a vedere l`Alfasud Giardinetta nella sezione "Transformers" del blog). Sarà pure un` AdM ma non la trovo poi così orrenda...

Anonimo ha detto...

Vadi per la berlina(che brutta secondo me poi nn era,e comunque meglio di auto come la tofas e le tata),ma la versione SW,contenuti a parte,faceva veramente cagare.SEmbra un carro funebre...

Pier ha detto...

Mi ricordo l'articolo di Quattroruote (o Gente Motori li compravo entrambi), che presentava questo modello ai lettori; si intitolava così:
"Austin Allegro. Ma dove sono i motivi di questa allegria?".
Evidentemente ancora ce lo chiediamo!
Pier

Anonimo ha detto...

Era più la ruggine che la vernice

stefaudio ha detto...

ce l'aveva un mio amico, non gliel'ho mai perdonata :-D

Anonimo ha detto...

Il ragazzo con cui uscivo, ne aveva una.
Il colore era bruno cacchetta.
Mi vergognavo andare in giro con quella COSA.
Dentro era ancora più scomoda e quel vellutino puzzava di rancido.
Un giorno gli dissi.
Cambiati questa COSA, ho non uscirò mai più con te.
La settimana entrante mi si presentò con una ancora più brutta.
E il che è molto difficile
SORPRESAAAAA mi disse!!
Era una Austin Maetro (esiste la Maestro ho mi sono del tutta sbagliata?) color sabbia!
Questa era ancora più brutta!

Anonimo ha detto...

Anonima delle 10:15 sicuramente preferivi la Panda coi sedili di plastica, col vellutino ti sentivi troppo snob, eh! :D


Cmq complimenti per l'amore che hai nel cuore, se lo avessi amato davvero, pure col carroattrezzi ti saresri accontentata di uscire! -_-"

manny ha detto...

quando arrivo con l austin MESTRUO
allora si avevi la scusa per non uscire con lui........

Anonimo ha detto...

Ma tu caro Manny, si che sei MASCHIO, non tua sorella(^_^)

Anonimo ha detto...

Cara anonima delle 10:15, la MAESTRO è esistita eccome: in pratica era l'erede dell'ALLEGRO (anke se, come x quest'ultima, c'era assai poco di cui rallegrarsi). Sappi ke come auto qui da noi fu 1 fiasco commerciale colossale (ALLEGRO docet!),quindi il tuo "ex" era 1 vero e proprio esperto di ADM (anke a giudicare dagli "elegantissimi" colori in cui le scelse). X la cronaca vi era in listino anke l'assai + aggraziata versione a 3 volumi, cioè con la coda, battezzata MONTEGO (e ke costava quasi uguale: strano ke non la scelse, aveva di gran lunga 1 migliore "presenza scenica" - idem la SW battezzata ESTATE - ). Se non vado errando stiamo parlando dei mitici anni '80, ho ragione? Bacioni -ELLEMME-

Anonimo ha detto...

Mi risulta, l'abbia costruita persino la Innocenti, battezzandola con il nome di *REGENT*.
Che mal progetto questa Allegro, porcazzozza.
L'Austin/BMC sborsarono una vagonata di soldi per tale sega rotativa - nome in codice;
BMC ADO16>Rover.

Su carta, i finestrini erano ancora più voluminosi, una sottospecie di PAPAMOBILE.
Bruttissima, sconclusionata!

Io non me la ricordo bene come era fatta dentro, credo si dovesse stare comodi sia seduti che in posizione orizzontale, le sedute ed i velluti non erano proprio scadenti. Certo se poi puzzicchiavano, significa che ci si scorreggiavano ininterrottamente vangate di fagiolate a nastro. Oppure era talmente presa dalla ruggine che l'umidità era di casa. La particolarità del suo interno era lo sterzo con forma rettangolare o sbaglio?

IO la trovo ripugnante come il morbillo, anche perchè quel tipo di sospensioni Idromatic, non mi sono mai piaciute.

La Maestro/Montego, avevano linee troppo tese e spigolose, aveva un cambio unito a sè, con i condom della DUREX, Così optarorno per dotarla di un miglior cambio, preso in prestito della VW Golf.

La ragazza su, ha ragione quando afferma che la Maestro era ancora più smerdante della Allegro!
La M. aveva un motore troppo obsoleto e beone, per non parlare della ruggine type Alfasud per intenderci. Se prendevi una curva a 115 Km/h, rischiavi di perdere le portiere ed il tappo della benza, mentre se pioveva, dovevi coprire con una cerata, tutti i bagagli della bauliera.

La Vanden Plas, alias il modello più esclusivo, aveva in dotazione uno scassaballe di sintetizzatore vocale nel cruscotto. Ti dettava anomalie anche quando la vetura era in perfetta e smagliante forma o ti diceva di allacciarti le cinture appena aperto lo sportello lato guida e persino quando le tenevi in ordine ben allacciate!!
Queste sono AdM, assieme alla Bredvan!!

Luca

Anonimo ha detto...

Sono capitata per caso in questo sito, giorni addietro. Lo trovo ben fatto, ironico, sorridente. Ma non certi commenti, conditi a parolacce e volgarità!
Poi avevo notato anche la bidone della Allegro del mio ex - ex - ex e non ho saputo resistere nel contribuire ad un piccolo commento mio strettamente personale.
Il mio secondo commento, quello riferito all'Anonimo 10.54, non e stato postato da adm.
Non voglio sindacare il lavoro da voi fatto, ma volevo solo far capire che avendo 17 anni circa, all'epoca dei Paninari e delle Lady Dark, mi vergognava farmi notare in giro con una macchina così brutta.
Non sono mai stata una snob, ma persino mio papà, mi prendeva sempre in giro. Lui orgoglioso proprietario di una Maserati Kamsin(?).
Non voglio dire che ero abituata a filare in Autostrada a 280 Km orari, ma forse Papà aveva ragione; c'era poco da stare allegri con una Allegro.
PS in strada pricipale ci fermammo assieme al rosso di un semaforo. Il mio ex mi disse: c'è tuo papà.
Io dalla vergogna mi nascosi sotto i sedili.
Maria Sole.

Anonimo ha detto...

Cara Maria Sole, ke bella la MASERATI KHAMSIN (si scrive così):tuo padre denotava davvero buon gusto a palate(anke se c'è da dire ke pure comprarla e mantenerla costava "a palate").Ti do' ragione appieno x quanto riguarda certi commenti "ipervolgari"(da antologia certi fatti da 1 anonimo nella sezione dedicata al SSANGYONG KORANDO)sparsi qua e là per il sito.Come contrastare certi "hooligans" della parolaccia,quando non addirittura dell'insulto? Con l'ironia:1 risata gli seppellirà!A proposito,se non ho interpretato male,dovremmo essere + o - coetanei (personalmente sono del'72).Nonostante non fossi 1 paninaro e/o yuppie, le ALLEGRO/MAESTRO non piacevano neppure al sottoscritto.Perkè?Semplice:non erano né ALLEGRE, né MAESTRE di stile.Con simpatia -ELLEMME- PS:Caro ADM xkè non hai postato il secondo commento della nostra simpatica Maria Sole?Ke dici,rimediamo?...

AUTOdiMERDA ha detto...

Non ricordo il commento e non ho la possibilità di recuperarlo, ma se l'ho eliminato ci sarà stato un motivo, poi si sa nessuno è perfetto e potrei aver frainteso. Sorry Mary.

...but the shit must go on

Anonimo ha detto...

dai raga ma l'avete vista e qualuno dice ke è carina!!! bo:)

Anonimo ha detto...

Bellina , ma quello che l'ha disegnata...era proprio "allegro" ahahah...

Sbido ha detto...

Bellissima, una linea impareggiabile e innovativa per l'epoca

Anonimo ha detto...

Ecco,questa è un AdM senza possibilità di appello!!!

Anonimo ha detto...

Veramente ricorda l' Alfasud.

daniel78 ha detto...

da piccolo mio padre aveva questa bellissima auto, ma la chicca è che era bianca con cappotta in finta pelle marrone scuro..un ottimo abbinamento auto-finiture!!!

Anonimo ha detto...

Ho avuto una Regent 1500. Auto ottima per prestazioni(migliori di tante auto sulla carta più blasonate), tenuta di strada e confort. Anche i consumi erano allineati con le auto del tempo.In ogni caso: il volante era quadrato e non ovale.

Anonimo ha detto...

Quest'auto si chiamerà anche Allegro, ma a me non fa ridere per niente!

Anonimo ha detto...

Lo slogan dell'Austin Allegro nel 1977 era "Allegro 1100 L'Auto Intelligente", ma dov'era però tutta questa intelligenza?

Il Conte Cecchi ha detto...

Ho avuto sia la versione normale che la station wagon...mio dio...anni 80.....che disastro!!

Anonimo ha detto...

Ma noooo....mio padre ha avuto una Innocenti Regent per 11 anni, che emozione!
Mi ricordo, oltre al volante dalla forma strana, che aveva di serie il contagiri, cosa non da poco per una 1300 cc economica del '74.
Quante dormite sul sedile posteriore nel tragitto (rigorosamente notturno) Paullo-Riccione!
Grande Grande Grande Regent (non l'Allegro eh!)

Anonimo ha detto...

FINALMENTEEEE !!! premio speciale della giuria e nomination della critica ( se sei donna anche premio INGANISSIME) per aver detto 'quante dormite' anzichè il solito 'mi ricordo le trombate'
.... che poi in macchina è scomodissimo, ti ritrovi sempre il pomello del cambio nel deretano e finisce che ... cambi squadra

Anonimo ha detto...

Il padre di un mio amico ne aveva una ultima serie con il tetto in similpelle. Molto ben accessoriata rispetto alle concorrenti; per il resto era un cesso vestito a festa.

Enzo

Anonimo ha detto...

Era veramente brutta l'aveva il padre di un mio compagno delle elementari, però la Maestro era anche peggio, da me ne ho visto in vita mia 2 una in un fosso, cmq scusate ma non me la paragonate all' Alfasud perchè tranne la ruggine che se la divorava per il resto aveva una bella linea ed un ottimo motore.

Anonimo ha detto...

Se Enzo del commento 53 dice che per il resto l'Austin Allegro era un cesso vestito a festa, per me allora è lo Scrondo con le autoreggenti!

Anonimo ha detto...

io ne ho avuto due... una Allegro 3 serie rossa e una Prima serie del 78 e sono state le auto con il cambio a 4 marce migliore del mondo.. senza parlare delle sospensioni.. bellissime.. mi manca molto! sigh!

Anonimo ha detto...

Ho avuto la Regent 1500L. Ottime prestazioni, ottimo confort, ottima tenuta di strada. Ho percorso bel 275.000 Km senza un solo guasto. Ho soltanto cambiato i dischi dei freni!!!!! E nelle strade di montagna piene di curve, ho sembre dato la polvere a tante altre auto più potenti!!!!!! All'autore dell'articolo: si aggiorni preima di pubblicare!!!! Il volante era quadrato!!!!

Anonimo ha detto...

l'Allegro 3 era molto carina, line morbide e curatissimi gli interni, il motore 1.1 era una bomba, 160km/h di tacchimetro un giorno con mio padre abbamo sverniciato mio zio che aveva il Discovery 2.5td con le sospensioni era un casino, ma in 150mila km fatti andandoci a caccia come se fosse stata un fuoristrada, mai cambiati, mai fatta manutenzione straordinaria, le cromature sulle porte erano uno spettacolo, mai un puntino di ruggine, e non la paragono neppure alla ritmo del '80 o alla opel kadet o l'arna dell'alfa, quelle sì che facevano schifo in confronto.... poi per chi non l'ha conosciuta, stia zitto, prenda le foto delle macchine che ho citato, compresa l'allegro, e le paragoni...... ricordandosi che da oggi ad allora sono trascorsi 32 anni!!!

enzo ha detto...

Già è assurdo prendersi sul serio, farlo con l'auto di famiglia può talvolta farlo apparire delirante. Io c'ero e conosco L'Allegro; confermo che a livello di allestimenti, finiture e confort era meglio, in qualche caso anche molto, delle dirette concorrenti dell'epoca, ma esteticamente era un cesso vestito a festa. Lontana anni luce dai nostri gusti e troppo più vicina a quelli britannici dell'epoca, con quei tetti in vinile che facevano letteralmente cagare, tanto per citare uno degli esempi dell'orrido made in GB. Aveva un ottimo motore ma nulla di eccezionale, anche alcune sue concorrenti facevano i 160, e in qualche caso non solo di tachimetro.

P.S. @58
Verso la fine degli anni settanta, mio padre con una Dyane sorpassò in pieno rettilineo una Giulietta, quella con la coda tronca, perché questi stava parcheggiando. A distanza di tanti anni ci facciamo un sacco di risate ricordando l'episodio, ma noi non ci prendiamo sul serio, e men che meno le nostre automobili.

Anonimo ha detto...

a me piaceva molto mi ricorda la vecchia scuola inglese di auto che ora non esistono +

Anonimo ha detto...

Fu la mia prima macchina. Comprata nuova nel 1976. Un vero cesso quanto a estetica e affidabilità. Però bisogna dire che costava forse meno di una Fiat 127 rispetto alla quale offriva quattro porte e un'abitabilità nettamente superiore. Tra i (pochi) pregi dell'Allegro un trattamento anticorrosione molto migliore delle auto italiane dell'epoca e un confort più che accettabile. La meccanica era datata: motore della Mini ad aste e bilanceri su tre supporti di banco, carburatore inglese SU, impianto elettrico da spavento, componentistica "cheap". Però ripeto: Fiat 127, Peugeot 104, Renault 5 ecc. erano più piccole e/o costavano di più...

G ha detto...

Anche mio padre ha avuto una Leyland/Austin/Rover Allegro! Rossa, 4 porte. Tra la mini gialla con il buco sul pianale e l'alfa 33 color beige visone (ovvero cagarella). mio padre è un intenditore.
La prima auto che ho guidato. Su un campo di pannocchie. Complimenti per il blog!

Anonimo ha detto...

Vi ricordate la METRO? Non e' che fosse poi molto meglio. Di lei pero' ricordo una comunque "simpatica" versione "nobilitata" dal marchio VANDEN PLAS, nome di un'antica casa belga/britannica specializzata nella costruzione di carrozze prima e auto di lusso poi. Interni particolarmente eleganti arricchiti di pelle e radica. Una versione un po' piu' "british" ed "exclusive" della RENAULT 5 LIMITED. Ricordo un servizio su di una rivista specializzata che intitolava "UN "METRO" DI ROLLS ROYCE!" (la VANDEN PLAS aveva anche collaborato con la ROLLS ROYCE durante la sua esistenza).

Giordano ha detto...

Cara anonima 32,

ho posseduto diverse macchine anche contemporaneamente ma non l'auto in questione.
Alcune delle mie vetture erano blasonate ma quando andavo al primo appuntamento con la ragazza di turno negli primi anni 80 portavo l'inssidabile 500 L del 1969 di mio nonno.
Credo che una donna non debba badare troppo all'apparenza della vettura ma alla persona che ha di fronte.
Oggi, dopo 15 anni di matrimonio mi diverto ancora con mia moglie e mio figlio a girare con il cinquino d'estate con il tettuccio aperto e i capelli al vento anche se quotidianamente utilizzo una vettura della casa che ha come stemma la stella a tre punte.
Mia cara l'abito a volte non fa il monaco........
Per me l'Allegro era una macchina simpatica.
Un saluto internazionale a tuti i patiti delle auto, qualunque esse siano.

aldamar ha detto...

C'era poco da stare Allegri!

Anonimo ha detto...

Sono un appassionato di automobili e a suo tempo ho posseduto un' austin allegro.Ad un prezzo contenuto offriva più della maggioranza di auto simili, l'affidabilità invece lasciava a desiderare ma era un'inglese di quel tempo e tutti sappiamo com'è andata a finire l'industria automobilistica di quel paese. Una cosa per finire; La lingua italiana oltre ad essere bellissima è atta a descrivere anche le più sottili sfumature,non facciamone uno scempio, poi smettete d'insultare e usare parole che non vi fanno certo onore.

Anonimo ha detto...

La mia migliore auto posseduta in 46 anni di guida! Vengo ad elencare nell'ordine il mio mazzo di crisantemi: Fiat 500, Simca 1000, Ford Escort 1100, ALLEGRO 1.1HL, Montego 1.6HL Estate, Rover 416 Sw, e in ultimo Peugeot 307 Sw! Ma se devo avere un ricordo marcato di un'auto in particolare questa è l'Allegro!Aveva in sè cose uniche e in contrasto aberrazioni da marziani! Interni e finiture da Jaguar, consumi olio da trattore Landini! Rumorosità interna assente,sospensioni tragicamente paurose! http://www.youtube.com/watch?v=3SOAuGHZ7Cwalore di mercato dopo 4 anni di vita = 0 !!!! Introvabile concessionario per ritiro mezzo anche con contestuale acquisto del nuovo! Ne decido il funerale presso un rottamatore,certo Checco ROTOLONI, accompagnato dall'intestataria dell'auto mia zia REGINA Maria, in una mesta mattina di uno scialbo Novembre! L'auto fu demolita mediante pressa meccanica e pochi minuti dopo mi fu consegnato il relativo foglio di rottamazione che così recitava: in alto "Autofficina "ROTOLONI" e in basso l'intestataria del mezzo Austin Allegro Sig.ra "REGINA" Maria. Compresi subito l'origine del poi famoso slogan commerciale: ROTOLONI REGINA ! Dopo tutto la fine è la medesima, si gettano i Rotoloni Regina e si getta l'Allegro!!!

Anonimo ha detto...

Se non ne avessi posseduta una non avrei mai immaginato una macchina con così tanti difetti.

Anonimo ha detto...

CE ne sono state di peggio..qualcuno menziona la fiat stilo..altri la sud,dell'alfa..e la duna? La koral, Della innocenti? Le vecchie Daewoo?..l'ami6,l'ami8?..la Sandero ?l'attualissima 500l ? Be,vogliamo parlarne?diciamo pure che noi Italiani,le nostre auto le paghiamo care..troppi soldi!!!..quindi a volte siamo costretti a puntare su un modello estero,forse dalla linea un po exotica..ma che almeno ti FA risparmiare..

Anonimo ha detto...

l'ha posseduta anche mio padre...un cesso

Anonimo ha detto...

era rossa i sedili puzzavano di cane bagnato,mi ricordo che aveva sempre problemi ...ma con il senno di poi non era bruttissima ...se solo avesse avuto il portellone ...ed un po' di affidabilità...e degli ammortizzatori "normali"
rimane comunque nel mio cuore...è una parte della mia infanzia.

Anonimo ha detto...

Io l'ho avuta :-( è stata la mia prima auto, non era malaccio tutto sommato, chissà perchè è durata poco, subito dopo presi la VW golf

Anonimo ha detto...

Pensa che io lò posseduta... Nessuno dei miei amici voleva salirci in quanto ondeggiava e faceva venire il mal di mare. Poi sono andato a finire fuori strada ( ho fatto 4 capottamenti consecutivi) ed ho rischiato di morirci dentro. DIO CHE INCUBO.....

Anonimo ha detto...

checchè se ne dica, io la ereditai con appena 6000 km da un mio zio acquisito... era il modello Estate ovvero la Station Wagon.... ebbene, dicevo, l'ho rottamata con 332.000 km (serio) senza mai aprire il motore... non ha mai detto di no anche a pieno carico e sulle salite più impervie, mai lasciato per strada... è vero che aveva molti difetti, ma se si conoscevano si evitavano tranquillamente.... :)

Anonimo ha detto...

Pure io ne vidi una in un fosso 24 anni fa, da pochissimo ne ho rinvenuto una abbandonata da una vita. Ne aveva una il padre di un mio compagno delle elementari sabbia con tetto in vinile marrone, era veramente BRUTTA!!!

Anonimo ha detto...

Il mio papa' compro' la versione "Estate" colore avorio con tetto in vinile marrone nel 1983 e la usava sia per lavoro che svago le frasi piu' belle in quelli che la vedevano la prima volta erano::::ma e' un carro funebre???SSSSSSSSSSSSSSSIIIIIIIIIIIIIIIII

Anonimo ha detto...

Catorcio...

Anonimo ha detto...

Forse non era molto affidabile per la ruggine, ma l' Austin Allegro nel design e' degna di essere battezzata " loredana berte' " , comunque Allegro ed Innocenti Regent sei bellissima.

Unknown ha detto...

Alla versione Estate mancava solo la croce in ottone sul tetto, era un carro funebre perfetto!

Inserisci un Commento

Oppure SCRIVI la tua recensione su AUTOdiMERDA!


Attenzione: questo sito non vuole promuovere propagande diffamatorie nei confronti dei modelli e dei marchi citati che appartengono ai legittimi proprietari e non sono concessi in licenza. I contenuti sono rielaborazioni umoristiche e surreali degli autori e non si riferiscono in alcun modo alle reali specifiche tecniche, qualitative e di sicurezza dei veicoli. Il sito non e' responsabile dei commenti pubblicati dagli utenti.
Ulteriori informazioni disponibili alla pagina Disclaimer.
Home - Torna su